Digital Delivery: siamo sicuri?

abits_luivslei_digital_deliveryCome la vedo io è ormai cosa nota.
Fino a qualche anno fa non ho mai nascosto di essere arroccato sulle mie idee.
Digital Delivery? Pfui.”

Oggi non è più così, o almeno non lo è più totalmente.
Grazie a Steam, ma soprattutto grazie a smartphone e tablet, ormai l’acquistare applicazioni (tra cui videogiochi) in formato only digital è ormai entrato a far parte del mio DNA di videogiocatore.
In certi casi oserei dire che questa progressiva forma di accettazione sia stata quasi “forzata”, in quanto alcuni giochi del psn o li compravo in digitale oppure nisba… e mi sarei perso chicche come Unfinished Swan, Journey, eccetera.

Per tirare le somme direi che preferirò sempre il formato fisico con custodia e disco per un fattore collezionistico, ma se il futuro sarà costellato di giochi più che validi venduti solamente in formato digitale e soprattutto sarà caratterizzato da forti scontistiche rivolte al DD, sicuramente accetterò molto più volentieri questa forma di transazione.

Detto ciò, cosa si sente dire in giro?

Che il Digital Delivery sarà una strada intrapresa da chiunque per scavalcare e di conseguenza sconfiggere l’acerrimo nemico di Software House, Publisher e di tutti coloro che cercano di trarre il maggior profitto dalla vendita dei propri giochi. Chi?

Il mercato dell’usato… o per meglio dire… GameStop.

(Sia chiaro che con GameStop intendo qualunque altra catena di grande distribuzione trattante usati: Opengames, Mediaworld, ecc. ecc.)

La domanda che mi pongo io è…
Ma ragazzi, è davvero così?

Secondo me in teoria sì, ma in pratica no.
Non per questa e per la prossima generazione almeno.
Non per i prossimi 5-6 anni.

Personalmente non credo che né il blocco dell’usato, né il solo formato digitale, né tantomeno l’abbandono di GameStop possano essere una mosse che portino giovamento a chi necessita di vendere. Non ancora almeno. Non siamo ancora pronti.

Penso non solo alla mamma che deve comprare GTA5 al proprio bimbo di 8 anni e che non sa nemmeno cosa sia il DD, ma anche a tutti coloro che non hanno una connessione veloce, a tutti coloro che non hanno una nemmeno UNA connessione.
Sembra incredibile, ma zone d’Italia, come del resto d’Europa, ancora non sono raggiungibili.

Ma questo lo sappiamo tutti.
Ciò che forse non sanno ancora tutti è che le prove del fatto di non voler ancora abbandonare GameStop esistono e sono più che tangibili.
Stamattina ho pubblicato un articolo riguardo l’annuncio di CoD Ghosts.

Pochi minuti fa mi è arrivata una mail di GameStop.
Vieni da noi, vieni a prenotare CoD Ghosts… ti daremo subito una skin di Cod Ghosts esclusiva da utilizzare in Black Ops 2“.

Ebbene signori, ciò può sembrare una stronzata, ma dietro questa operazione commerciale sono presenti accordi tra Distributori e Publisher che evidentemente mostrano la loro intenzione di voler andare a braccetto ancora per un po’.

Ora passo la palla.
Secondo voi quanto potrà durare ancora questa forma di simbiosi?

Detto in parole povere, quanto potrà vivere ancora GameStop?
(i commessi che stanno leggendo sono autorizzati a toccarsi le palle)

farenz

 

Prova a cercare ancora!

Far-cry-5-delayed-e1521216152769

La minestra riscaldata a volte è buona

Sto giocando a Far Cry 5, e mi sto divertendo tantissimo. Detta in tutta sincerità, ...

76 Più commentati

  1. Anch’io ho sempre preferito i formati fisici,ma Gamestop potra durare ancora un bel po’ col suo mercato dell’usato.

  2. IMHO Sicuramente almeno per tutta la next gen.

    Invece penso che quando si passerà SOLO al digital delivery allora sì che inizieranno i cazzi per il GS oppure potrebbero inventare nuovi accordi tra Publisher e Distributori.
    Chi vivrà vedrà ‘nsomma.

