Fanatici della Libertà

liberta

 

Qualche giorno addietro, un ragazzo, in un forum che leggo spesso, ha chiesto:

“Cosa preferite? frame rate a 60 fps abbassando i dettagli, frame rate variabile con il freesync/schermo intero esclusivo che toglie il tearing oppure frame rate fisso a 30 dettagli massimi?”

La domanda ha dato voce a risposte molto significative ed esaustive che descrivono indiscutibilmente cosa davvero sia la Master Race.

“Io a 30 fps non riesco a giocare tranne qualche rarissimo caso, neanche forza horizon 3 che in teoria dovrebbe essere ottimo lockato a 30…
Gioco tutto a 60 fissi e se non ci arrivo riduco qualche dettaglio :sisi:
Avessi freesync mi andrebbe bene anche 40-60 credo.”

E qui come vedete c’è chi, in nome della fluidità decide di sacrificare i dettagli grafici, che altro non sono che i famosi fronzoli ed orpelli in grado di far sbavare il videogiocatore medio.

“Anche io 60, ma non minimo per forza, a grandi linee metto il framerate sopra la qualità ma se a seconda del caso certi effetti e livelli di dettaglio meritano e mi abbassano di un tot il framerate sotto i 60 ci sta (es The Witcher 3 moddato mi stava sui 52-53 di media).

Di contro non aver giocato con una console per diversi anni (e giocando su PS4 solo le esclusive) rimanendo esclusivamente su PC con 60 fps mi ha un pò rovinato il palato, ora giocare a 30 fps su PS4 mi sembra di giocare immerso nella gelatina, quando prima l’effetto mi pesava molto di meno”

Qui invece c’è il tanto polemizzato confronto con i 30 fps delle console. Notate bene che non v’è alcuna critica all’inadeguatezza dei 30 fps. Anzi, si evince facilmente che sia DAVVERO questione di abitudine.

Certo passando dall’uno all’altro la differenza si vede ed in alcuni tratti essa può risultare traumatica. Ma dopo qualche ora di gioco l’occhio si abitua.

L’essere umano è cosi’, si abitua. Io mi sto abituando a un continuo ronzio nel cranio. Fate voi.

“Ovviamente, se posso, gioco a 60, sacrificando qualsiasi cosa che mi permetta di arrivarci.
Anche io faccio davvero fatica a 30. Qualche giorno fa ho preso in mano Bloodborne per farmi il DLC ed è stato un calvario. Lo so forse esagero ma proprio per quello avevo scritto proprio qui che le console mi vanno troppo strette e volevo vendere ps4.
Detto questo per fortuna il mio pc, pur avendo solo la VGA “all’ultimo grido” o quasi, non mi richiede grossi tagli sui dettagli per godere dei 60 fps, ma non nego che ci sono tanti effetti che appesantiscono le performance dei giochi dei quali posso bellamente fare a meno.
Per questo rido quando leggo che i PCisti sono “i fanatici della grafica”. In realtà siamo fanatici della libertà.”

E qui tocchiamo il punto focale, molto più semplice ed esplicito di quanto si pensi.

Master Race non è PC potente e grafica mozzafiato. Non sempre. Non solo.

Master Race significa appunto essere LIBERI DI SCEGLIERE. E mentre c’è chi rincorre tecnologie sempre più potenti sfornando console ogni tre anni, c’è chi invece addirittura mette da parte fronzoli grafici pur di vivere un’esperienza fluida e non fastidiosa a causa di framerate bassi o ballerini.

Ovviamente non si può fare di tutta l’erba un fascio, certo. Ma dubitate da chi vi dice che il giocatore PC è quello che gioca con hardware da migliaia di euro in 4k a 60 fps. Mediamente un PC gamer ha dentro il case una 970 e un i5. Però può decidere come giocare. E’ questa la Master Race: la libertà.

Voi che ne pensate?

alvi

 

Prova a cercare ancora!

unnamed

Un kebab e una Peroni per festeggiare

Festeggiamo l’arrivo di uno Switch in casa Dr.AVo con un video Vintage-Style!

9 Più commentati

  1. Sempre pensato in questo modo, ma per alcuni PC gamer la loro macchina è costruita per la potenza. La gente che compra l’ultima scheda video uscita è perché vuole vedere il gioco a 60 frame e 4K. Quello che fai tu è un discorso che vale per una fetta dei giocatori su PC. Quei giocatori che, appunto, comprano una scheda video dopo 4 anni o più e magari nemmeno la top di gamma.

    • Comunque, se avessi un PC da gaming, abbasserei i dettagli per mantenere i 60 frame fissi a seconda del gioco. Se dovessi giocare un’avventura di TellTale, ad esempio, la giocherei al massimo dei dettagli ma a 30 fps perché non credo siano importanti in giochi di questo tipo mentre in un FPS prediligo la fluidità.

