Guai In Paradiso

VivaPinata-2423

Buone torte a tutti e buon giorno cari lettori di questo sito pieno di bei maschioni articolisti. Come la va? Bene? Questo perché non sapete di cosa sto per parlare.

Oggi voglio parlarvi di Viva Pinata, gioco del lontano 2008 regalato recentemente con il Live Gold, poi sostituito con Red Faction Guerrilla… Ma non è della freschezza del titolo che voglio parlare, anzi!

Ai tempi non lo avevo giocato con interesse, o meglio non lo avevo proprio comprato, testato la demo con scarsa attenzione, dopo il 12esimo tutorial lo avevo già abbandonato ed avevo anche dato fuoco alla 360.

L’altro giorno invece nell’attesa del pranzo a casa della mia ragazza ho ben pensato di scaricarlo sulla sua 360 che tanto è gratis, colorato e puccioso e questo alle donne piace…no? Boh, prendiamolo per ipotesi.

Il gioco inizia con una cutscene parecchio bambinesca con dei loschi figuri il cui scopo è bloccare il proliferare delle “Pignatte”, per errore cancellano tutti i save, niente più pignatte. Apposto finito il gioco, i nemici hanno vinto! Ma no, perché vogliono far crescere il giardino (ne parliamo meglio dopo) ed impedire che si espanda mettendogli i bastoni tra le ruote… Ma oh! C’eri! Avevi fatto! Perché sei stronzo?

Ma non c’è tempo per capire il significato intrinseco di tutto ciò. Ora bisogna mettere le mani in pasta (cit del mio prof di analisi) ed immergersi nel gameplay. Ma prima 262934 ore di tutorial dalla quale riuscirai ad uscire solo con la forza di volontà di un berretto verde.

Viene subito messo in chiaro che siamo dei cazzo di giardinieri, il nostro scopo è creare un ambiente adatto a tutti i tipi di pignatta (animaletti bianchi e neri con nomi talmente del cazzo che ci starei dei giorni a parlarne) per creare un ecosistema colorato e divertente.

Allora via con il rompere fiori per tirarne fuori i semi e ripiantarli (eh?) così puoi attirare delle coccinelle, però le coccinelle mica restano se non hai almeno 3 fiori e via così. Lo scopo è creare come abbiamo detto prima un habitat per tutti gli animaletti.

Non proprio.

Infatti ad un certo punto la coccinella era bella felice e che succede ad una coccinella felice? Si riempie di caramelle e diventa tutta colorata con parecchio rosa! Eh? Uhm ok! Che bello! Gli animaletti da bianchi e neri si colorano, allora diventerà un giardinetto bello divertente e colorato! Ma altro tutorial.

“metti la coccinella nella scatola”

Cos?

Ed ecco che la coccinella che abbiamo accudito e coccolato per farla restare nel nostro giardino viene sparata via da un cannone mentre è in una scatola. E dove viene sparata? “Ad una Festa” ora non so se voi sappiate qual è lo scopo di una Pinata ad una festa, ma vi assicuro che non ne esce proprio bene.

Ed ecco che non solo tutta la dolcezza del gioco viene bruciata rovinando la vita di chiunque abbia messo le mani su questo titolo, ma tutta la fatica atta finora è stata vana perché la coccinella ora non c’è più. Tornerà? Non lo so, ma sappiate che prima di spedirla mi avevano fatto pure scegliere il nome. Sono un uomo distrutto.

Ma non c’è tempo per piangere su Ugo la coccinella spedita ad una festa, bisogna andare nella zona sabbiosa, dove un simpatico geco ci accoglie facendo le pernacchie con la lingua ed è subito amore.

Altro tutorial “Uso delle trappole” eh no! Ma porca miseria allora siamo stronzi! Ed ecco che il crudele gioco ci obbliga a mettere una trappola con esca ed il geco finisce nel nostro diabolico giardino grazie ad una delle terribili scatole. Dopo aver creato anche a lui un habitat sabbioso nello stesso giardino con ruscelli ed erbe tra fresca, tanti cari saluti e buona “festa”.

A questo punto ho detto basta, piangendo come una fontana ho poggiato il pad è chiuso tutto, non si può attirare un giocatore con pucciosità ed allegria per poi snocciolargli appellativi come “cacciatore” “giardiniere” ed aggiungerei “bracconiere che ha ucciso la mamma di bambi”.

E poi capisci che i nemici all’inizio in realtà sono i buoni che volevano impedire alle pignatte di finire alle “feste”.

Si parla sempre di quanto un gioco possa influenzare la vita di chi lo gioca, vedendo il target direi che l’intera generazione di bambini del 2008 diventerà presto una schiera di spietato assassino torturatori.

Voi che dite? Avete mai giocato questo titolo del male? Se si cosa ne pensate? Riuscite a dormire la notte?Firma_gatto_3

Prova a cercare ancora!

thegamefatherslive59

The GameFathers Live #59 – Lune e Fiori d’Arancio

Nintendo… si sa… sa far felici grandi, piccini, mezzosangue, invertiti. Ancor più nello specifico, Super ...

10 Più commentati

  1. Aneddoto, nel 2008 (anche se a me pareva un po prima) mi trovavo spesso per lavoro a bazzicare in quel di Montecatini Terme, patria della Minotte, ebbene fra un lavoro e l’altro trovo sempre il tempo di entrare in qualche negozzietto specializzato per i video giochi, e ne giro di 10 minuti entrano 1 “signorina” e ne compra tre copie piu una consolle.
    Appena uscita chiedo al negoziante il perche’ e lui mi dice che fra le “signorine” era scoppiata la mania di Viva Pignata e che a loro ne vendeva a sacchettatte.
    Dentro di me ho pensato forse tra un cliente ed un altro scaricano la tensione…..

  2. Il gioco era “una cagata pazzesca” (Cit.), l’articolo pure… Senza offesa, non è il massimo della leggibilità…
    Detto questo, vado a prendere a bastonate gli animali per vedere se escono caramelle! Oh, c’ho fame…

  3. E io che lo credevo un gioco per bambini di cinque sei anni. Assurdo!!!!

  4. se devo essere sincero per quello che mi ricordo (l’ho giocato tipo 10 anni fa) era una manageriale piuttosto carino ma complicato per un bimbetto , era piu rivolto a un papà che vuole giocare con un figlioletto che lo guarda.
    io l’ho apprezzato e se non sbaglio ha anche avuto un buon riscontro di vendite , se devo commentare i capitoli successivi quelli si che erano tremendi

  5. Grazie gatto per avermi aperto gli occhi!!ahah ho capito che nei momenti bui Viva Pinata mi potrebbe tornare utile!!!

  6. Io sinceramente ho capito poco o nulla di quello che hai scritto…

    GATTO BASTA DROGARTI!

    E se lo fai, almeno aspetta di smaltire prima di scrivere un articolo!

  7. Gioco bello e sottovalutato. Un manageriale semplice ed efficace. Millato con molto divertimento e moltà felicità

  8. Altro che gta! Studio aperto dovrebbe fare un “”””””servizio””””” su questo gioco!

Lascia un commento