Glorious

Il titolo dell’articolo è più di un semplice titolo, è il mio stato d’animo attuale.

In un giorno di San Valentino in cui ho avuto pochissimo tempo per qualunque cosa non appartenesse all’ambito lavorativo, SDA mi ha portato il mio regalino personale da Amazon.co.uk. (per informazioni vedere qui).

Potrò non avere avuto tempo di cenare, di pensare all’igiene personale e domestica, di mettere in lavatrice la cuccia che quel deficiente del gatto continua a marcare territorialmente (fottuta primavera), di dimostrare efficacemente l’amore che provo nei confronti delle persone a me più vicine..

Ma cazzo, ho avuto il tempo di provare Aliens: Colonial Marines.

Chi mi conosce lo sa, sono cresciuto ingurgitando a grandi cucchiaiate forti dosi di Sci-Fi da tutte le parti. Sono quello che al mare a 11 anni comprava l’edizione tascabile de L’espediente della Carbonite e lo leggeva in neanche 2 giorni, quello che non era contento dell’etichetta sulla videocassetta de L’impero colpisce ancora e la deturpava a penna orrendamente, che si meravigliava di come il libro di Terminator 2 fosse identico al film.. e che sa che si dice “vengono fuori dalle fottute pareti”, non “escono“.

Quante volte devo aver visto Aliens di James Cameron? Ho perso il conto.

Per me, come per pochi altri film, la somma di tutto ciò che di bello c’è stato nel cinema d’azione degli anni ’80.

L’epicità di sguardi cazzuti e sbuffi di sigaretta uniti ad un modo di fare lungometraggi che purtroppo non tornerà mai più. Poi vi faccio sapere come va con l’ultimo di Die Hard.

Videoludicamente parlando, tutto ciò che ho giocato a proposito di Alien è stato unicamente in funzione di quel fottutissimo film. Proprio perché non è il tipo di gioco che si riesce a fare efficacemente fra ragazzini senza action figures, i numerosi FPS nati in seno alla saga sono stati una vera e propria ancora di salvezza per un’intera generazione di piccoli nerd. Alien Trilogy su PS1, così così.. ma erano altri tempi. Alien Vs Predator per PC bello e Alien Vs Predator 2 bello e per di più con le texture fighe e con un multiplayer superdotato. AvP per 360. Offensivo.

L’annuncio di Colonial Marines mi aveva rasserenato dopo le tristi giornate passate a chiedermi perché Sega abbia fatto fare a quei deficienti di Rebellion un titolo così importante. Passa un anno.. ne passa un altro.. quando ormai stavo perdendo le speranze, ecco l’agognata data di uscita. Passa un ennesimo anno, e finalmente -anche in risposta ai fiumi di mail che mi hanno posto la stessa domanda- reggo fra le mani ciò che già ho imparato a considerare come l’Alien-game definitivo. Si, si inculi Predator e si faccia un gioco tutto suo. Che cazzo.

Punto primo: trama e sceneggiatura. Se la saga cinematografica è andata arenandosi con la seconda metà della quadrilogia (e permettetemi di dire che una volta visto La Clonazione mi sono finalmente spiegato perché negli ultimi tempi non ci siano in giro tanti registi francesi famosi), il gioco si fa carico di ricominciare li dove Scontro Finale si era tanto epicamente concluso, nello stesso modo in cui il Meraviglioso Ghostbusters del 2011 ha sopito la nostalgia di quattro quinti dei nati a cavallo degli anni ’80.

