Nel Negozio Che Vorrei…

Buooooooongiorno Angolo! Come ve la passate? Sopravvivete al caldo? Scappate per le vacanze? Io penso che non metterò il culo fuori da casa mia quest’anno (per fortuna) se non per qualche improvvisata su al nord in mezzo alle montagne. L’argomento di oggi è molto interessante e a me caro, oggi parlerò infatti dei negozi di videogiochi, ma non in generale, ne esiste uno in particolare di cui vi racconto volentieri due cosine.

Sono così figo che in questo articolo ci sarà anche il supporto fotografico (cose mai viste!), intanto che iPhotostrunz si apre inizio con la narrazione.

Venerdì sera stavo tranquillamente giocando a shangai facendo la verticale sull’orlo di un burrone quando all’improvviso mi arriva una mail. La mail in questione (mandata dal caro Alex) mi parlava di un negozio di videogiochi dal nome non troppo conosciuto, GameUp.

La mail mi par lava di cose mirabolanti, prima tra tutte: il negozio è nella mia Padova! Cosa potevo fare se non precipitarmi direttamente il giorno dopo?

Apena arrivato al negozio vedo una cosa (via con il primo supporto grafico!)

Cazzo, ma io quel culo lo conosco! al 22 di Via Degli Zabarella a Padova vi è infatti un Farenz sculettante sulla vetrina di un negozio di videogiochi, come lo chiamate voi questo? PARADISO.

Una volta entrato poi ancora meglio, due mega televisori Full HD con svariate console per giocare assieme in simpatia (se vi sentite glamour e indossate sempre occhiali alla moda, sappiate che le tv hanno anche il 3D).

Per la prima volta nella mia vita, parlando con qualcuno che lavora in un negozio di videogiochi (mr Tony escluso) ho avuto la sensazione di parlare con chi di videogiochi ne capisce veramente, trovo che parlare con qualcuno che ha la tua stessa passione in questo ambito sia fondamentale, sopratutto in un negozio.

Ricordo con amarezza la commessa fresca di manicure, pedicure e permanente, a fatica digitava sulla tastiera per via della plastica obbrobriosa sopra le unghie. Colei che alla mia domanda “Posso avere la limited di Halo Reach?” mi ha risposto “Ps3, 360 o Wii?”.

Tornando in tema, questo negozio ha tutto, la tessera che da diritto a sconti incredibili:

1€ se compri un gioco

4€ se ne compri 2 in quel momento

9€ se ne compri 3 in quel momento

12€ se ne compri 4 o più.

Considerando che basta una tessera, andando già con un amico si risparmiano 2€ a testa, ma non finisce qui, infatti i fichi del negozio tendono ad abbassare il più possibile il prezzo del gioco, per stare più vicini alle tasche degli utenti.

Aggiungiamo lo sconto di 5€ su ogni preordine ed il gioco è fatto! Ovviamente con ritiro dell’usato più vantaggioso rispetto ad altre catene (occhiolino, gomito gomito). In più potete prenotare i vostri giochi in svariate maniere, attendete che un gioco arrivi ad un certo prezzo? Perfetto verrete avvisati! In america hanno le super mega limited che in Europa non arrivano? Ed ecco che vengono ordinate e consegnate in tempi record!

Come se non bastasse al GameUp a Padova ci sono anche dei tornei, tra cui vi segnalo questo sabato alle 15:30 quello di MK 9 (probabilmente ci sarò anche io!). Insomma questo è il negozio dei nostri sogni, un negozio social, vicino all’utenza, gestito da persone che condividono la nostra stessa passione, se siete di Padova vi consiglio vivamente di farci un salto, anche se siete solo di passaggio.

In futuro proveremo a fare qualche evento stile Angolo, così sarete costretti a venire tutti a Padova.

Vi ricordo l’indirizzo Via Degli Zabarella 22 Padova e la Pagina Fèissbuk con le news riguardanti il negozio, se vi sentite pro, potete anche aggiungerli a Skype con il contatto gameup-padova.

La tessera costa solo 5€, quindi andate in massa! Saranno 3 i negozi al mondo così social e vicini agli utenti, perché farne a meno?

