La Questione Pokémon

(no doc., non parleremo di traffico)

Buongiorno a tutti! Buon brutto tempo a tutte! Come andiamo? Siete caldi? Lo spero per voi, perché “gli Stark hanno ragione, l’inverno sta arrivando davvero”. In questo periodo di transizione tutti vorrebbero starsene a casa al calduccio, invece ci tocca uscire fuori, vedere gente, prendere pioggia, sentire gli aliti dei vecchi sul bus….

Insomma un periodo che tutti odiano, come se non bastasse arrivano al mio orecchio notizie raccapriccianti che inquietano non poco la mia persona e non solo.

Sembra infatti che la PETA (People for the Ethical Treatment od Animals) abbia ben deciso di condannare i mostriciattoli tascabili, creando un gioco online contro i giochi dei Pokémon, definendoli crudeli verso gli animali e diseducativi.

Per chi fosse interessato a provarlo ciccate qui

Il gioco si chiama Pokémon Black & Blue gotta Free ‘em All! Personalmente non ho nulla contro la Peta, anzi sostengo tutto ciò che rappresenta e sono un sostenitore dei diritti degli animali, tutti tranne la Saiga, per chi non la conoscesse è un’antilope con la mini proboscide, a che cazzo ti serve una proboscide? Tiratela di meno e vai a lavorare!

Tornando in argomento, il gioco fa combattere i pokèmon contro i propri allenatori per potersi “liberare” dalle loro grinfie. Ma non è la prima volta che questo spinoso argomento viene a galla, alcuni mi hanno raccontato di aver smesso di giocare a pokémon per questo motivo.

Tuttavia se si visitano le varie librerie e luoghi di culto all’interno dei suddetti giochi vi sono racconti di come i mostriciattoli siano più intelligenti degli uomini, di come siano felici di combattere al fianco dell’uomo e di come siano stati proprio i pokémon a creare l’umanità.

Personalmente fino a Diamante e Perla ho amato questa serie, da Bianco e Nero ho iniziato a soffrire dentro, tuttavia non trovo che ci sia dello schiavismo verso i pokèmon, ho sempre trattato la mia squadra come una famiglia, gli ho sempre presi a cuore tutti, dal primo all’ultimo, crescendo e combattendo assieme a loro.

Prendo atto però che non sono l’unica persona al mondo e quindi ci sono molte idee a riguardo, personalmente trovo che PETA abbia esagerato e non so neanche come reagirà Nintendo a riguardo, voi come la pensate? Vivete per i pokémon o credete che siano costretti a combattere e vadano liberati tutti?

Se qualcuno me lo regala, GIURO che lo indosserò 2 giorni a Lucca (taglia L): Pokémanz!

Dio

Prova a cercare ancora!

viper5

Zelda Breath Of The West – Zelda sviluppato in Occidente

Se Viperfritz non va a Zelda, allora Zelda andrà a Viperfritz. Questo è un pò ...

75 Più commentati

  1. Non sono un amante dei Pokemon, anzi… ma condivido che la PETA abbia cannato di brutto… i ragazzini e i bambini ( la maggior parte ) sanno perfettamente la differenza tra finzione e realtà (se no a quest’ ora starei tentando di far esplodere gente alla Ken Shiro ); secondo il loro ragionamento bisognerebbe vietare anche le fiabe…
    Al massimo si può sostenere che abbia un effetto rincoglionente, non che porti a maltrattare gli animali… poi bisogna vedere le ragioni che portano a questo attacco, forse si sentono solo trascurati…
    In ogni caso se mai ci dovessero essere casi di bambini traviati, sarà comunque colpa e responsabilità dei genitori incapaci.

  2. Pokémon è un videogioco. Nessun animale è mai stato maltrattato per la sua creazione, e in fondo ognuno di noi ha giocato almeno una volta a un capitolo della famosa serie: Siamo diventati tutti dei bracconieri? Mi pare di no.
    Trovo inoltre che proprio nell’ultimo capitolo questo tema sia emerso: Libertà ai Pokémon o mantenimento di essi in quanto parte di una famiglia, in quanto amici? Insomma, io dovrei essere un criminale solo perché ho un gatto in casa? Lo lascio uscire ogni giorno (vivo in campagna) e lui torna ogni volta. Non mi sembra che mi voglia tanto male. Toh, mi sta facendo le fusa proprio ora.
    A parte questi temi, discutibili e opinabili invero, mi chiedo perché la PETA si sia “svegliata” solo adesso. Siamo alla quinta serie di Pokémon: Se avessero avuto davvero qualcosa in contrario avrebbero dovuto agire un po’ prima.

