il fiore all’occhiello al contrario

spikelee-570x325

Ciao a tutti bella gente, oggi mi travesto da Farenz e vi rigiro una mail che mi e’ arrivata di recente per poi spiegarvi il tutto dopo… per la cronaca, il nome nella prima parte e’ stato da me modificato per l’occasione.

“2015
Sono Rodrigo Romualdo, una guardia anzi LA GUARDIA  dei Cleveland Cavaliers nei palazzetti americani mi conoscono come Insanity e sulla mia maglia c’è il numero 91, il mio anno di nascita. Prima di arrivare a giocare con LeBron mi sono stati offerti molti contratti di sponsorizzazione ma purtroppo quello di gatorade NON sono riuscito a portarlo a termine, dopo qualche anno ho scelto di accettare la sponsorizzazione di Adidas ed ho creato la MIA scarpa firmata. Ho vinto un titolo MVP ed ho costruito un’ottima armonia con i miei compagni. SONO UNA STAR DELL’NBA

2016
Sono Frequency Vibration ed ora gioco per i Cleveland Cavaliers, sono bianco ma mio padre e mia madre sono di colore esattamente come mia sorella, sulla mia maglia c’è scritto Carbone ma non so perché, non posso parlare con i miei compagni e soprattutto se mi faccio amico qualcuno dopo non posso parlarci per il resto della mia vita, NON ho scelto nulla! TUTTE LE SCELTE MI SONO STATE IMPOSTE, ho solo scelto le squadre in cui volevo giocare. Chi sono veramente?!”

Come avrete capito parliamo di NBA2k16

Io, come sicuramente vi ricorderete, sono oramai un giocatore abituale di questo brand, mi piace, mi diverte e lo trovo piuttosto appagante… quest’anno pero’ non l’ho comprato e la mail che vi ho riportato sopra ne riassume le motivazioni.

Una veloce descrizione di Nba2K… offline meraviglioso, online forse anche di piu’, peccato che non vada per il cazzo, o meglio, se uno abita in America o gioca con il vicino di casa bene, per gli altri il ping e’ cosi alto che farsi una partita decente e’ praticamente impossibile… i server nella versione 2016 non sono stati cambiati percio’ non fatevi illusioni.

Detto cio’ quello che e’ rimasto, come dicevo prima, e’ la parte offline che, per essere uno sportivo e’ a dir poco fantastica, ti da veramente la sensazione di essere un giocatore reale, interviste, incontri col coach, con il presidente del team, con il tuo manager, puoi far richiesta di cambiare squadra quando vuoi, avviare relazioni con gli altri membri del team per rafforzare i rapporti e cosi via… insomma, puoi fare di tutto.

Per questa nuova versione del gioco la 2K ha deciso di giocare l’asso che, in questo caso, prende il nome di Spike Lee dando a lui le redini di questa fantastica modalita’…. se la carriera funzionava bene prima pensa ora con una persona del genere al comando della trama…. manco per il cazzo!

Come dicevo prima la carriera era tutta a vostra discrezione, anche gli atteggiamenti del giocatore venivano plasmati con le vostre scelte, ora pero’, come era facile aspettarsi, una volta che una persona come Spike Lee viene chiamata non lo fa per scrivere due scenette, lo fa per l’intera storia, creando le basi generali, il carattere, i colpi di scena e cosi via, insomma, crea un film gia scritto a tavolino, annullando le vostre scelte e la vostra indipendenza, non siete piu’ un giocatore reale, siete il classico giocatore da film.

Ed ecco a voi la risposta, che alcuni mi chiedevano anche su twitter, sul perche’ non ho comprato questa nuova versione di NBA2K, quello che per alcuni era un fiore all’occhiello per me lo e’ stato al contrario, se online so che non potro’ giocarci in modo ottimale, e offline so che non mi piacera’ come in passato, per me un titolo del genere puo’ rimanere anche sugli scaffali, con tutto il dispiacere del caso.

A voi e’ mai successa una cosa simile? Avete mai considerato un gioco “rovinato” per un qualcosa che per altri era un fiore all’occhiello?

Dite la vostra, a presto.

firma lodoss

Prova a cercare ancora!

thegamefatherspills03

The GameFathers Pills #03 – Third Pill

E ci siamo ragazzi. È il momento della terza pillolina di The GameFathers. Vi avevo ...

23 Più commentati

  1. call of duty : le streak kills.

  2. Non ho capito una cosa.
    Cosa c’entra la parola “trama” con un gioco di basket?

    • C’è tutta una sorta di dialoghi e scelte nella carriera e accompagnamento del tuo giocatore che generano la tua trama di gioco..
      mentre adesso la modalità “carriera” “storia” è tutto dettato a tavolino dal registra Spice Lee che ti mette in un cosiddetto binario.

      Anche in un picchiaduro come Mortal Kombat X c’ha la trama a QTE, mmm non lo so, forse per attrarre più gente? per essere più longevo? mmm
      me l’ero chiesto anch’io con Mortal Kombat X.

  3. Non ho capito, in pratica hanno tolto tutta la parte in cui conversi con il general manager e quando ti mette le scelte se ad esempio uscire la sera con la squadra o andare a casa a riposarti? Chiedo perché alterno un anno nba e un anno fifa e questo èl’anno fifa….

