I will survive!

Spesso e volentieri, noi poveri Nerd viviamo all’ombra della gente “normale”. Rintanati nelle nostre case, carnagione lattea e costituzione troppo scarsa o troppo abbondante, siamo oggetto di scherno da quei poveri illusi che credono di custodire il segreto dell’esistere.. ma cosa accadrebbe se il genere umano fosse messo alla prova da un qualche genere di cataclisma? Chi sarebbe più preparato ad affrontarne le conseguenze?

Pensateci. Se la settimana prossima i morti risorgessero dalla tomba affamati di carne umana, chi conoscerebbe meglio di noi hardcore gamer il nemico? Chi fin dall’inizio saprebbe di dovergli spatasciare la testa e dover evitare ad ogni costo di venire morsicati per non essere infettati? E quale bistrattata categoria sopravviverebbe divenendo signori e padroni del pianeta? NOI! I NERD!!

Esatto. Senza accorgercene, i videogiochi ci preparano a fronteggiare quanto di peggio può accadere al genere umano. Impariamo come spostarci sul campo di battaglia, come prendere copertura, come sparare e come coprire i nostri compagni.

Senza saperlo, ci stiamo trasformando in letali macchine da guerra.

Chi meglio di noi saprebbe sopravvivere in un mondo post-apocalisse nucleare? E’ sufficiente armarsi fino ai denti, evitare di bere l’acqua dell’acquedotto, imbottirsi di medicinali e mettersi a studiare la fisica nucleare sui libri bruciacchiati che troveremmo in giro.

Chi sarebbe tanto geniale dall’appiccicare una motosega sotto ad un’arma da fuoco per fronteggiare un’invasione di lerci alieni artropodi semi-umanoidi?

E chi meglio del nostro divino Farenz saprebbe sopravvivere ad un disastro aereo su un’isola tropicale deserta, organizzando una piccola bisca per scambiare frutta e verdura con gli altri sventurati?

Altro che corsi di sopravvivenza, noi la sopravvivenza ce la mangiamo a colazione!

Voi non trovate?

matyas

Prova a cercare ancora!

viper5

Zelda Breath Of The West – Zelda sviluppato in Occidente

Se Viperfritz non va a Zelda, allora Zelda andrà a Viperfritz. Questo è un pò ...

Lascia un commento