Digital Delivery: siamo sicuri?

abits_luivslei_digital_deliveryCome la vedo io è ormai cosa nota.
Fino a qualche anno fa non ho mai nascosto di essere arroccato sulle mie idee.
Digital Delivery? Pfui.”

Oggi non è più così, o almeno non lo è più totalmente.
Grazie a Steam, ma soprattutto grazie a smartphone e tablet, ormai l’acquistare applicazioni (tra cui videogiochi) in formato only digital è ormai entrato a far parte del mio DNA di videogiocatore.
In certi casi oserei dire che questa progressiva forma di accettazione sia stata quasi “forzata”, in quanto alcuni giochi del psn o li compravo in digitale oppure nisba… e mi sarei perso chicche come Unfinished Swan, Journey, eccetera.

Per tirare le somme direi che preferirò sempre il formato fisico con custodia e disco per un fattore collezionistico, ma se il futuro sarà costellato di giochi più che validi venduti solamente in formato digitale e soprattutto sarà caratterizzato da forti scontistiche rivolte al DD, sicuramente accetterò molto più volentieri questa forma di transazione.

Detto ciò, cosa si sente dire in giro?

Che il Digital Delivery sarà una strada intrapresa da chiunque per scavalcare e di conseguenza sconfiggere l’acerrimo nemico di Software House, Publisher e di tutti coloro che cercano di trarre il maggior profitto dalla vendita dei propri giochi. Chi?

Il mercato dell’usato… o per meglio dire… GameStop.

(Sia chiaro che con GameStop intendo qualunque altra catena di grande distribuzione trattante usati: Opengames, Mediaworld, ecc. ecc.)

La domanda che mi pongo io è…
Ma ragazzi, è davvero così?

Secondo me in teoria sì, ma in pratica no.
Non per questa e per la prossima generazione almeno.
Non per i prossimi 5-6 anni.

Personalmente non credo che né il blocco dell’usato, né il solo formato digitale, né tantomeno l’abbandono di GameStop possano essere una mosse che portino giovamento a chi necessita di vendere. Non ancora almeno. Non siamo ancora pronti.

Penso non solo alla mamma che deve comprare GTA5 al proprio bimbo di 8 anni e che non sa nemmeno cosa sia il DD, ma anche a tutti coloro che non hanno una connessione veloce, a tutti coloro che non hanno una nemmeno UNA connessione.
Sembra incredibile, ma zone d’Italia, come del resto d’Europa, ancora non sono raggiungibili.

Ma questo lo sappiamo tutti.
Ciò che forse non sanno ancora tutti è che le prove del fatto di non voler ancora abbandonare GameStop esistono e sono più che tangibili.
Stamattina ho pubblicato un articolo riguardo l’annuncio di CoD Ghosts.

Pochi minuti fa mi è arrivata una mail di GameStop.
Vieni da noi, vieni a prenotare CoD Ghosts… ti daremo subito una skin di Cod Ghosts esclusiva da utilizzare in Black Ops 2“.

Ebbene signori, ciò può sembrare una stronzata, ma dietro questa operazione commerciale sono presenti accordi tra Distributori e Publisher che evidentemente mostrano la loro intenzione di voler andare a braccetto ancora per un po’.

Ora passo la palla.
Secondo voi quanto potrà durare ancora questa forma di simbiosi?

Detto in parole povere, quanto potrà vivere ancora GameStop?
(i commessi che stanno leggendo sono autorizzati a toccarsi le palle)

farenz

 

Prova a cercare ancora!

thegamefatherslive59

The GameFathers Live #59 – Lune e Fiori d’Arancio

Nintendo… si sa… sa far felici grandi, piccini, mezzosangue, invertiti. Ancor più nello specifico, Super ...

76 Più commentati

  1. Secondo me alla fin fine tutti i negozi che vendono usato, quando ci sarà il cambio da disco fisico a DD, semplicemente faranno accordi diversi e cominceranno a guadagnare su quello anzichè sul gioco retail (sicuramente meno, ma comunque sempre un guadagno ci sarà)…il tutto perchè, se ragioniamo dal punto di vista “mondiale”, le grandi case non potranno permettersi una pubblicità così tanto invasiva come lo è avere un Mediaworld, un Gamestop (o Eb Games o altro) che gli piazzi vetrine su vetrine di prodotti, che metta pagine di promo con i prodotti Sony o Nintendo…quindi secondo me semplicemente ci sarà un ridimensionamento, ma continueranno ad esserci

  2. Io sono ancora aspramente legato alle copie non digitali…non ce la faccio, son così belle li in fila :(

    • …cmq i segnali da te citati, gli accordi, li interpreto proprio come te. Anche secondo me sarà difficile vedere la fine di GS nel breve periodo e sia bene inteso, per me non è affatto un male. Forse attirerò le ire dei più, ma ammetto di averci comprato dei giochi usati, anche se praticamente prediligo sempre la copia nuova, il classico esempio è: gioco usato a 9 e 99, nuovo a 12= lo prendo nuovo.
      A me poi piace uscire un pomeriggio per una passeggiata e magari entrare in un GS o simili e uscire subito con un paio di titoli in mano, da provare o anche solo avere subito…ma ammetto che si tratta di un abitudine, non di una necessità.