  3. Secondo voi quanto potrà durare ancora questa forma di simbiosi?
    Sicuramente nella prossima gen sarà cosi per me cmq in generale sarà difficile un totale abbandono della copia fisica per il mondo dei VG come lo conosciamo noi poi se passano al F2p o ai giochi di minkia del APP store be è un altro discorso.
    Di sicuro aumenteranno gli Online pass per il Multi e le microtransizioni cose per me superflue che non mi creano problemi anzi se c è gente che ci spende soldi sopra FANNO BENE a metterlo ovviamente NON devono toccare il single player in nessun modo
    Detto in parole povere, quanto potrà vivere ancora GameStop?
    Qui c è da dire per prima cosa che GS nel bene e nel male è la maggior catena di distribuzione di VG
    Se quest ultimi non distribuiscono le console la casa produtrice potrebbe avere seri problemi di vendità quindi la vedo difficile un blocco totale dell usato che farebbe fallire GS ci sono troppi interessi sia dalla parte dell SH e sia dal GS

  4. GameStop e negozi simili dureranno almeno per tutta la prossima next gen, magari potranno avere un calo graduale di anno in anno, ma dubito che prima o poi non tirino fuori qualche nuova trovata per riuscire a gudagnarci qualcosa; se così non fosse magari in un futuro vedremo alcuni GS chiudere e altri modificarsi radicalmente iniziando a vendere anche smathphone, tablet ecc ecc

    Comunque per quel che mi riguarda a prezzo identico preferisco le versioni retail, ma anche solo per 5 euro in meno vado di DD, non essendo un collezionista di videogiochi poco mi importa avere la custodia col dischetto in casa, l’importante per me è sempre stato videogiocare al gioco e via.

  5. Per far si che il DD batti il fisico devono calare il prezzo del DD notevolmente, non ci sono palle.
    Poi certo, se sono tutti scemi come me che possono comprare journey a €10 in DD ma aspettano il formato fisico a €40… bè, questa è un’altra storia.

  6. Quanto durerà non lo so, ma spero il più possibile.
    A meno che non abbia davvero alternative, denigrerò sempre il DD in favore della copia fisica, per una semplice ragione… non mi fido di un cazzo di nessuno.
    Non mi ricordo dove ho letto che un tizio ha perso il Nintendo DSi e, dopo averne acquistato un altro, ha scoperto che tutti i suoi acquisti digitali sono andati a puttane, perchè avrebbe dovuto trasferire i contenuti dal primo al secondo. Mi ci vedo ad andare dal rapinatore a chiedergli se mi presta il DSi rubato un attimo così faccio il trasferimento dei contenuti scaricati.
    Stesso discorso per il PSplus, fantastica la possibilità di scaricare a basso prezzo i giochi, peccato che se non rinnovi il servizio quei giochi li perdi per sempre.
    Se pago un gioco voglio possederlo al 100%, è mio punto e basta e lo deve essere per sempre. Per tutti i limiti che ho visto finora imposti dai vari servizi digitali non potrò mai sostituire un dvd/cartuccia con un download. Sarò conservatore ma si sa, noi genovesi siamo molto restii ai cambiamenti.

  7. con l’usato xbox720 gamestop durerà poco(ricordo che i videogiochi xbox -nex gen saranno monouso ovvero si può usare solo con quella console) per le altre console si vedrà

  8. ovviamente da quello che ho letto

  9. Il DD viene incontro alla necessità delle case di vendere mantenendo al minimo le spese: niente spese di trasporto, niente costi di impacchettamento, costi di mantenimento al minimo, il tutto dando la possibilità di avere un prodotto sempre disponibile e di conseguenza venderlo maggiormente.
    Ovviamente questa è una comodità enorme se e solo se il sistema di gestione è al pari di uno steam in cui posso backuppare quello che compro, con uno store con prezzi veramente più bassi della loro controparte scatolata, viceversa il mercato digitale europeo per le console è ancora in altissimo mare (vedi la differenza enorme tra mercato usa – japan -euro) sia sul lato della sicurezza informatica (vedi lo scandalo Psn che abbia dimostrato totale incapacità da parte di un’azienda simile di proteggere una mole di dati pari a quella di una banca internazionale), motivo per cui catene fisiche come Gamestop avranno un bacino d’utenza ancora ampio secondo me per molto tempo.
    Al giorno d’oggi queste catene provano a rivoluzionarsi, aggiungendo anche altri dispositivi nella propria faretra proprio per evitare di arrivare impreparati al momento in cui venderanno principalmente console, tuttavia dubito fortemente che la cosa basterà e rivedremo BlockBuster atto secondo.

