Il Sole e l’estinzione dell’uomo

il_record_di_vicinanza_dal_sole_283

I modelli teorici più recenti indicano che il Sole che tutti noi conosciamo è nato all’incirca 10 miliardi di anni fa. Potrebbe essere quasi inquadrato nella categoria “Oldies“.
Il Sole emette la sua energia tramite fusione nucleare, reazione che quindi vede la fusione di nuclei di idrogeno per formare nuclei di elio.
Oggi, grazie alle più moderne tecnologie astrofiche ma soprattutto grazie al trilione di puntate di Super Quark, gli astrofichi spaziali sono riusciti a calcolare non solo l’età del sole, ma anche la sua morte, ovvero quando cesserà la fusione dell’idrogeno.

Ciò avverrà tra 5 miliardi di anni, minuto più, minuto meno.

Io di preciso non so cosa farò nel 5.000.002.015.
Probabilmente starò giocando ad Animal Crossing New Life.
Così come non so cosa sarà in grado di fare l’uomo tra un incalcolabile numero di anni.
Ciò che invece so con certezza è che sarò lì ad aspettare l’estinzione dell’uomo ridendomela di sana pianta.
E penserò “era ora, cazzo”.
Perché a volte ti capita di pensare al motivo per cui alcuni esseri umani siano al mondo.
Quale sia il loro scopo.
Quale sia la loro ruolo all’interno del nostro mondo.
E se ci hanno sempre insegnato che Dio ha un progetto per tutti, quando assisti a certe scene ti domandi davvero il perché Dio debba essere così troll.

Sgomberate la mente e pensate a cosa sto per scrivervi.
Un’immagine.
La prima figura che vi verrà in mente… pronti?

 

 

 

 

 

Un uomo di circa 45-48 anni.

 

Fatto?
Lasciatemi indovinare.
Quasi sicuramente avrete pensato ad una persona che conoscete, ad un vostro parente, un vostro amico.
Una persona quindi che avete inquadrato in un certo modo ben distinto, come facente parte della società di oggi, con un lavoro, magari una moglie, un figlio, il cane e la casa del Mulino Bianco.
Perché è l’immagine più semplice che il vostro cervello elabora leggendo le parole che vi ho appena scritto.

Ma non per tutti è così.
Sto con mia moglie da circa 11 anni e mezzo. Una vita.
Per forza di cose, frequentando casa dei suoi genitori da più di un decennio, mi è capitato nel corso degli anni di conoscere anche alcuni dei vicini di casa dei miei suoceri.
Ognuno con un soprannome diverso, naturalmente.

Tra tutta questa sfilza di personaggi, colui che desta maggiormente e da tempo la mia attenzione è un uomo, per l’appunto, sulla quaranticinquina.
Non so quale sia il suo nome perché non ha citofono, né campanello. Né relative targhette.
So che esiste perché lo vedo spesso dalla sua finestra al primo piano. Finestra che evidentemente dà su camera sua, perchè lo vedo lì… perennemente al pc.
Suppongo tra l’altro che sia un grande fruitore di videogiochi, in quanto spesso (e con spesso significa sempre) quando lo vedo in camera, vedo il suo monitor uber grande, la sua postazione uber figa, su cui poi girano i soliti fps che han provocato la mia uber orchite.

Ma non è il COSA videogioca quest’uomo, quanto proprio il fatto che alla sua età… giochi.
Cosa succede?
Che esattamente come io lo vedo spesso – molto spesso – al pc, così capita anche agli altri vicini di casa dei miei suoceri.
Non so se loro lo conoscano meglio di me, ma francamente non credo proprio… perché?
Perchè Sandro, chiamiamolo così, oltre all’infame colpa di essere un videogiocatore alla sua età, ha anche l’orrenda colpa di vivere con sua madre e di aver perso il lavoro. Da quanto tempo, di preciso non saprei.

La madre è una galoppante signora sulla 70ina abbondante, ma molto energica.
Nonostante la sua energia però potete facilmente intuire quale sia il suo stato d’animo vedendosi il figlio in casa.

Ma perché vi sto raccontando ciò?
Perché l’idiozia, ma soprattutto la cattiveria dell’uomo non ha mai fine ed ancora riesco a stupirmene.

Io non so se la signora sia una rompicoglioni.
Così come non so se Sandro, coi suoi videogiochi “pum-pum, bang bang” dia fastidio a qualche altro vicino.

Ma una decina di giorni fa alla signora è giunta una lettera, rigorosamente e vigliaccamente anonima.

 

 

Tanto lo sappiamo che tuo figlio è un finocchio.

 

 

Ripeto.
Non so che tipo di vicini siano la signora o Sandro stesso.
Ma venire a sapere che la madre di Sandro sia andata a sfogarsi in lacrime da mia suocera facendole leggere queste parole mi fa incazzare a morte.