Ciò ovviamente ha comportato un maniacale lavoro di ricerca e adattamento da parte di SEGA e Gearbox, che, lasciato alle spalle l’assoluto totale indescrivibile orrore di Duke Nukem Forever, riesce a riconquistare la mia personale fiducia con un gioco dalle meccaniche assolutamente brillanti. Non solo ci sposteremo negli ambienti che abbiamo già conosciuto (con tanto di armadietti e arredi nei punti giusti) come la nave da guerra Sulaco o ciò che resta di Hadley’s Hope, ma riusciremo finalmente a far quadrare il conto nella fosca transizione da Aliens ad Alien 3. Inoltre, giusto per non prendersi troppo sul serio, il nostro rilevatore di movimento ci aggiornerà anche su alcune chicche collezionabili come medagliette e armi Leggendarie appartenute ai protagonisti dei film, personalizzate e assolutamente inconfondibili.

DA FUKKIN SHOTGUN
Si, c’è anche questo. Non uno uguale o di modello simile, eh, QUESTO.
Punto secondo: se non ci bastasse sapere che ogni porzione di audio presente nel gioco è stata ottenuta campionando i nastri originali utilizzati nel film (e non esisterebbe un fucile a impulsi senza la sua precisa particolare raffica), dobbiamo renderci conto che tutto il gioco è stato realizzato pensando allo stile degli anni ’80: dialoghi, recitazione (mi riferisco esclusivamente alla versione inglisc – meravigliosa), sequenze di azione e momenti spavento, addirittura il font dell’interfaccia e del menù, TUTTO trasuda epicità da action movie dei bei tempi andati, sequenze spropositatamente drammatiche in slow motion incluse. Ciò consente una coerenza con una pietra miliare dello Sci-Fi che non fa altro che scatenare ripetutamente poderosi orgasmi a tutti gli amanti del filone cinematografico e del potente, ma poco sfruttato lore di cui è dotata la saga. Incomparabile.

Punto terzo: il gameplay è a dir poco geniale. Il nostro personaggio sale di livello, sblocca nuove armi e nuove personalizzazioni. La modalità è piuttosto arcade, ma combacia alla perfezione con la concezione di multiplayer drop-in/drop-out, sacrificando qualche punticino di simulazione in virtù di meccaniche più intelligentemente applicate alla funzionalità della partita. Infatti in ogni momento possiamo decidere da un menù radiale come comporre il nostro equipaggiamento scegliendo fra ciò che abbiamo scovato nei meandri dei vari livelli (armi epiche a manetta) e ciò che ci siamo guadagnati sterminando alieni incazzati, senza tuttavia dover tuttavia rinunciare al gusto della sfida, che a livello di difficoltà ULTIMATE BADASS è piacevolmente alto (si prenda nota dell’assenza di hud in tale modalità, i più fighi non ne hanno bisogno). Le modalità multiplayer promettono faville e la campagna cooperativa ha tutta l’aria di poter assimilare le mie nottate di gameplay per lunghe, lunghissime settimane a venire.

Altre piccole considerazioni: di questo gioco ho potuto leggere la recensione di un tale di Eurogamer, e ho realizzato per l’ennesima volta come sia facile fare polemica sulle autentiche cazzate. Ho sentito lamentarsi dell’eccessiva linearità della campagna. È un film, cazzo. Ma neanche un film normale, un film ACTION ANNI ’80, cosa ci si può aspettare? Se per non-linearità ci si riferisce alla libertà d’azione riscontrabile in Crysis e che si traduce in nient’altro che “aggirare la pattuglia nemica attraversando 15 km in più di foresta e farli fuori con le pistoline silenziate per poi fargli il teabag sul muso” allora significa che non solo non si è capito un cazzo della filosofia del gioco, ma che lo si sta valutando per ciò che NON dovrebbe essere.

Come se al tempo stesso mi interessasse un cazzo di non avere le illuminazioni dinamiche o l’abilità di raccogliere gli oggetti per formarci gigantesche vagine sul pavimento, visto che l’atmosfera è cupa cupissima già così e che non avrebbe avuto senso rivoltare ogni cassetto alla Borderlands in cerca di dollari o proiettili, spezzando inutilmente l’azione e la tensione dell’avventura in corso. Inoltre un motore grafico più leggero comporta una maggiore fluidità, da non sottovalutare in un FPS mezzo horror come il suddetto. E poi su PC si possono anche fare alcuni esperimenti con l’Unreal Engine che sembrano decisamente interessanti.. Cristo, è tutto fottutamente perfetto. A parte qualche glitch dell’IA, of course. Succedeva anche su Borderlands, dai, non cagate il cazzo. Unico rimpianto? Non aver avuto abbastanza soldi e fegato da prendere a scat0la chiusa la Limited con la statuetta.

