Il fottuto elastico.

Per i pochi discepoli che non sapessero cosa io intenda con “effetto elastico” mi riferisco a quell’infame, bieco e subdolo meccanismo spesso presente nei giochi di guida per cui i vostri avversari vi saranno sempre attorno indipendentemente da quanto la vostra guida somigli a quella di Sua Maestà Michael Schumacher oppure a quella di una donna al cellulare in smart. Ciò significa che quando voi siete in testa gli avversari andranno al doppio della velocità che la loro auto e abilità gli consentirebbe, quando invece voi siete dietro loro andranno come il proverbiale vecchio col cappello.

Chi ha concepito questa immane minchiata dovrebbe essere crocefisso dalla storia del videogioco dopo lunga persecuzione assieme agli sviluppatori dei combattimenti di Assassin’s Creed, i creatori di CoD e i Gran Visir di tutti gli infami: i creatori di Dante’s Inferno.

Comprendo che questa porcata colossale sia un mero mezzuccio per rendere qualsiasi gara sempre una sfida indipendentemente dal livello di abilità dell’utente o dalla potenza del mezzo che utilizza in relazione agli avversari ma, cazzo, nel 2012 ci si può anche sbattere a fare una IA come Dio comanda. Anche perchè, diciamocelo, questo sistema porta a situazioni che sono francamente grottesche.

Un esempio facile facile?

Giusto ieri giocavo a Need for Speed (che ho preso alla GamesWeek scontatissimo) quando, grazie a questo sistema del cazzo, perdo una gara, che ho dominato nella sua interezza, all’ultima curva. Va bè, poco male, alla fine correre è la cosa divertente, rifare una gara da 3.08 minuti non mi cambia la vita. Il tentativo successivo mi schianto tipo un gazillione di volte, concludo la gara in 3.15 e vinco. Ci metto SETTE SECONDI in più e vinco. Ma che cazzo di senso ha?

Francamente trovo la cosa svilente per il giocatore.

È vero che questo sistema garantisce sempre una sfida, piazzandovi l’avversario sempre alle calcagna, ma è altrettanto vero che vedere un’altra auto che va a un lentezza disarmante quando è davanti è veramente deprimente.

In conclusione, un messaggio per gli sviluppatori che usano questa mestizia: FUCK YOU.

The rant is over, you can go now.

 

Prova a cercare ancora!

viper5

Zelda Breath Of The West – Zelda sviluppato in Occidente

Se Viperfritz non va a Zelda, allora Zelda andrà a Viperfritz. Questo è un pò ...

36 Più commentati

  1. tipo in fifa quando sembra che la cpu debba vincere per forza e altre volte in cui non pressa neanche a star fermi..in quel caso è per differenziare un po’ il metodo di gioco si vede.
    nei giochi di corsa tipo mario kart dove ci sono i potenziamenti magari è anche bello avere sempre un po’ di sfida, ma non con le macchine vere. dovrebbero fare un livello davvero difficile dove se guidi alla perfezione vinci e se sbandi anche una volta per recuperare ti serve il culo di vettel.

  2. Farenz ne aveva parlato di un gioco di merda che se non sbaglio finì in Flop Ten

  3. esattamente come disse viper qualche articolo fa su most wanted… a questo punto, avendo il parere di due articolisti discretamente preparati su questo genere, e dopo aver provato di persona il gioco, salterò a piè pari anche questo “””nfs”””

    • bah, in realtà io col gioco mi sto divertendo parecchio, nonostante questa minchiata.
      alla fine need for speed è divertente per mille motivi aldila della mera gara in sè.
      quello che ti posso dire per certo è che non credo valga 70 euro ma 30-40 è un buon investimento

  4. Drom l’effetto elastico in realtà è quello che fa sembrare differente il distacco in base al tratto di circuito nel quale ci si trova ( ad esempio alla fine di una staccata sarà ai minimi termini) quello che hai detto tu è invece una sorta di distacco non realistico tipico di giocacci dal punto di vista della difficoltà, per risolvere il problema ti suggeriico di giocare ai giochi di codemasters, che, senza essere simulatori eccessivi, non creano questi paradossi xD

  5. ma in forza motorsport 3 c’era? perchè a me non è parso di riscontrarlo.

  6. a me non interessano i giochi di guida (anche se ammetto che giocai anni fa a un nfs su pc e un po di tempo fa a gt5), ma devo dire che mi sembra proprio ridicola la cosa, non capisco perché in questa gen invece di fare dei giochi divertenti fanno sempre più giochi nabbi (perché il metodo da te descritto facilita chi non è molto bravo nei giochi di corsa e quindi in testa alla gara ci sta poco o solo verso la fine), ma è così difficile fare un gioco con una ia decente che si castra solo abbassando la difficoltà nelle opzioni accontentando sia i puristi che i nabbi?? o devono far per forza giochi che hanno la modalità “nabbo” mascherata da estremo in modo da farli sentire dei cosiddetti pro? bho

  7. Penso che Drom abbia scritto questo articolo anche in merito ai miei commenti fatti in “Perché Forza Horizon SI e Most Wanted NO”.

    Non ho molto altro da aggiungere a ciò che ho già scritto in precedenza: se è BEN dosato, per me è un fattore positivo.