  2. Preferisco maggior fluidità a scapito di un minor dettaglio grafico.
    Anche se, attualmente, non ho problemi di questo genere, poiché riesco giocare tutto a ultra 1080p (full hd) a 50-60 fps/s, con una configurazione pagata 900€, che mi durerà tale (in teoria), altri 2 anni, fino a quando non dovrò abbassare qualche dettaglio trascurabile (o quasi) per avere la stessa fluidità.

  3. la 970? io ho ancora la 770 e vado benissimo :)

    cmq concordo su bloodborn, non è il mio genere quindi non l’ho comprato ma m’è bastato vederlo a casa di un amico, un framerate imbarazzante per il 90% del gameplay

  4. Snì.
    Se si usa “Master Race” come termine improprio al posto di “PC gamer” (esattamente come fa una quasi totalità dei giocatori console), allora sono perfettamente d’accordo: scegliere se e quanto smanettare per avere il risultato che si preferisce è il fondamento di tutta la filosofia della categoria.
    Completa possibilità personalizzazione, al costo di una certa base minima di scelte/competenze richiesta.

    Però, per l’appunto, Master Race è un termine improprio. I Master Race esistono, e sono i campioni di celholunghismo che pompano l’hardware a prescindere dei risultati senza poi mancare di vantarsi puntualmente sui lidi di internet.
    O magari anche quei pochi tizi silenziosi e umili, ma che come chi si butta a far le file per il nuovo AiFòn non riescono ad esimersi dal comprare l’ultimo Intel i15 18 e la Titan XNXX sul mercato.
    Il fatto che per chi non gioca col PC tutti i PC gamer siano automaticamente “Master Race” è un altro discorso, ma mettiamo i puntini sulle i! Non diamo soddisfazioni a chi alimenta questi stereotipi, per Dio.
    Non lo dico per fare il pedante, e capisco che nell’articolo il termine sia stato usato con assoluta “tranquillanza” per rivolgersi anche e soprattutto a una platea di non-PCgamer e che il tuo scopo fosse creare uno spunto di riflessione per tutti specificando che non bisogna fare di tutta l’erba un fascio, però credo dovremmo essere i primi a sforzarci di non far passare in cavalleria la cosa. D’altro canto, non possiamo lamentarci di essere trattati da Master Race se poi siamo i primi ad autodefinirci tali, anche se intendiamo altro.Tutto qui.

    Excursus a parte, per me framerate > grafica. Perlomeno i 60 fps mi piace averli garantiti in certe tipologie di giochi. Se poi si parla di altri in cui sono ininfluenti tipo, chessò, Civilization, allora magari posso tirare su qualche filtro per sfizio.
    L’unica cosa su cui forse storco di più la bocca è l’aliasing, vedere texture dai bordi sgranati tipo 8-bit nel 2017 mi fa un po’ cadere le palle, ma non è nulla di particolarmente rilevante.

  5. A volte leggo recensioni di giochi che ho finito del genere “gioco stupendo, peccato per qeul framerate trooooooooppo ballerino”, io invece (che di solito leggo recensioni solo di giochi che mi piacciono veramente) non avevo minimamente notato nessuna variazione o se avevo notato qualche artificio grafico non ho fatto caso se era un glitch (appunto) grafico, un calo di frame o che sia, anche per esempio i tanto tormentati pokemon sole e luna, cali di frame evidenti, ma nel giocarci tutti i giorni non ci ho fatto minimamente caso, sarà che ho un new 3ds. Penso di essere il tipo di persona che preferirebbe i dettagli ultra alti ai fps, me ne bastano 30, non me ne frega, sarò che vengo dall’era ps1, n64, dove si spingeva al massimo con risultati a volte incredibili per l’epoca ma con evidenti difetti al quale non facevo caso allora e non faccio caso tutt’oggi

  6. Io ho una 970 e un i5 comprati su Amazon 1 anno fa esatto. Spesa di tutto il pc (senza monitor) : 1000 euro
    Ben spesi per carità, ma la libertà, come sempre, è più costosa del compromesso.

  7. comunque se ti può consolare ho anche io l’acufene….da anni. ormai manco lo sento più, devo proprio impegnarmi per sentirlo. Vai sereno, è solo l’inizio traumatico ma poi come dici tu il cervelllo si abitua e lo isola…se ti consola ce lo ha un numero altissimo di persone, molte neanche lo sanno! :) Per quanto riguarda il resto dell’articolo….mai fregato NULLA dei 30 fps o dei 60….è l’ultimo tipo di libertà che mi interessa in un videgioco, per non cambia NIENTE. si concentrassero su altro le SH avremmo più ZELDA BOTW e meno Crysis! (e poi vogliamo la pace nel mondo e w la figa tanto per chiudere questa ondata di slogan)

Lascia un commento