Pertanto, cari Discepoli, il mio consiglio è uno solo: comprate questo gioco. Amate questo gioco. This time it’s war.

Prova a cercare ancora!

nNsmaEp

Goodbye, Master Race

Il tempo è giunto. Era da anni che non parlavo delle mie scelte videoludiche, ed ...

115 Più commentati

  1. Bella Maty, sembri uno di quei fanboy che hanno continuato a dare 9 a tutti i CoD fino a MW3 e a Black Ops 2 hanno dato sempre 9,5 giustificando che se lo meritava più perché quelli prima erano sempre la solita solfa.

  2. Da com’era iniziato l’articolo pensavo fosse uno scherzo, invece stai seriamente invitando chi legge ad acquistare uno dei giochi più BRUTTI realizzati negli ultimi anni. Questa roba è immondizia pura, tecnicamente siamo ai livelli di un gioco del 2002, lasciamo stare il gameplay che è meglio…degno erede di Duke Nukem Forever. Come se non bastasse gira sul tubo un video che confronta la demo mostrata all’E3 2012 con lo stesso livello nella versione finale del gioco, ebbene quest’ultimo è decisamente inferiore per qualità tecnica alla demo vecchia di mesi, sembrano due giochi totalmente diversi, una bella truffa.

    Ragazzi, per carità di Dio, ci sarà un motivo per cui questo gioco ha un metascore di 43 e userscore di 3.9, tutto il mondo è impazzito? Se in futuro vogliamo evitare di ritrovarci sugli scaffali giochi del genere evitiamo di regalari soldi a chi non se li merita.

  3. Ho provato a fondo Colonial Marines in questi giorni è credo di poter finalmente dire la mia. Prendo un commento dato in risposta al buon Vegadrone sul mio blog, dato che rispecchia esattamente ciò che penso sul gioco in questione.

    Per carità, può piacere e non sindaco sui gusti altrui, ma ci sono un paio di cose che proprio non possono, non devono essere accettate dalla comunità videoludica.

    Punto primo: Gearbox ha presentato una demo all’E3. Una demo che rappresentava un gioco non dico perfetto, ma tutto sommato BELLO, visivamente convincente. Poi che succede? Il gioco esce e non è come la demo! Ma nel senso cattivo! È tecnicamente inferiore alla demo presentata, non solo, è ai livelli di un gioco del 2007/2008, scherziamo? Questa è truffa. Una demo rappresenta un gioco incompleto, non un gioco completo che verrà castrato per motivi ignoti.

    2: l’IA si inceppa (questo non era intuibile dai vari filmati), si incastra in parti di scenario e a volte non spara nemmeno agli alieni. Per me, questa è una cosa che rovina l’atmosfera del gioco. Io sto andando in un corridoio, mi sto lasciando coinvolgere dalle atmosfere e…il personaggio di fianco a me si blocca con movimenti convulsi di fronte ad un ostacolo o sulle scale. Atmosfera rovinata.

    3: la trama ha un buco di sceneggiatura tappato probabilmente da un uomo delle pulizie che passava di li.

    SPOILER:

    Hicks afferma di non essere partito con Ripley per via di un allarme che ha separato la sua cabina dalle altre. Bene. Al che i protagonisti gli chiedono “e allora chi c’era nella capsula criogenica al posto tuo?”.