Non solo perché questa cattiveria nasce dal vedere un uomo di 45 anni anni che videogioca.
Non solo per un tentativo di presa per il culo che nel 2015 fatico a concepire ancora come tale.
Non solo perché nessuno sa se Sandro sia gay e francamente non vedo a chi possa fottere di ciò.

Ma soprattutto perché indipendentemente dal motivo che possa aver spinto una persona a scrivere ciò… vi sembra una cosa da scrivere ad una 70enne?

Lo so, la risposta è scontata ed inutile.
Così come è inutile questo articolo.
Scusatemi, ma avevo voglia di scriverlo e rendervi partecipi di un episodio che mi ha fatto rimpiangere il non avere il superpotere di far evaporare esseri umani a dir poco inutili.

farenz2

 

Prova a cercare ancora!

thegamefatherspills03

The GameFathers Pills #03 – Third Pill

E ci siamo ragazzi. È il momento della terza pillolina di The GameFathers. Vi avevo ...

62 Più commentati

  1. Secondo me la mamma di Sandro ha avuta una reazione esagerata dai.

    • La mamma di Sandro ha 70 anni, quindi non ha la mentalità dei giovani SANI di oggi.
      Le variabili sono 2, potenzialmente : O è veramente omosessuale, e non dovrebbe fregare un cazzo a nessuno.
      O a lei dispiace vedere il figlio che a 45 anni disoccupato resta tutti i giorni in casa a fregarsene della vita e sta male nel vedere come la gente non si faccia i cazzi suoi, ribadendo il concetto ovviamente che non dovrebbe fregare un cazzo a nessuno.

  2. Povera signora, che senso ha darle queste pene a quella età?.. Bahh

  3. Articolo che fa riflettere, davvero…complimenti perché a modo suo è toccante

  4. Se non avessi letto i commenti, avrei considerato questo articolo un “off topic”, ossia uno di quelli che sporadicamente fai quando vuoi analizzare qualcosa di “sociale”.

    Questo perchè io pensavo che quella offesa non fosse altro che un’offesa all’uomo che passa la sua vita davanti al pc, trascurando gli interessi sociali, sconfitto dalla depressione (?) e dalla mancanza del lavoro.

    Infatti, credevo si trattasse di un articolo che voleva analizzare “di nuovo” la dipendenza da videogame.

    Comunque sia, penso che sia stato stupido inviare la “lettera” alla madre, così come penso che il signore non debba abbattersi e continuare a vivere. E’ probabile che stia perennemente al pc perchè non ha niente di meglio da fare, non perchè goda nel farlo…. Comunque sia, penso che alla signora (madre) possa aver dato fastidio anche perchè si sfotteva un figlio NON perchè gay, ma perchè è stato sconfitto dalla vita…..

    Lancio una provocazione: e se quel biglietto spronasse la madre di “Sandro” e lo spronasse a riprendere le redini del gioco (reale) ?

    Forse sono troppo ingenuo, o forse spero solo che quest’uomo riesca a risollevarsi. In qualunque modo.

    p.s. sia chiaro, penso che il messaggio voglia SOLO offendere, ma NON credo che si riferisca a una reale omosessualità dettata da Videogame=mancanza donne=gay.

  5. che schifo di persone.
    Mi spiace per la madre di sandro ma sicuramente chi ha fatto questo è una persona dal cervello piccolissimo che merita solo disprezzo!

  6. “Sgomberate la mente e pensate a cosa sto per scrivervi.
    Un’immagine.
    La prima figura che vi verrà in mente… pronti?

    Un uomo di circa 45-48 anni.

    Fatto?”

    si, ho pensato a Farenz

    per quanto riguarda Sandro penso sia la dimostrazione che a certe persone da fastidio anche il solo fatto che esisti ed anche il fatto che alcuni godono del male del altri (se conoscono Sandro, conoscono anche la madre, quindi sanno a chi hanno fatto male…… se la spingevano giù dalle scale avrebbe sofferto meno….

    per mia fortuna quando sono davanti al PC guardo solo dei porno, così i vicini non possono pensare male!!

  7. Farenz tu ce l’hai la cassetta delle lettere? XD

  8. Purtroppo è un grosso difetto dell’italiano medio bigotto e retrogado quello di farsi i cazzi di altri e giudicare sulla base DEL NULLA.

    Tralasciando il fatto accaduto a questo “Sandro”. Nella vita di tutti i giorni, da quando siamo piccoli, quante volte abbiamo sentito persone giudicare altre persone sulla base del nulla?
    Io troppe, ma davvero tante purtroppo.
    Solo che alla gente su molte cose viene più facile dire: “eh, ma guarda quel fallito, è senza lavoro/divorziato/da solo” invece che conoscere veramente la situazione della sua vita.