  4. Io non sopporto quando attaccano il multiplayer a giochi single player in cui non c’entra un tubo.

  5. Per la serie “Vogliamo l’innovazione!” “Ecco l’innovazione” “Non sei più quello di una volta” (semi cit.)

  6. Fortuna che tanto a me interessa sempre e solo la modalità GM, in cui posso usare tutti i miei Knicks. (è dura nella vita tifare Inter e Knicks lo so..)

    Di giochi rovinati da modalità che per molti invece erano il fiore all’occhiello?
    Forse tutti quei giochi nati in single player che hanno visto inserirsi modalità multiplayer che gioco forza ne hanno modificato il gameplay e la qualità anche nel singolo, e l’elenco sarebbe lunghissimo.

  7. Beh mi spiace che il tuo gioco sia stato rovinato per colpa del marketing aggiungiamoci il regista famoso cosi facciamo soldi sul suo nome e faccia.

  8. be ultimamente si sta parlando di dark souls 3 che vorrebbero che diventasse un gioco per tutti…..
    e molto piu’ semplice

    fatemi capire il significato di gioco per tutti su un genere come dark souls

    e fatemi capire che cosa vuol dire facilitare un gioco che il punto principale e capire come uccidere i nemici

    mah senza parole

    ma a parte questo molti giochi per renderli piu’ commerciali li stanno rovinando per farli diventare apetibili
    ad un publico maggiore.
    il problema principale e che poi il gioco cambia radicarlmente….
    metal gear che sto giocando ora NON e’ piu metal gear, nonostante il gioco e’ bellissimo, la piu’ grande pecca e’ che non e’ metal gear.

  9. Tra l’altro poi tra tutti i registi che potevano chiamare proprio spike lee? Che saranno 20 anni che è totalmente bollito non azzecca un grande film da malcom x quello che ha fatto dopo o è robetta o è spazzatura. Davvero non c’era un regista migliore appassionato di basket? So che anche Carpenter è un grande fan, anche se con lui di sicuro la storia avrebbe preso una svolta un po meno terra terra XD

  10. rainbow six siege, il motivo:”assenza della campagna single player” perché ho adorato tutti i rainbow six usciti finora, il mio preferito, raven shield. Poi arrivó siege, quando l’hanno mostrato per la prima volta non mi sembrava male e quando ho letto la notizia in cui rainbow six siege non avrá una campagna single player, ho deciso che non lo compreró perché rainbow six senza la campagna…É SENZA VERGOGNA!

  11. Hanno fatto la stessa identica cosa con PES 2016 allora.
    Offline è bellissimo, probabilmente il miglior gioco di calcio di sempre, online è semplicemente penoso, sembra un’altro gioco: collisioni tra giocatori al limite della fantascienza e della casualità, velocità di azione spaventosa (con 3 passaggi vai da una porta all’altra) e infine, fermare i giocatori più forti è praticamente impossibile, insomma sono riusciti nell’intento di rovinare PES 2015, sotto il profilo dell’online, che non aveva i server dedicati che avrà presumo Halo 5 o che ha Forza 6, ma che almeno era giocabile.

  12. Fiori all’occhiello al contrario?
    -La Fase Spazio di Spore. Osannata da tutti come la parte meritevole del gioco, io l’ho fatta una volta o due senza troppo entusiasmo e poi l’ho trovata pallosissima, per me il core del gioco era il resto, ma tutti considerano le prime fasi dei “tutorial”. Bah.
    -La trama di Hitman Absolution. Per nulla deludente, anzi, per carità, ma il modello “storia lineare” non l’ho trovato efficace e profondo come molti dicono. Alcuni livelli riuscivano bene, ma altri lasciavano un po’ il tempo che trovavano, e la rigiocabilità imho ne ha sofferto. Un ritorno allo stile missioni separate e internazionali alla Blood Money quindi non può che farmi contento.
    -Il gameplay degli ultimi CoD. Questo in realtà è opinabile, ma ho come la sensazione che negli ultimi anni critica professionale e una buona fetta di pubblico abbiano elogiato il piglio frenetico che la serie ha preso. Io invece piango, perchè vedo che ormai non è più il brand di cui mi innamorai. Con lo spauracchio del mito dei camperoni, degli e-sports e del casualismo inculcato, hanno trasformato il mulitigiocatore in un’accozzaglia di mappe in cui far scorrazzare gli sprayer e in cui correre alla bersagliera. Non che CoD sia mai stato parecchio tattico o ragionato, ma ora è diventato un non-abbassare-mai-il-fucile ridicolo… quindi sono in lutto perchè per via di questa moda, seppur con qualche eccezione (Ghost), per me il gameplay online è morto con MW3.

  13. E’ la stessa sensazione che sto provando io. 2015, lo spettacolo, peccato per i server, ma la carriera era il punto forte.
    2016, il binario, non scegli nulla, ho la mamma, padre e sorella negra (il mio personaggio si chiama Salvini).

  14. Guardate che la parte “di Spike Lee” è solo quella iniziale POI inizia la carriera tale e quale a quella del 2k15.
    Ma almeno chiedete informazioni a chi ce l’ha il gioco non ha chi non lo ha comprato.

Lascia un commento