    • [Edit]
      sia sul lato della sicurezza informatica (vedi lo scandalo Psn che abbia dimostrato totale incapacità da parte di un’azienda simile di proteggere una mole di dati pari a quella di una banca internazionale), sia sul lato pratico dei prezzi e offerte che non sono neanche paragonabili a quelli di uno steam, motivo per cui catene fisiche

  10. Io sinceramente spero che il DD si faccia sempre più piede nel mondo videoludico, soprattutto per un pc gamer come me… Prima o poi questo predominio delle varie catene finirà, basta solo staccarsi un pò dalla mentalità collezionista, molto spesso esagerata! Io credo che questa generazione può essere decisiva, speriamo.

  11. Io vorrei dire una cosa che va oltre ciò che è stato detto finora. Sono d’accordo con chi dice che continuerà con la versione scatolata per motivi collezionistici, sono d’accordo con chi dice che passerà al DD perchè conviene, sono d’accordo con chi mischia e mi interessa leggere opinioni su come si evolverà la situazione della distribuzione videoludica. Però poi mi guardo intorno e penso un paio di cosine molto semplici. Gli sviluppatori indipendenti si buttano nel DD, sviluppano per android o pc e poi se hanno fortuna (o soldi) riescono ad approdare su psn, eshop e marketplace. Gli sviluppatori con i publisher grossi dietro le spalle invece si buttano ovunque grazie ai soldi che gli consentono di pubblicizzare il prodotto in tutte le sue forme (e poi si lamentano che le vendite non hanno coperto le spese, grazie al cazzo). Parlando appunto di questi publisher, e specificando il fatto che da 3 anni sono sparite da internet tutte le pagine che accennavano ad un collegamento dei consigli di amministrazione di produttori di console/videogame e di distributori o rivenditori…credo che ancora per molto tempo saranno più interessati a far restare al loro posto (con il loro stipendio) tutte le persone che fanno parte della catena. La situazione è molto più ampia chiaramente e questo non è un discorso assoluto, ma credo che in alcuni casi sia stato e continuerà ad essere applicato.

  12. Spero il digital delivery non arrivi mai , insomma ho alice 7 mb che non mi va neanche ad 1 , ci metterei 1 mese per scaricarmi un Cristo di gioco !

  13. Amo STEAM, sono un suo utilizzatore dal 2005 e mi regala ogni anno sempre qualche novità. Poi ognuno la vede come melgio crede, io sono un appassionato di Bluray e colleziono i box “LE” o “CE” delle serie tv o film e se sparissero mi girerebbero le palle e non poco. Quindi posso mettermi nei panni di chi come me ha la stessa passione per i videogiochi…

  14. Lo so che è brutto da dire, ma l’unico modo per uccidere quella brutta bestia chiamata GameStop, a mio parere, è, da parte dei produttori (ci credo poco perché vanno tutti a braccetto appunto con GS), inserire il blocco dell’usato. L’utilizzo esclusivo del Digital Delivery in Italia sarebbe una pessima soluzione, con le connessioni che ci ritroviamo in confronto agli altri paesi sarebbe veramente il colpo di grazia a tutti i videogiocatori italiani.. a meno che ciò sia un incentivo per sviluppare le connessioni, che risultano obsolete; in questo caso ben venga. Però c’è da dire che la comodità del DD è relativa. Comprando giochi con il supporto fisico si dovrebbe risparmiare sia in denaro sia in spazio, ma lo spazio non viene eliminato, bensì cambia il suo aspetto: i giochi comprati online vanno comunque immagazzinati in un hard disk esterno (considerando quello della console a mio parere troppo limitato per contenere sia i giochi interi sia i salvataggi) e sono ancora soldi. Poi si dovrebbe anche considerare che se sbagli un tasto tutti i dati se ne sono belli che andati, e ciò scoccia a differenza del supporto fisico che è lì e lì rimane (solo i salvataggi possono per errore scomparire, ma il gioco no). Il DD sarà sicuramente il futuro, ma se questo servizio non viene ottimizzato potrebbe essere molto pericoloso (e se qualcuno hackerasse di nuovo il PSN? Sarebbero cavoli amari).

