I videogiochi insegnano.

Sabato sono andato a Torino per far visita ad amici. Da Milano è un viaggetto breve e tranquillo dovendo solo attraversare la piatta pianura Padana. Ma l’imprevisto è sempre dietro l’angolo.

In uno stupidissimo raccordino (quindi 2 corsie e niente corsia d’emergenza) tra l’autostrada e la tangenziale torinese, complice la pioggia che era caduta copiosa durante il giorno, il retrotreno della mia piccola Peugeot 207 sbanda. Panico. Non so se vi sia mai capitata una cosa del genere, spero proprio di no, ma in una frazione di secondo l’adrenalina schizza a mille, la testa si spegne e rimane solo l’istinto. Purtroppo quel che l’istinto direbbe in questi casi sarebbe controsterzare e frenare ma in questo modo si finisce ad abbracciare il guarderail con certezza matematica.

Non chiedetemi come ma quel che mi è venuto naturale fare è quel che avrei fatto in Gran Turismo per tenere l’auto in pista, controsterzare, ri-sterzare, scalare e accelerare, per riprendere il controllo. Grazie a Dio ha funzionato e ho evitato l’incidente ma vi assicuro che mi son cagato addosso e ho avuto le mani tremanti causa adrenalina per 4-5 minuti buoni.

Grazie Gran Turismo.

Prova a cercare ancora!

sephiroth__s_last_mission_by_martz90-d5j12dh

Un divorzio inevitabile

  Il tempo si sa, passa per tutti; e cambiano anche di conseguenza le nostre ...

Lascia un commento