    Hicks: “questa è una lunga storia”.
    Fine. Cioè, questa sarebbe una sceneggiatura ben fatta? I buchi li tappiamo con “questa è una lunga storia”? Son capace anch’io di creare un copione tra due film se poi non sono obbligato a dare risposte. Stessa cosa per il finale, sembra messo lo giusto per far vedere che i protagonisti ce l’hanno fatta.

    Dato l’orario a cui giocavo, chiedo venia nel caso mi fosse sfuggito un particolare della trama, ma non credo.

    FINE SPOILER

    4: il multiplayer è qualcosa di concettualmente originale, ben ragionato, ma tecnicamente fa cagare. Gli Xenomorfi dovrebbero muoversi fluidamente sulle pareti, invece mi ritrovo a dover inveire perché quando devo andare sul bordo per cambiare piano…non ci va o cambia direzione spontaneamente! La fisica già traballante del single player qui da dimostrazione di quanto male sia gestita se non scriptata. È un’impresa vincere un round usando gli alieni, tra comandi farlocchi e lag (qui ovviamente parlo per me, può essere la mia connessione). Se hai provato il multiplayer di AvP 3 noterai sicuramente come quest’ultimo sia molto, molto meglio realizzato, nonostante sia d’accordo che la prima persona per gli xeno possa essere un problema.

    5: il doppiaggio. C’è bisogno di parlarne? Questo gioco va giocato in inglese, selezionare la lingua italiana equivale al suicidio per le orecchie (le mitiche “c’è un guardone” e “c’è uno sputacchio” entreranno ben presto negli annali). E anche un inglese non è certo soddisfacente vedere personaggi, nel 2013, avere l’espressivita di un baobab. Il team di sviluppo dovrebbe andare a vedere una certa Alyx Vance im un certo gioco di quasi 10 anni fa per capire come si anima il volto di un personaggio.

    Quello che Gearbox (o chi per loro ha sviluppato il gioco, non so se hai sentito quella chicca) e Sega dovrebbero imparare, è che non è giusto. NON È GIUSTO vendere un prodotto del genere quando è completo a metà. Non basta trasformare un gioco nel “‘museo di Scontro Finale” per accontentare i fan, perché a quel punto io mi guardo i miei bei Blu Ray di contenuti extra presenti nel cofanetto della quadrilogia e sono a posto, e molto più soddisfatto, perché QUELLO è un prodotto fatto con cura per i fan. Non basta piazzare qualche arma leggendaria, ricreare perfettamente una scenografia, metter Hicks nel cast e riempire il tutto di Xenomorfi paraplegici se poi tutto questo viene gestito da culo. Non basta. Noi paghiamo 40, 50, 60 o 100 € per una promessa non mantenuta.

    C’è una regola base da seguire per creare un prodotto di intrattenimento, ed è quella di non far percepire al cliente di aver creato un prodotto SOLO , esclusivamente per fare soldi. Se si fallisce, significa che il prodotto è come questo Colonial Marines.

  4. Imbarazzo e fastidio a leggere questa “recensione”…

    Non date retta al “recensore”, non comprate questo gioco, non finanziate, non premiate compagnie che mettono in commercio un gioco incompleto, tecnicamente terribile (la piu recente gpu supportata e del 2007, sul versante pc, sul versante console ha un frame rate enoso e cali di frame terribili oltre ad altri 1000 problemi tecnici), pieno di bug, con una ia degli alieni da serius sam, ti vedono e ti corrono addosso, punto… sempre se non si incastrano nei pavimenti prima… e a volte manco ti vedono rimangono fermi in mezzo al corridoio, pessimismo e fastidio…

    Gearbox ha usato come specchietto per le allodole un demo mostrato anni prima che non c’entra nulla (guardatevi su youtube i confronto tra demo e prodotto “finito”) vera e propria pubblicita ingannevole, una truffa bella e buona… premiare (compradogli il gioco) chi si comporta cosi nei riguardi dei propri clienti e uno schiaffo in faccia a se stessi e a tutti i videogiocatori e che cazz.

