I remake dei remake dei remake…

Ieri sera mi è capitato di parlare con un amico riguardo i giochi di molti anni fa che ci vengono riproposti ai giorni d’oggi.

I vecchi giochi o brand in genere vengono ripresi in 3 maniere:
1) il gioco viene messo a disposizione per il download esattamente come si mostrava 10 o 20 anni fa. Classico esempio, i giochi delle generazioni a 8 o 16 bit presenti sulla virtual console del wii

2) i giochi di quell’epoca subiscono dei restyling grafici e magari vengono aggiunte parti di gioco inedite e vengono messi sui relativi store. Esempio, “Bionic Commando Rearmed” oppure il recentissimo remake di Monkey Island.

3) vengono ripresi brand ormai morti e sepolti e vengono creati giochi nuovi, al passo coi tempi, ma che mantengono (o cercano di mantenere) il mood dei loro antenati. Esempio, il mediocre “Bionic Commando” uscito prima dell’estate 2009.

Voi che pensate di questi remake?

Sono sintomo della volontà delle case produttrici di riproporre i vecchi classici anche ai più giovani chi non li hanno mai giocati, oppure sono solamente un sinonimo di mancanza di idee?

Per come la vedo io, un po’ entrambe le cose. Ma aggiungo anche che purtroppo capitano casi di giochi scarsi che riprendono il nome di vecchi brand, nella speranza di poter vendere qualche copia in più. E riprendo ad esempio Bionic Commando…

Veramente molto triste come cosa.

Non sono nemmeno un grande fan dei restyling grafici, in quanto i miei ricordi dei giochi “ad una manciata di bit” voglio che rimangano tali. Non ha senso per me comprare Monkey Island-graficamente cazzuto sul live.

Se proprio voglio giocarci, reinstallo il mio vecchio cd…

farenz

Prova a cercare ancora!

viper5

Zelda Breath Of The West – Zelda sviluppato in Occidente

Se Viperfritz non va a Zelda, allora Zelda andrà a Viperfritz. Questo è un pò ...

Lascia un commento