  3. Spero proprio che questa sara l ultima generazione col supporto fisico.
    Gia con le connessioni di adesso e’ fattibile, fra 7 anni avere una fibra non sara cosi strano.
    Collezionare non ha oiu senso per me. Non trovo piu una limited che mi dia il gusto di essere posseduta, ho tenuto giusto MGS4 quella incellophanata
    Bayonetta AU limited con pistola
    MGS collection limited
    Xenoblade
    Zelda SS
    Ichiban box di Yakuza 4
    TUTTO IL RESTO mi da fastidio averlo in giro, mentre tempo fa godevo solo a guardarli.
    Una filosofia nata con la PSP per non dovermi portare uno zainetto di odiosi dischetti in , perpetuata con iphone e ipad, per arrivare fino alle Home Console. Sara una filosofia nata col plus (oggi ho rifatto 3 mesi per scaricare cathrine e hitman absolution), ma visto che mi hanno tolto il piacere di avere delle custodie “preziose”, in modo che potessero appioppare allo spendaccione di turno bare con i contenuti piu idioti del mondo….
    Voglio la limitatezza, voglio che quando un appassionato entri mpdica “come caxxo hai fatto ad averla”, non “quanto hai speso al gamestop”.
    E ORMAI NON CI SONO PIU.
    Quindi viva il DD, e se voglio delle statuette ci sono i negozi APPOSTA di action figure, i quali sicuramente vendono roba meglio fatta di molti assemblaggi casuali di plasticaccia che vedo marcire nei gamestop.
    E delle “skin speciali” per il preorder ME NE FOTTO. Per me non vagono nemmeno la benzina per arrivare al centro commerciale, figuriamoci il tempo per arrivarci.
    Spero in una next gen con 1 TB di memoria, cosi non vedro piu nemmeno un disco al prossimo giro.

  4. Io, nonostante usi il DD preferisco di gran lunga le copie fisiche. Oltre ai vari motivi detti dal Farenzo, ci sono molti altre cose che verrebbero impossibilitate dal DD come il prestarsi i giochi tra amici. Poi per uno che è abituato a pagare in contanti, è una vera scomodità dover sempre aggiungere i soldi nella carta si credito.
    Un altro esempio è la memoria limitata delle console, una volta che è piena qualcosa devi cancellarlo, ok che si possono ri-scaricare gratuitamente, ma anche questo richiede il suo tempo, magari è un gioco vecchio anche solo di 6 mesi,te lo devi andare a cercare, scaricare, aspettare che si installi ecc… mentre con la copia fisica ce lo hai subito a portata di mano e ci giochi subito(anche se bisogna installarlo comunque in alcuni casi).

    • Preferisco a mia volta la copia fisica, “scatola e supporto ottico”.
      Però, rendiamoci conto che ci sono soluzioni anche home consumer che permettono tranquillamente di oltrepassare la soglia del Terabyte di dati…con un NAS (anche economico) ci sono possibilità di storage ben oltre i limiti imposti negli anni passati.
      Senza contare che la direzione presa dal mondo IT è indirizzata di fatto verso il cloud computing, pertanto, molto “hardware” non sarà più strettamente necessario in futuro.

      Per quanto concerne i pagamenti con carta di credito, bè, credo si tratti di un fattore personale…io non uso quasi più i contanti, ad esempio…quindi, comprare in negozio o via web, poco mi cambia.
      Anzi, tendo ad acquistare in questo modo dove trovo più conveniente farlo.

  5. Per rispondere brevemente alla domanda di Farenz (quanto vivrà ancora il Gamestop?) mi viene da pensare che molti di noi si fecero la stessa domanda con la catena dei Blockbuster, quando TV satellitare, flussi streaming (con servizi tipo Netflix) et similia furono alla portata delle masse…
    Forse Gamestop troverà il modo di sopravvivere in futuro, trovando una formula che Blockbuster non ebbe la fortuna di avere.