Ringrazio i Ragazzi (ahah simpatico gioco di parole) per l’ospitalità!

(Tutte queste favolose “feature” sono in esclusiva della sede di Padova, non so come siano le altre, poiché ogni negozio è assolutamente libero di fare quel che vuole)

Da Padova è tutto

Gatto

(ho sempre desiderato chiudere in stile giornalista)Dio

 

 

 

 

 

Immagine Bonus

 

Prova a cercare ancora!

xbox-game-pass-x019

Il Game Pass è il cancro dei videogiochi?

Beh? Mi sembra di aver scritto l’altro ieri l’ultimo articolo ed invece… Mi è nata ...

140 Più commentati

  1. Bel negozio,spero che cresca e possa fare concorrenza al GameStop,anche se io personalmente non tradirò mai Zavvi e Theut

  2. “un farenz sculettante in vetrina” Cazzo ci devo andare!

  3. Profonda invidia per i padovani.
    Mi toccherebbe fare più di 360 kilometri per fare una capatina in questo nuovo negozio ma le premesse sono più che buone, purtroppo non mi resta che incrociare le dita e sperare che ne salti fuori uno anche qui da me con feedback similare.

  4. voglio un negozio così anche a Como

  5. “Wow cazzo”! Ed è pure piuttosto vicino! Mi sa che un salto ce lo faccio molto volentieri!

  6. Voglio un negozio cosi anche a Napoli,sarebbe una figata vedere Farenz su un televisore che sculetta nella flop ten e3 XD.

  7. Perché questi tipi di negozi sono totalmente assenti nella mia zona? :c

  8. Io avevo un Opengames proprio dietro casa mia,il negoziante era simpaticissimo e aveva anche tante offerte,io ho anche la tessera,tra l’altro gratuita;peccato che ha chiuso poche settimane dopo che l’avevo scoperto perchè gli affari non andavano bene :( che ironia…

  9. Caorle – Padova… fattibile fattibile ;)

  10. Olè, ci vengo sicuramente!
    Dai che sto a meno di mezz’ora dal centro, non posso certo perdermi questa perla xD

  11. Peccato che non ci sia qui a Napoli (immagino xD). Però, se posso dirvi una cosa, il Gamestop dove vado io, che si trova a Corso Umberto, facilissimo da raggiungere, ha delle persone simpaticissime, competenti e che hanno una conoscenza base di videogame, quindi non mi lamento tranne che per il prezzo di qualche videogioco (Modern Warfare 2 ancora a 54 euro!), ma questo Game Up sembra valido

  12. …mi trasferisco a Padova. xD

  13. Speriamo che si spreaddi presto in tutta Italia!

  14. Mmmm interessante, soprattutto c’è da dire che sul sito danno la possibilità di aprire il proprio negozio gameUp nella propria città :D

  15. Ma non ho capito se il torneo è di mortal kombat o mario kart, in ogni caso io ci sarò :)

  16. Comunque secondo me sarà una catena di videogiochi che si espanderà presto nel giro di pochi anni e che molto probabilmente darà filo da torcere al GAMESTOP.

  17. cazzo io sono di monselice se posso vengo :D ma il video di farenz era con l’audio a palla ??? così si può guardarli li facendo un evento tra fan XD

  18. I Serpenti Non Vivono In Alaska

    CHE FIGATA!!! FELTRE, STO PER ARRIVARE!!!

  19. Farenz deve ASSOLUTAMENTE andare a questo negozio.

  20. è bello riconoscere i post del gatto perche hanno delle fighe in copertina , ahah gatto mi fai morire

  21. Sto rosicando come un pazzo guardando le foto D:

  22. il mio appartamento universitario è a 100 metri da lì, sono gentilissimi! Ho preso lì la PS Vita e i vari giochi, poi ogni tot euro di spesa hai uno sconto su acquisti futuri, comprando una console diventa molto vantaggioso! Appena ricomincia l’anno accademico mi aggiungo per i tornei!!