  15. Io sono fondamentalmente contrario al digital delivery, anche perché una volta che tutto sarà in DD la convenienza sparirà, così come l’usato o il prestarsi i giochi, insomma una grande ciulata per il consumatore.

  16. In generale non mi piace, preferisco avere la scatola.. però anche io spesso su Steam approfitto delle offerte :) almeno per quei generi che preferisco giocare al pc.

  17. dura a dirsi. il mercato videoludico ed elettronico in generale sono in continua evoluzione.
    Non so quindi per quanto tempo sarà così, dipende da numerosi fattori, molti dei quali li ha proprio elencati farenz.
    Io preferisco la custodia, non fosse che mi piace avere qualcosa di tangibile e fisico che posso avere e tenere (stessa cosa dicasi per il mondo musicale: preferisco sempre il caro CD o anche Vinile al download via Itunes e simili).
    Le catene lo prenderebbero là dove non batte il sole con un’operazione del genere, e non credo che si spinga per eliminare il “disco”.
    Non è un discorso insomma così semplice, perchè non tocca la sola evoluzione del concetto di vendita, ma anche accordi con i consumatori, e quando girano i tanto amati “quattrini”, ci si pensa due volte a prendere una decisione…anche tre volte.
    E soprattutto, come farenz ha detto, ancora oggi internet non è fruibile per qualsiasi giocatore.
    Boh, credo anche io che i commessi del GameStop non si debbano preoccupare per la generazione che ha da venire.

  18. A me il DD non solo non mi è mai dispiaciuto troppo, ma da quando esiste il psn plus ho addirittura iniziato ad amarlo!! comunque non credo che cercheranno di uccidere gamestop per un semplice motivo: sono più i soldi che gli fa perdere con l’usato o quelli che gli fa guadagnare con i preorder??

    • il discorso preorder regge poco, se io ti vendo il mio gioco su uno store online in DD posso offrirti gli stessi privilegi che ora ti offre il gamestop, tanto nella maggior parte dei casi sono contenuti da scaricare in ogni caso…

      • Scusa Lodoss, mi sono spiegato male io.. Per il discorso preorder non intendevo il classico preorder da 69€, ma quello “agevolato”, tipo a 19€ portando il tuo usato.. Non so gli altri ma il mio numero di D-1 calerebbe drasticamente perché non mi posso permettere di spendere un settantone a gioco.. Per non parlare dello scasso che avrei con la connessione poi.. Non so te in Australia ma io al centro di Torino ho una fottuta 4 mega.. Non mi disturba troppo ora con il plus, perché magari non ho fretta, ma dopo che lo pago a prezzo pieno al D-1 se dovessi pure aspettare due giorni prima che finisca di scaricare.. Beh, come minimo mi girerebbero a elica..

  19. Ne parlavo un po’ di tempo fa con un mio amico che lavora all’interno della catena e che mi faceva notare che, a parte nei D1, in questo ultimo periodo (quindi da Natale ad oggi) la percentuale di carte prepagate vendute giornalmente rispetto al fatturato totale è aumentata. Moltissime sono iTunes card (ormai la gente ha capito che GameStop le ha e quindi va lì), ma sono aumentate anche le vendite dei Microsoft Points e delle PSN card, soprattutto queste grazie anche al PSN Plus. Le carte dell’eShop invece se le cagano in pochi, soprattutto perché i prezzi dei giochi in DD sullo store di Nintendo sono veramente poco competitivi rispetto al formato retail.

  20. Io, prima di tutto, penso che gamestop non finirà presto, é come la morte: sai che c’é ma non te l’aspetteresti mai che arrivasse da un giorno all’altro (accettata toccata di palle).
    E comunque, riguardo ai giochi disponibili su store e cose simili online ora ce ne sono parecchi, e la maggior parte di essi, almeno come ho potuto constatare su PSN, sono giochi di guerra free game (non mi ricordo bene come si dice ma sono quelli di esplorazione libera in mappe infinite, senza limiti ne confini), che se contiueranno cosí saranno ( a mio malincuore) piu giocati di quelli in “custodia”, finché non arriveremo alla completa supremazia dei giochi DD sui mercati, compresi quelli “fisici”.

