Il grande successo del Move

Dati di questi giorni riportano che il Move nel suo primo mese di vita abbia venduto 1.5 milioni di pezzi in Europa e un altro milione in America, un risultato assolutamente incredibile.

Inutile dire che Sony ha dichiarato che abbia venduto oltre ogni più rosea aspettativa e, sinceramente, anche io non mi aspettavo assolutamente un lancio così positivo. Vi ricordate quando per la prima volta fu annunciato il Move? Praticamente all’unanimità era stato dichiarato una puttanata nonchè una brutta copia del Wiimote e, ad essere sinceri, anche io concordavo con questo giudizio.

A questo punto la domanda è: cosa ha fatto cambiare idea a così tante persone? Quali sono i motivi di questo successo?

Nel mio personalissimo caso ho potuto provare il Move prima che uscisse e quindi mi son reso conto con mano delle sue potenzialità con molto anticipo, ma il mio è un caso isolato. Secondo me i motivi del successo globale sono: 1) il fatto che il Move sia venduto “a pezzi” (bundle, move, nav, ecc) di modo che ognuno quando decida di acquistarlo possa scegliere quanto spendere in base alle proprie disponibilità ed esigenze. 2) La precisione e la potenza del mezzo che ha convinto la gente della reale applicabilità del Move a giochi non casual. Su questo vorrei aggiungere che giocare a Heavy Rain col Move è una vera gioia, rimpiango davvero di non averlo potuto giocare così la prima volta. Volendo ci possiamo aggiungere che il gioco più gettonato all’uscita del Move, Sport Champions, è piu profondo di quanto ci si immaginasse, basta vedere la foto di Farenz e il suo recente articolo per realizzare quanto sia coinvolgente.

Ad ogni modo è indubbio che questo cono gelato/dildo/coso buffo sia riuscito a stupire le masse e a convincerle della propria validità; nessuno, io in primis, sebbene conoscessi le sue potenzialità, si aspettava tante vendite.

E secondo voi quali sono i motivi del successo del Move? L’avete preso e ne siete contenti?

Prova a cercare ancora!

nNsmaEp

Goodbye, Master Race

Il tempo è giunto. Era da anni che non parlavo delle mie scelte videoludiche, ed ...

Lascia un commento