  23. Non più di un’ora fa sono stato nel negozio di Milano. Ho solo dato un’occhiata dato che in teoria starei lavorando…..il proprietario era disponibilissimo, competente e si vedeva davvero che questo lavoro lo fa per passione.
    In più mi ha svelato qualche chicca sui sistemi di valutazione che usano sia loro che gamestop e, che dire, ora i gamestop li vedo ancora più ladri……..e li vedevo già parecchio ladri prima il ché è tutto dire.
    Spero che questa catena ed il loro modo di pensare si espandano sempre di più, sono un po i CD Projekt della vendita.

    • Potresti condividere col mondo? Intendo il sistema di valutazione. E’ una cosa che ho sempre trovato interessante.

      • In base a quello che mi è stato detto, il prezzo che viene assegnato ad un gioco usato è standard, nel senso che sia GameUp che gamestop (minuscole e maiuscole sono volute) utilizzano la stessa base dati.
        Se tu gli porti un gioco, loro scannerizzano il codice e ricevono a video lo stesso prezzo….la differenza è che GameUp legge 10 e ti dice 10, gamestop legge 10 e ti dice 5.
        In più, Gamestop gode di diversi vantaggi a livello di distribuzione che le garantiscono prezzi di acquisto più bassi (e li è normale, grazie alla quantità di materiale acquistato) + altri bonus come esclusività nell’assegnazione di postazioni demo e cose così.
        Quindi gamestop paga un gioco, ad esempio, 10 euri in meno rispetto ad altre realtà, come GameUp, te lo rivende a 10 euri di più (e già qui il guadagno rispetto ad altri negozi è di 20 eurini oltre al margine normalmente applicato) e se glielo porti usato te lo valuta meno del dovuto (per policy aziendale).

        • Maledetti farabutti! Vado a fare il barbone piuttosto che lavorare da loro.

        • Ma da dove ti vengono queste notizie? Cosa vuol dire legge 10 e dice 5? Quando batto un gioco sul computer mi viene fuori una cifra e quella è, è tutto automatizzato. Ma chi te le racconta queste cose, la fata madrina?

          • Sei forte! Comunque no, me lo ha spiegato il titolare del negozio di Milano, ma forse tu ne sai più di lui…
            Quello che intendevo dire è che, pur disponendo dello stesso software per la gestione dei prezzi degli usati e pur facendo riferimento alla stessa banca dati, i soldi che ti da gamestop in cambio di un usato sono meno rispetto a quelli che ti da GameUp.
            Tu gli porti GOW3 usato, entrambi i negozi con il loro gestionale vedono che la valutazione per quel gioco è 15 euri (cifra a caso) ma gamestop a te dice che la valutazione è 7 euri.
            Chiaramente io non posso sapere se è realmente così, riporto solo quello che mi è stato detto…….mi permetto solo di dire che SECONDO ME, in effetti si, è proprio così e le valutazione dei gs sono indecenti soprattutto se, passando lì il giorno dopo rivedi il gioco che gli hai portato a 3 euri riprezzato a 20.

          • Io non mi permetto di dire niente delle valutazioni di GamesUp perché non le conosco, ma d’altra parte non accetto che una persona esterna a GameStop venga a dire che entrambi i negozi accedono alla stessa banca dati solo che uno valuta X e l’altro X/2. Sono due realtà molto diverse: una è un negozio in franchising che non ha nulla da spartire con una grande catena come GameStop. GameStop ha un patrimonio in videogiochi molto maggiore di quello di un singolo negozio di GamesUp, quindi c’è anche in ballo un rischio di impresa che è molto maggiore. Le valutazioni non si basano quindi solo su quanto è recente il videogioco, ma anche quante copie di quel gioco vengono ritirate, vendute e quante ce ne sono nei magazzini. È chiaro che se ogni 10 copie di Assasin’s Creed 2 ritirate ne rivendo come usata 1 non posso pensare di fare una valutazione troppo alta perché altrimenti vado in perdita. Senza contare che le valutazioni si sono abbassate da Gennaio per tamponare l’aumento dell’IVA e mantenere il prezzo dei giochi invariato, quindi quello che non vi viene dato in valutazione lo risparmiate sul costo del gioco.