  21. Le vie del signore sono infinite, si chiude una porta si apre un portone…e chi più ne ha più ne metta.
    GameStop? Non credo dichiarerà fallimento nei prossimi 5 anni, semplicemente si andrà ad inserire in nuovi mercati, come d’altraparte ha già fatto con il mercato tablet e smatphone, dopotutto la storia insegna che se c’è la sostanza, e visto il suo successo, meritato o meno, la sostanza c’è, si può arrivare ovunque. Ricordate come nacque Nintendo? Avete presente cos’è adesso?

  22. Io personalmente preferisco il disco fisico per il fatto che se ho ad esempio l’hd pieno, non devo pensare a togliere qualcosa per “riscaricare” nuovamente un gioco fatto in precedenza e così via.
    Certo, anche io non sono esente dal mercato dd, ma confido sempre che la copia fisica di un gioco esista per sempre…certo, se poi parliamo di retrogaming è tutta un’altra solfa.

  23. sicuramente catene forti come gamestop passeranno anche loro al digital delivery in futuro, il formato fisico pero’ non morira’ fino a che le console non verranno vendute senza lettore (di qualsiasi supporto).
    Poi c’e’ anche il discorso sulla parte legislativa legata alla proprieta’ di un bene, il mio gioco fisico posso portarlo a casa di un’amico o prestarlo, mentre quello digitale non so come si fa. Ma il mondo va cosi, che ci possiamo fare? secondo me per molto tempo le due cose andranno a braccietto e mano mano succede come per i vinili.

  24. Ah, c’è anche da considerare una sostanziale differenza fra gioco fisico e digitale:
    Il gioco fisico, la scatola col disco, è un prodotto che una volta comprato conserva un certo valore, il gioco in copia digitale no, una volta comprato non vale più nulla. Stessa cosa dicasi per il blocco dell’usato, al di là di giusto o meno, la realtà è che saremo costretti a spendere 70/60 euro per un gioco nuovo che una solta inserito nella console non ha più alcun valore commerciale.

  25. Non siamo pronti per avere giochi solo tramite DD , la linea internet come tu stesso hai detto non arriva dappertutto e quindi non tutti potrebbero scaricare i giochi . 2 ci vuole un hard disk molto grande che sicuramente la console non avrà e quindi bisogna spendere altri soldi . Quindi un giorno forse e dico “FORSE” potrànno esserci anche solo DD ma oggi sicuramente no , al massimo oggi DD solo di giochini da pochi mega .

  26. finchè non ci sarà una connessione decente!!! ad esempio io ho un adsl da schifo e piuttosto di lasciare tutta la notte la console accesa per scaricarmi un gioco acquistato in digital delivery preferisco il vecchio dvd, ma se l’andazzo sarà quello metterò emule da far girare tutta la notte…

  27. GRAT… GRAT… GRAT… :)

    Dopo la doverosa grattata di palle, rispondo alla tua domanda, modificandola leggermente.

    Quanto vivrà ancora il mercato retail? Semplice, fino a quando non si potranno scaricare in DD anche le console… XD

    Teniamo a mente alcuni punti fondamentali, uno in particolare: per i rivenditori i margini sulle console sono risicatissimi, calcolate che su 600 euro di ps3 al lancio il rivenditore ne intascava si e no 5 o 6. Il guadagno si fa coi giochi. Se il mercato dei giochi fisici muore, chi glielo fa fare ai rivenditori (di qualsiasi tipo, anche gli store online) di lavorare quasi gratis per distribuire le console?
    In più, i negozi sono un formidabile mezzo pubblicitario per lanciare presso il grande pubblico console e giochi. Non si vive di solo internet, tanta gente sta scoprendo che esce la ps4 perchè vede nei GS i poster con la promozione per la prevendita…
    E ancora, uccidere il mercato retail significa provocare una contrazione del mercato in generale, perchè si tagliano fuori intere categorie, che tu stesso hai citato nell’articolo. Cui prodest? A nessuno, direi, soprattutto con produttori sempre più all’inseguimento dei casual gamers.

    Detto ciò, è ovvio che il mercato retail subirà, anzi sta già subendo, una progressiva diminuzione di valore, il che obbligherà le varie catene a rivedere i propri modelli di business, un esempio per quanto riguarda GS è l’ingresso nel mercato tablet&smartphone. A mio parere ciò che sparirà facilmente, e a breve termine, sarà il mercato retail dei giochi pc, su cui vedo una transizione molto più facile verso il DD.