  6. il mercato dell’usato è una manna dal cielo anche per le SH
    spiego subito il motivo di questa affermazione che potrebbe sembrare una stronzata ai meno attenti
    esce il gioco X, day one 70 € e vende un milione di copie = 70.000.000€
    esce il gioco X, ma non c’è la possibilità di dare dentro l’usato, vende la metà = 35.000.000
    in pratica il “Sig. Gamestop” da un lato si assume il rischio di dover vendere l’usato che ritira e ci guadagnerà in futuro, mentre il “Sig.Softwarehouse” incassa come se il gioco fosse stato venduto senza ritiri di usato ed in cambio rinuncia a vendere in futuro altre copie visto che gli incassi dell’usato li prende il sig. gamestop

    • Parlando di giochi usati….magari vado un attimo OT.
      AC3: nuovo da Gamestop, trovato a 29,9 € (quindi, compreso codice per multiplayer incluso nella confezione); usato, trovato sempre da Gamestop a 27,9 € (senza codice multiplayer, venduto a parte a 29,9 €).

      Ora, assodato che al Gamestop siano dei fottuti geni (sarcasmo mode: off), ma chi è il furbone che si compra AC3 di seconda mano, visti questi prezzi?

  7. GS vivrà ancora tantissimo, è una realtà gigantesca e come tale non può permettersi di chiudere da un giorno all’altro. Proprio per la sua grandezza può esercitare una certa influenza sui grandi publisher, del tipo, io ti porto visibilità (per la capillarità dei punti vendita, e sia per l’usato, che contribuisce alla diffusione del gioco), guadagni (vende anche il nuovo e non a poco), invoglio la gente a far circolare l’originale, non la copia pirata…. questo sistema non è perfetto, ma andrà avanti ancora per molto. Il DD si sta’ ritagliando sempre + una fetta di mercato, Steam ormai è lo standard per il PC/Mac, i vari store per console ci stanno provando, anche se con risultati alterni. Il discorso di Farenz sulla connessione non è da sottovalutare, anche in altri paesi, come gli States, c’è il problema della connessione ad internet, problema che gli store “fisici” usano come leva per entrare nei mercati emergenti. Io vivo in una grande città (Roma…) e per i giovani non è certo difficile trovare un tecnico per fare la modifica alla console, eppure di Gamestop ne son piene le fogne, mentre i negozi privati hanno chiuso…. mentre fino a qualche anno fa era facile trovare marocchini che vendevano giochi per console/PC, pochi giorni fa ho notato che avevano soltanto cd musicali… mmmmhhh… mi fa’ pensare….

  8. Mi sto toccando alla grande caro Farenz

  9. il mondo non è ancora pronto per il dd e lo devono accettare, io sto usufruendo parecchio dei giochi gratis del plus negli ultimi 4 mesi e a parte che ho passato più tempo a scaricare il gioco stesso che a giocarci, devo stare continuamente a cancellare roba perché mi finisce lo spazio, e se voglio rigiocare a un gioco? ne devo cancellare uno e passare altri eoni a riscaricare quello di cui ho voglia, ad esempio hitman absolution e catherine che sono appena approdati sul plus sono rispettivamente 17 e 9 gb, solo hitman l’ho messo a scaricare a mezzogiorno e ha finito il giorno dopo, e installarlo neanche è stato molto piacevole, oltretutto ho dovuto cancellare un altro gioco, poi sarò strano io ma ad esempio con crash 3 warped e prince of persia classic regolarmente comprati mi sembra di non possederli perché sono solo sull’HD. sicuramente quando finirà il ciclo di ps4 e xbox spingeranno molto sul dd, uno dirà “vabbè per allora avremo HD più capienti e connessioni più veloci” si ma anche i giochi occuperanno moooolto più spazio di quelli attuali e quindi molto probabilmente si andrà a perdere il vantaggio dell’hd più capiente e connessione migliore, ma ci sono anche altri problemi, ad esempio la chiusura di un server e quindi l’impossibilità di riscaricare il gioco. il non cercare innovazione è sbagliato, se non si cercasse di innovare non avremmo ne il bluray e neanche i dvd, il problema è che vogliono scegliere la via più facile per loro senza sforzarsi neanche un po a pensare a una soluzione alternativa al retail oltre al DD

  10. bha io tutta sta convergenza verso il DD non la vedo sinceramente, puntualmente quando un titolo viene lanciato in esclusiva DD e vende bene dopo qualche tempo viene annunciata la versione retail, è successo così con The Walking Dead di TT, è successo con Journey (anche se mi sa che la versione retail è esclusiva USA) ed è successo anche con Limbo che se non ricordo male è finito una compilation con altri indie.
    E poi provate a pensare ad un CoD in esclusiva DD, non credo raggiungerebbe i numeri della versione retail!

  11. Mi lego ancora ai… dischi per la bassa necessità di spazio che occupano sulla console per poter funzionare. Scaricare i giochi è più pericoloso, almeno per la mia PS3 dalla bassa capacità di memorizzazione: due o tre volte ho dovuto cancellare videogiochi scaricabili solo dallo Store per altri nuovi. Tristezza infinita, rimorso, odio profondo. Vedremo cosa accadrà con la PS4.

Lascia un commento