            A me dispiace di vedere scritto ogni 3×2 “GameStop ladra” innanzitutto perché ladro è uno che in modo disonesto vi sottrae dei soldi, mentre mi pare di capire che se io entro in un negozio e mi dicono “questo te lo valutiamo X, quello costa Y nuovo e Z usato” possiamo non essere d’accordo con le valutazioni o i costi ma fintanto che non diciamo “va bene, lo compro” nessuno vi ruba i soldi dalle tasche. Secondariamente perché continuate a pensare che non si tratta di un bancone della Caritas a cui vi recate e vi regalano un gioco perché ne avete bisogno, ma di un’azienda e come tale deve fare fatturato, quindi va bene che il cliente deve sopravvivere, ma io imprenditore devo comunque avere un guadagno. Perché i siti come Amazon, Zavvi e compagnia bella sopravvivono pur avendo prodotti a prezzi più bassi? Perché hanno i magazzini in quei Paradisi fiscali privi di tasse e solo per questo riescono ad essere competitivi. GameStop invece opera sul territorio, ha quasi 3000 negozi in tutto il mondo (che sono un costo maggiore rispetto ad avere unicamente un negozio online), è soggetta a tasse, deve appoggiarsi ad altre aziende per la distribuzione dei prodotti ai vari negozi e visto che la sua unica fonte di sostentamento è la vendita dei videogiochi tutti questi costi ovviamente si ripercuotono sul prezzo dei giochi. Soprattutto quelli usati visto che dalla vendita di un gioco nuovo da 70 euro l’azienda intasca sì e no 3-4 euro e tutto il resto se lo intasca lo stato e il produttore del gioco. Ora, io non sono un esperto di economia, però un po’ di economia aziendale l’ho studiata nel mio corso universitario e non immaginate quale quantità di fattori debbano essere presi in considerazione quando si gestisce un’azienda così grande e non un negozio in franchising. Anche solo l’IVA è molto influente in tutto ciò e se avessimo gli scontrini come in America, ovvero dove la tassazione viene fatta alla cassa, vi rendereste conto di quanto l’IVA influisce sul costo totale del prodotto, visto che è una delle più alte d’Europa.

            Il fatto che ci siano concorrenti a me va benissimo, però vivo a Milano ed ho visto chiudere tanti di quei negozi di videogiochi perché in un momento di crisi come quello in cui ci troviamo avere delle valutazioni troppo alte può non farti fatturare niente. C’è un negozio di videogiochi indipendente che conosco (e di cui non farò il nome) che vive di vendita di console modificate o flash card per DS. Non fatturate, ovviamente, visto che la vendita di tali console è illegale. E quando hanno dell’invenduto che per loro costituisce ovviamente una perdita cosa fanno? Vengono da GameStop, si fanno valutare i giochi per poi compare le console che venderanno con la modifica a prezzo maggiorato. Io non dico che fanno bene (anzi) però se non facessero così dovrebbero chiudere baracca e burattini. Per questo non ho fiducia più di tanto in questi negozi in franchising perché sì, vengono su come funghi, fanno delle promozioni vantaggiose, poi quando il singolo negozio si rende conto di non riuscire a stare dietro a tutti i costi vende o chiude e chi si è visto si è visto.

            Io non voglio difendere GameStop a spada tratta, né voglio impedirvi di acquistare su Internet o da GamesUp se trovate l’offerta (anche io lo farei, del resto sono sempre soldi risparmiati), però mi da molto fastidio vedere un’azienda in cui ho lavorato e che per questo motivo conosco essere definita ladra solo perché ha dei prezzi che servono a coprire tutti i costi e prevenire il rischio di fallimento. Chiamatela dispendiosa, ma ladra non lo accetto.