  3. Solo altre 3 cose:
    – il loro gioco comunque è simpatico
    – c’è comunque un parallelismo con situazioni reali di sfruttamento e combattimento tra animali; forse vogliono incentrare l’ opinione pubblica su tale argomento, prendendo come scusa i Pokemon.
    – il Gatto che veste una tuta da topo giallo mi sembra quasi blasfemo…

  4. Gli animalisti non sono ancora insorti sul fatto che in skyrim puoi uccidere conigli e cucinarli?

  5. Potresti fare lo stesso articolo sugli uccelli di Angry Birds !

  6. Ma la PETA con tutti gli animali veri che ci sono da salvaguardare, deve venire a rompere le scatole a noi videogiocatori?
    Ma perchè non si svegliano? Qualcuno gliel’ha detto che i pokemon non esistono?
    E comunque al limite il gioco ti insegna a voler bene a gli animali, non a maltrattarli!!!
    Svegliaaaaaaa!!!

  7. Kainus_Huntmaster

    Gli animalisti stanno diventando una mattonata nelle palle paurosa. Rompono le palle anche per i giochi dei Pokemon? Ma stiamo scherzando? Allora Super Mario, in cui salti in testa alle tartarughe, dobbiamo bruciarlo?

    Tra l’altro, nei giochi dei Pokemon (bianco e nero a parte) è una continua ripetizione da parte dei “buoni” che i pokemon vadano trattati come amici e curati, mentre da parte dei “cattivi” che i pokemon sono solo oggetti da sfruttare. In poche parole, PETA sta prendendo posizione contro un brand che, sostanzialmente, è sempre stato in linea con la loro politica. Santa coerenza…

  8. E’ evidente: la PETA non ha mai giocato seriamente ad un titolo Pokèmon, tanto meno al Diamante/Perla. Una parodia che serva per ridere o per denunciare qualcosa, si fa in maniera molto ponderata conoscendo ogni particolare di quello che si va a toccare. Quella della PETA è una scimmiottatura di pessimo gusto fatta da persone che si, vogliono difendere una nobile causa ma che stavolta hanno agito in maniera errata. I Pokèmon hanno sempre sostenuto la stessa causa della PETA, mi dispiace che non se ne siano accorti.

  9. Gli animalisti sono diventati la peggiore piaga che l’umana intelligenza e dignità conosca. Anche io ho un gatto in casa, anche io lo tratto con amore.. Ma come umano, sono onnivoro e mangio carne.. Inoltre da scienziato ritengo insostituibile la Sperimentazione Animale.
    Avevo già giocato a questo “aborto” sui pokemon ma è solo uno degli ultimi ipocriti modi che, organizzazioni come la PETA, sfruttano per rimbambire e indottrinare masse ignoranti, colpevoli solo di non essere in grado di ragionare con il proprio cervello. Lascio solo questo link ad esempio della realtà della Peta http://www.petakillsanimals.com/
    E mi auguro che Nintendo faccia causa il prima possibile.

  10. Ho sempre pensato che gli animalisti troppo spinti siano degli emeriti imbecilli, ora ne ho la conferma!

  11. Dico solo una cosa:
    “E dai, sono Pokemon! Ma pigliatela con chi schiavizza animali veri, non con un videogioco con dei fantaanimali”

    Tanto vale prendersela col primo Sonic.
    Lì tale Dr Robotnik non solo schiavizza gli animali, ma li rinchiude dentro i suoi robot…se non è crudeltà verso gli animali questa…

    E’ un videogame…prenderlo sul serio non è mai una buona idea (salvo rare eccezioni in cui il gioco vuole essere preso sul serio, perchè magari vuole trasmettere un messaggio)

  12. Tutta pubblicità gratuita. figuratevi se un individuo simile si metterebbe contro nintendo.

  13. resistance_legend

    E poi dicono che questo blog è diseducativo…ora grazie alGattò conosco cos’è la Saiga e che è alto poco meno di 1,81cm…(parlo del Gattò XD)

  14. Io gioco a pokèmon usando le regole dei Nuzlocke (Perma-death, posso solo catturare il primo pokè che incontro ecc…).

    Probabilmente i tizi del PETA mi asfalterebbero…

  15. Gente che spreca tempo ad attaccare uno stupido gioco invece di pensare agli animali veri. Se questi sono animalisti allora io sono la reincarnazione di San Francesco…

  16. Lo ammetto. Sono un sostenitore della Peta, certo. Ma da accanito allenatore di Pokémon non posso che dire che la Peta ha esagerato a mostrare il felice mondo dei piccoli mostriciattoli tascabili in quell’orrendo modo presente nel loro gioco in flash. Come dicono i giochi Pokémon, sono stati i mostriciattoli a creare gli umani, ed essendo molto più forti ed intelligenti, è ovvio che non si ribellano agli allenatori perché loro AMANO i loro Pokémon e viceversa.
    è qualcosa di triste vedere un organizzazione tanto importante prendersela con un gioco per ragazzi che ha sempre “incitato” all’amicizia …

  17. da quello che sò! ci si è messa anche i musulmani e gli ebrei contro i pokémon per gli stessi motivi! la chiesa invece li ha difesi sottolineando che sono educativi e che insegnano l’amicizia e la fiducia!

  18. ahahahahahha dico solo supermario e il procione scuioiato… -.-

Lascia un commento