Lo sparatutto perfetto

Visto il successo riscosso dall’articolo della settimana scorsa riguardo il picchiaduro perfetto, ripropongo la stessa domanda in ambito shooters.

Secondo voi, quali sono gli elementi assolutamente necessari per decretare la perfezione in uno sparatutto?

Se dovessi dare io una risposta, mi troverei un po’ nella cacca.
“Sparatutto” è un termine che al suo interno comprende due sottocategorie: TPS ed FPS, che sotto certi punti di vista considero quasi come classi differenti.

Per quanto riguarda me, preferisco 1000 volte i TPS agli FPS, perchè mi è sempre piaciuto VEDERE chi controllo e la visuale dietro le spalle, non so perchè, ma mi immerge nell’azione anche più dello sparatutto in prima persona.

D’altro canto, non si può non ammettere che gli sparatutto, dopo i giochi sportivi, sono forse la categoria che meglio si presta al gioco online ed anche a me, che come sapete non sono un fan del multiplayer, piace molto far saltare teste di “persone vere e proprie”.
Come dissi in un video, credo che l’fps si presti meglio all’online, quindi… punto a favore dell’fps.

Altra considerazione, Call of duty ci ha viziato.
La sua tecnica di classificazione online tramite mostrine e gradi sempre superiori ha dettato legge.
Ed ormai la ritengo obbligatoria per questo tipo di ranking.

Come ultimo punto ma non in ordine di importanza, lo sparatutto perfetto secondo me DEVE avere una campagna offline di almeno 7-8 ore e soprattutto una trama consistente.

Mmmm… ora che ci penso, tra gli sparatutto che ho giocato negli ultimi anni, credo nessuno si possegga tutti questi elementi che personalmente vorrei ritrovare all’interno dello stesso videogame.

E’ una richiesta impossibile?
E voi cosa vorreste?

Prova a cercare ancora!

viper5

Zelda Breath Of The West – Zelda sviluppato in Occidente

Se Viperfritz non va a Zelda, allora Zelda andrà a Viperfritz. Questo è un pò ...

Lascia un commento