  5. ATTENZIONE!!!!!!

    Esiste un mod fatto da un tetesko che fa passare il gioco da dx9 a dx11, con un miglioramento MOSTRUOSO nella grafica, inoltre usa anche sweetfx e cambia illuminazione, dando al gioco quell’effetto blue come era nel film…

    in poche parole, migliora MOLTISSIMO l’immersivita (migliorano le luci dinamiche, le zone d’ombra, l’atmosfera) ma anche gli fps, perche nonostante il mod usi undx piu pesante con piu effetti filtri etc, gli fps salgono invece di calare, altra prova su quanto il gioco originale sia stato fatto con il culo.

    link al mod: http://www.moddb.com/mods/aliensdx10-better-grafik-and-light

    link a video youtube comparativo: https://www.youtube.com/watch?v=Y6DCpVxzoXc

    Consiglio, non usate salvataggi vecchi ma ricominciate da 0.

    Se vi crasha nella vostra config, vi crasha, il mod non e’ esente da difetti essendo amatoriale, nel caso se nella vostra config crasha provate a usare una versione piu vecchia del mod, magari quella che usava le dx10.

    per installarlo basta copiare e sovrarscrivere i file della cartalla di steam del gioco, avendo cura di verificare che esistano le stesse directory anche nella cartella dove le andate a copiare.

    io il gioco lo presi nei saldi invernalidi steam a 2/3 euro mi pare… solo ora sto iniziando a giocarci.

  6. Comunque se la patch amatoriale dx11+sweetfx mette una pezza sulla grafica, santo dio il gameplay e’ atroce:

    Sto giocando ad ultimate bad ass, facilissimo comunque.

    La genialata dei compagni di team sempre tra le balle rovina ogni suspance, crea situazioni assurde alla benny hill, perche gli alieni non possono uccidere i tuoi compagni quindi una volta che gli arrivano addosso anche se in 2/3 assieme, li ignorano di botto e vengono verso di te o se ne vanno in direzioni random… il piu delle volte ti ritrovi a sparare attraverso i tuoi compagni, tanto non ce il friendly fire e il metodo piu facile per uccidere gli alieni e mettere un tuo compagno tra te e gli alieni, tanto non possono ammazzarlo…

    gli alieni saltano su e giu dai muri senza logica, alle volte tornano sui muri pure se e’ cosi si allontanano o danno il fianco ad essere impallinati senza poter farti nulla…

    altre volte saltano giu dalle botole dandoti le spalle modello “ops salto qui, ora dove cazzo sono, dove sta la preda l’ho persa di vista, mi gira la testa a correre nei condotti”…

    spesso arrivano addosso e si fermano di botto davanti te, giusto per darti il tempo di ammazzarli…

    i tuoi compagni nonostante le patch successive al rilascio del gioco ancora si inchiodano nelle porte bloccandoti la via, altre volte si mettono in copertura dietro l’angolo di una porta e non avanzano anche se tu hai ripulito i 30 metri piu avanti, poi di botto prendono e corrono avanti da soli, lol…

    situationi assurde nella trama stessa, gente che si fa esplodere “perche si” che fino a 2 secondi prima lottava rischiando la vita per aiutare i compagni marine e poi senza alcun preavviso si fa saltare in aria vaporizzando quello per cui hanno rischiato la vita e gli amici marine…

    e sono appena all’inizio…

  7. Ha preso a crasharmi in un punto, risolto settando al massimo le texture e la complessita dei livelli… se vi crasha il mod, provate cosi.

  8. Riposto anche se probabilmente non mi si inculera nessuno.

    E uscito un nuovo mod fatto da dio, migliora sia texture, che grafica, che IA degli alieni, diventa un altro gioco.

    http://www.moddb.com/mods/templargfxs-acm-overhaul

    https://www.youtube.com/watch?v=qRh2UKc9i38

Lascia un commento