  28. Signore Del Vuoto

    Adoro il DD.
    Da vecchio piratone mi ha trasformato in un consumatore coscienzioso :D
    Ritengo che siano due i fattori più importanti per scegliere come spendere i propri soldi: prezzo e servizio.
    Se sul servizio non c’è paragone (consegna a casa, direttamente nella console, in brevissimo tempo con una connessione semidecente e senza alcuna fatica) sul prezzo ci si può lavorare ancora un po’ (un retail non può costare quanto un gioco in DD, ha davvero poco senso).
    Ciononostante, da videogiocatore a 360° (console e pc), mi trovo benissimo con il direct download.
    Ecco, forse la piattaforma steam è fin troppo invasiva per i miei gusti, ma tutto sommato ci si passa sopra.
    Il DD ucciderà l’usato?
    Forse, in futuro, adesso sicuramente no.

  29. io oramai lo dico da un po’, volenti o nolenti il DD sara’ il futuro, sicuramente non dalla prossima gen. ma da quella dopo ancora il rischio di trovarsi almeno una delle console senza lettore ottico sara’ gia piu’ alto.

    Me ne dispiace? Da un certo punto di vista si, mi piace vedere la mia pila di giochi a fianco del TV, ma da un altro no, con Steam sto risparmiando bei soldi e col Plus ancora di piu’… posso capire chi dice “anche se risparmio preferisco pagare di piu’ e avere una cosa fisica” ma per me, che compro parecchio, il poter risparmiare anche il 50% del costo di listino su un gioco vuol dire parecchio (o anche un 20% al day1)…. pero’ ovvio la guardo dal punto di vista di chi, come me, non e’ piu’ o non e’ mai stato collezionista

    Per la questione GS che dire, il modo lo troveranno, a livello marketing sono imbattibili e ne ho le prove quotidianamente.
    Oltre ad arrivarmi, come citato nell’articolo, email con offerte per ogni gioco annunciato un ora prima, tra tessere e pubblicita’ varie hanno concentrato l’attenzione su di loro indipendentemente da tutto il resto… io compro i giochi in un negozio confinante con un GS (praticamente sono muro contro muro) che vende i giochi dai 10 ai 15 dollari in meno di loro (dal day1) e posso garantirvi che, seppur il prezzo sia esposto e visibile dall’esterno, la gente al day1 fa cmq la fila al GS per avere la stessa cosa ad un prezzo maggiore…. e’ questa la loro forza

    • Signore Del Vuoto

      Aggiungo una cosa: l’acquisto da schizzato!
      Un mese fa vedo un video di Guacamelee alle 2 di notte e alle 2:30 era installato sulla mia PS3.
      Stesso discorso per Trine, in offerta a 5 euro, (sono in fissa per i platform bidimensionali stò mese).
      Ore 3:00, gironzolo sul’internetto in cerca di giochilli che mi possono piacere e mi imbatto in Trine.
      Il tempo di decidere se giocarci col pad o con la tastiera e alle 3:15 era pronto sulla mia console.
      Hanno guadagnato la bellezza di 18 euro solo perchè mi hanno concesso la possibilità di assecondare le mie voglie notturne.
      Scusate se è poco XD

  30. Personalmente ho poco da dire Farenz, perchè ti sei già dato una risposta, che condivido in pieno, conscio pure di quanto dicesti in una puntata dei gamefathers dove fu trattato proprio questo argomento con la scioccante frase ” secondo me stiamo parlando del futuro … o di una forma di futuro ” … un futuro in ogni caso molto molto prossimo e molto molto lontano … perchè come tu stesso dici … le cose non cambieranno di certo nell’arco di anni competente a PS4 e XBOx” Durango ” …

    Insomma per’adesso me la godo XD L’anno prossimo inizio a vivere in una casa mia e ho intenzione di iniziare la mia fase ” completasti e bipolare ” della mia vita collezionando giochi a partire dalla nuova ps4 ( confido in un lavoro di riediting per molti dei titoli ps1-2-3 ) … io il formato fisico non lo lascerò MAI MAI MAI … e vuoi mettere che manca la memori sul disco e che ti si cancella l’account ecc … nono, viva il collezionismo Viperfriziano XD

    Cmq io lo dico sempre … questa next gen sarà solo ( secondo me ) una versione più graficamente pompata dell’attuale gen ( con in più i social ) … le vere innovazioni le vedremmo tra una decade …

Lascia un commento