    Insomma, deve essere una cosa che agisce senza farsi vedere. Che non trasformi i piloti dell’IA in dei deficienti che accostano pur di farti tornare primo.

    Qualche esempio: staccate leggermente anticipate, qualche millisecondo in più per cambiare marcia, traiettoria in curva non perfettissimissima. Insomma, piccolissime sbavature che puoi sfruttare per riuscire a tornare primo.

  8. Ovviamente quelle di Drom sono parole sante.

    Io lo vado predicando ormai da generazioni, ma è difficile far capire agli utenti che un’IA ben settata, con livelli di difficoltà ben scalabili, e libertà di impostare gli aiuti che uno desidera, è sempre e comunque meglio di un effetto elastico, per quanto blando.

    Il fatto che lo abbia rilevato, ribadendolo, Drom, estimatore di racing arcade, mi sollieva: ogni tanto il mondo gira dalla parte giusta.

  9. da giocatore di gt5 posso dire che se prendo la bugatti, col caz*o che mi stanno dietro …

  10. dipende dal videogioco, certo mettere più livelli di difficoltà sarebbe la cosa ottimale, ma meglio l’elastico che le gare impossibili e “realistiche” di nfs shift 2 dove se parti terzo massimo arrivi secondo ed in modalità facile, forse la musica potrebbe cambiare se uno ha un volante, ma fare un gioco per una ristretta cerchia di utenti e fare incazzare altri…

  11. Ho una domanda che non c’entra molto con l’articolo.
    Perchè dici che gli sviluppatori di Dante’s Inferno sono degli infami?

    • perchè il loro gioco è una piaga per l’umanità. un tempo buio nella storia che è giusto ricordare nella speranza di non dovere mai più vivere qualcosa del genere.

      • Non credo di aver capito bene, Drom. Scusa, ti puoi spiegare meglio? Interessava anche a me questa storia…

      • Guarda, Dante’s Inferno è una copia spudorata di GoW, come la sony ora sta facendo ASBR, ma a me Dante’s Inferno è piaciuto un casino, ho sempre sognato un gioco così, basato sulla mitologia cristiana, che mi ha sempre affascinato, e girare i gironi (scusa l’orribile gioco di parole) dell’inferno è davvero bello, specialmente perchè sono davvero ben caratterizzati l’uno dall’altro.
        Certo, a uno il gioco può non piacere perchè vuoi per il genere, vuoi perchè sia una copia do GoW, vuoi èerchè odino il fatto che sia preso dalla Divina Commedia, ma andiamo, va bene il fatto che a uno non piace, non sto dicendo che devi dire che è un capolavoro (anche perchè non è vero) ma… “perchè il loro gioco è una piaga per l’umanità. un tempo buio nella storia che è giusto ricordare nella speranza di non dovere mai più vivere qualcosa del genere”?!
        Andiamo, esageri un tantino qua, lasciatelo dire XD

  12. devo ancora provare il nuovo nfs, ma vi faccio una domanda, l’effetto e’ osceno come in motorstorm?

    In motortorm da un certo punto in poi l’unico modo per vincere e’ creare una tattica a tavolino in cui sei costretto a non sorpassare i primi fino all’ultimo giro avviato, se no non c’e’ speranza, ti sorpassano come niente e diventano impossibili da riprendere, quando magari un minuto prima li asfaltavi comodamente…

  13. Io l’ho trovato moltissimo in Need for Speed Undercover. Quante chiese non sono crollate per la mia disapprovazione!
    Ho trovato che invece non fosse QUASI per niente presente in Need for Speed Underground 2.
    Non parliamo poi di The Run! Lì non era un elastico, era una fionda vera e propria!

  14. Concordo con il senso dell’articolo e con i combattimenti di Assassin’s Creed che sono OGGETTIVAMENTE una minchiata. Tuttavia non mi trovo d’accordo sul crocifiggere gli sviluppatori di CoD visto che qualcuno che ci si diverte comunque c’è. Comunque so che l’hai già detto moltissime volte in passato, però all’epoca non mi soffermavo molto a leggere gli articoli sull’angolo, quindi potresti dirmi perchè odi tanto Dante’s Inferno?

  15. Ho iniziato most wanted l’altro giorno —-> delusione
    Speravo fosse come quello vecchio e lo attendevo con ansia :°
    invece no….ma magari la pecca + grossa fosse nell’effetto elastico (che cmq in quelle poche gare che ho fatto non ho notato…ma ho trovato piuttosto semplice finirle in 1^ posizione)
    certo che trovare subito il 911 appena finito quella specie di tutorial…girare 10″ e trovare subito il gallardo…devo dire che fa perdere la voglia di avanzare nel gioco.
    Poi spiegatemi a che servono gli incidenti ‘spettacolari’ alla burnout se poi riparti SUBITO e con lo stesso gap che avevi dagli avversari prima dello ‘sbaro’ (passatemi il termine dialettale x non ripetermi :D)
    Era meglio il 1° most wanted…e cmq viva Gran Turismo!!!!

  16. E bè e il predecessore che nenache avendo SUPERMAN e FLASH GORDON nel motore vi era utile per raggiungerli, era dannatamente impossibile poi pagliarli e le gare a tempo poi.

    Secondo mè è una questione di calibrazione e basta.

Lascia un commento