A mia immagine e somiglianza

Una delle grandi gioie della civiltà moderna è, come sappiamo, l’immersione del giocatore nel gioco. Come vedevamo proprio l’altro giorno, non vi è nulla di più soddisfacente che vedere noi stessi scalare montagne, segnare alla Francia durante la finale dei Mondiali, sterminare generazioni di alieni malvagi e salvare tettute principesse dalle grinfie del cattivone di turno.

Sempre più spesso infatti, i videogiochi ci propongono putentissimi tool per poter elaborare da zero le fattezze del protagonista, un’ottima occasione per poterlo rendere la nostra fotocopia virtuale da mandare in giro per il mondo di gioco. Il precursore assoluto di questa corrente (altrimenti detto, origine di tutti i mali) è naturalmente il fantabulosissimo titolardo divora soldi di EA, The Sims.

Chi non si è mai immaginato nei panni del protagonista di un libro, di un film? Se vi è successo anche con un gioco, allora siete a cavallo.

La stragrande maggioranza di editor del personaggio la troviamo dove la nostra impronta personale ha più valore, ovvero nei GDR, soprattutto di matrice occidentale. Ecco che al momento di cominciare la partita, appare l’editor.

Quante ore passate cercando di riprodurre un qualche essere che mi assomigliasse, senza alcun risultato, e in caso di scarso successo, magari avere poi il personaggio costantemente di schiena o sempre con l’elmo, la maschera, il cappello a tesa larga. Se non altro ci sono anche Rockband e Guitar Hero a regalarci qualche soddisfazione, li possiamo creare (seppur con uno stile abbastanza caricaturale) un noi stesso finalmente sempre inquadrato dalla telecamera.. ovviamente può farci caso solo chi ci guarda giocare, visto che noi non possiamo distogliere lo sguardo dalla partitura dello strumento.

Pertanto possiamo tutti capire che optare per la personalizzazione dettagliata del personaggio è una scelta strettamente personale.

Se non sappiamo resistere al gusto di vedere i nostri tratti somatici appiccicati al corpo di un ammazzadraghi sventrapapere, possiamo anche considerare di perderci preziose decine di minuti, se invece non amate perdere troppo tempo in questioni puramente veniali come questa, o, come me, siete semplicemente negati, una somiglianza appena accennata basta e avanza. E perché no, anche andare avanti con la scelta standard del computer, a volte ha il suo perché..

Voi che ne pensate?

matyas

Prova a cercare ancora!

viper5

Zelda Breath Of The West – Zelda sviluppato in Occidente

Se Viperfritz non va a Zelda, allora Zelda andrà a Viperfritz. Questo è un pò ...

Lascia un commento