  9. Penso e spero che a scrivere una cosa del genere sia stato, come hanno detto anche altri, qualche bimbo nutelloso del cazzo che non sa che fare nella sua vita e quindi rompe le palle alla gente. In ogni caso, non penso centri neanche il discorso “videogiochi quindi non trombi” perché, voglio dire, essere omosessuale non vuol dire non fare sesso D: penso si tratti semplicemente di un modo ignobile, infantile e anche ignorante di attaccare gratuitamente qualcuno. Da una parte spero sia stato un bimbo nutelloso, in quanto un adulto che si presta a cose simili è sconcertante… Dall’altra parte, però, mi piange il cuore sapere che tra le nuove generazioni esistono persone così ignoranti e idiote da additare l’omosessualità di qualcuno, vera o falsa che sia, come se fosse qualcosa di cui vergognarsi. Che schifo.

  10. Io farenz ho pensato a te quando hai detto di pensare a un uomo di 48 anni xD ovviamente più bianco di capelli e con più rughe

  11. Requiescat_In_Raviolo

    Ho pensato due/tre cose a proposito di questa vicenda.

    *L’atteggiamento di chi ha mandato quella lettera lo paragono a quello di un bambino dell’asilo, quando si dicono cose tipo “Ah! C’Hai le orecchie a sventola”, e cose così. Insomma questa o queste persone non mi sembra che abbiamo fatto molti progressi a livello di intelletto….

    *Avere qualcuno, tra i propri vicini, di questo livello la vedo come una sfiga peggiore che essere colpito da F.C.I. (Flatulenze Croniche Incontrollabili)

    *Venedo a sapere di certa gente che ti guarda e ti valuta in questa maniera, allora perché non mettersi di tanto in tanto a fare l’elicottero col proprio pene cosí, per godersi l’effetto che farebbe.

    *Videogiocare perché, senza avere un lavoro, hai la giornata libera non ti qualifica come finocchio o fallito. Cos’è, invece si dovrebbe stare a guardare la televisione mattina e pomeriggio e sera per non alimentare cattivi pensieri?

    Veramente mi chiedo come si faccia a pianificare certi attacchi solo perché sai e godi nel veder soffrire qualcuno, pur con tutti gli screzi e ripicche che possono capitare tra vicini di casa.

  12. Purtroppo il mondo è pieno di gente idiota e insensibile . Mi dispiace molto per quella signora e anche per Sandro . Spero possa ritrovare un lavoro . Ottimo articolo .

  13. Siamo tutti finocchi!
    ..che triste storia, massima solidarietà per Sandro e per la signora! l’ignoranza é una brutta bestia

  14. “tanto lo so che te che sai che mio figlio è finocchio sei un figlio di puttana”

    appeso davanti alla cassetta delle lettere del condominio

  15. Da questo e’ chiaro dedurre che tra 5 milioni di anni, invece di avere usato il nostro cervello per cercare un altro modo per far sopravvivere la razza umana senza il sole, saremo ancora sulla terra a scrivere alla vecchia di fronte che ha il figlio gay.

  16. Forse la reazione non è poi tanto spropositata. Forse quella famiglia ha avuto tanti di quei cazzi in culo, che una vigliaccata come questa, tocca più del dovuto (lavoro e chissà ancora)
    Ultimamente mi sto convincendo che le azioni (e reazioni) della gente (me compreso), dipendono sempre di più dal contesto sociale in cui ci troviamo. Se non stiamo bene, è molto più probabile avere comportamenti molto più stronzi ed essere di conseguenza molto più recettivi. Prendo esempio da un amico: Prima – Buon lavoro, buona paga,figa e entusiasmo alle stelle. Oggi: Lavoro un pò meno, meno soldi, rabbia nei confronti del commercialista e basta toccarlo che salta subito dalla sedia. Non voglio aprire l’ennesimo dibattito politico (guarda fuori, va di merda, che vuoi discutere), ma è lampante che una società malata genera stronzi di questo tipo.

    Soluzioni?

    Nessuna. Quello che ho scritto vuole rafforzare il desiderio di estinzione espresso nel titolo. Ma scusate, la società non è un insieme di uomini?

    Quindi siam fottuti.

    Saluti da un vostro misantropico discepolo…

  17. L’organismo umano è dotato di un
    intelletto molto sviluppato e in grado
    di svolgere funzioni cerebrali superiori.
    Questo individuo (e come lui molti altri) dimostra che però non tutti sono in grado di usare quello che ci viene messo a disposizione
    Che spreco.

    P.S. Sono nuovo, un saluto a tutti.

  18. Io spero sempre nell’estinzione come te xD non vedo l’ora ahahah

Lascia un commento