          • Vorrei dire solo qualche cosa, al di la del discorso economico sul quale non mi esprimo perchè si può parlare così ma senza dati di tutte e due le compagnie alla mano non si sa mai dove sta la verità. Ma alcuni concetti che hai espresso li trovo personalmente errati.
            1: “Secondariamente perché continuate a pensare che non si tratta di un bancone della Caritas a cui vi recate e vi regalano un gioco perché ne avete bisogno, ma di un’azienda e come tale deve fare fatturato” Verissimo per carità, non penso che nessuno qui si aspetta di andare al gamestop e ricevere un gioco a 5 euro, ma un conto è dire che l’azienda ha fini di lucro, come tutte le aziende, un conto è vedere come raggiunge questi fini. Se un negozio di videogiochi mi valuta bene l’usato, non dico che me lo compra nuovo però mi tira fuori un prezzo onesto e poi lo rivende a più del prezzo che lo ha pagato, a me sta bene. Se un negozio mi paga una miseria il mio usato, e poi lo rivende al 300% di quello che mi ha pagato, allora scusami ma sei un ladro.
            2: “A me dispiace di vedere scritto ogni 3×2 “GameStop ladra” innanzitutto perché ladro è uno che in modo disonesto vi sottrae dei soldi, mentre mi pare di capire che se io entro in un negozio e mi dicono “questo te lo valutiamo X, quello costa Y nuovo e Z usato” possiamo non essere d’accordo con le valutazioni o i costi ma fintanto che non diciamo “va bene, lo compro” nessuno vi ruba i soldi dalle tasche” Qua davvero; il termine “ladro” non è che è usato a sproposito, ovviamente non si intende che gamestop ci viene davanti con una pistola e ci rapina. Ma nel linguaggio è uso comune dire che quel negozio è un ladro quando fa prezzi palesemente esagerati. “Questi prezzi sono da rapina” è un modo di dire. Poi uno può dire, nessuno ti obbliga ad andare da gamestop, ma questo detiene comunque la gran parte del mercato italiano di videogiochi, e quindi fa il cazzo che gli pare coi prezzi forte che tanto è quasi incontrastato, quasi per fortuna.
            3: “GameStop invece opera sul territorio, ha quasi 3000 negozi in tutto il mondo” Ah bene spendiamo due parole su questo, perchè i negozi emergenti come questo vengono spesso citati per la disponibilità, l’accoglienza o la conoscenza nell’ambito videoludico mentre quasi mai (raramente si, ma quasi mai) ho visto elogiato gamestop per il trattamento ai clienti, mentre moooolte più volte si sentono esempi di incompetenza o mal’accoglienza.(non voglio dire ne che tu rientri in questa categoria ne che sia la norma per game stop, ma in 3 punti vendita cui sono stato la situazione era questa.) Essendo questa azienda mondiale gamestop, dove ho riscontrato io, ma a vedere i commenti di molti utenti sembra una cosa comune, ti trattano come suola da scarpe, sei un portafoglio che entra dalla porta a cui togliere soldi, e che poi riesce. Ora non voglio demonizzare questa catena, ne dire che mi devono salutare per nome e togliersi il cappello quando entro, come hai detto è un azienda, deve avere un fatturato fare dei soldi ecc. Ma imho appunto perchè sono questo immenso colosso non gliene frega un cazzo di trattare con un minimo di riguardo il cliente, mentre questi negozietti piccoli sanno che ogni persona è importante e vedono di darsi da fare e metterci un minimo di passione.
            4: “Senza contare che le valutazioni si sono abbassate da Gennaio per tamponare l’aumento dell’IVA e mantenere il prezzo dei giochi invariato, quindi quello che non vi viene dato in valutazione lo risparmiate sul costo del gioco.” Scusa e se io vado da gamestop solo per dare dentro usato me la prendo in culo O_o? E poi gs ha sempre valutato una miseria a memoria d’uomo, non mi pare che sia una cosa di adesso “per mantenere il prezzo dei giochi nuovi invariati”
            Per chiudere, non voglio dire che gamestop andrebbe distrutto, ne che in tutti i punti vendita i commessi siano indisposti o ignoranti, è una delle più grandi, se non la più grande, azienda di distribuzione videoludica al mondo, e capisco benissimo che avendoci lavorato la difendi, ma sinceramente ho smesso di comprare quasi del tutto nei negozi fisici proprio per come questa catena ti tratta e ti considera e ora vado quasi sempre online o in questi piccoli negozi o piccole catene.
            Scusate se sono stato prolisso il tutto è ovviamente imho.

          • @Whitemonkey: x fortuna che hai spalmato ‘ste stronzate in più commenti, racchiuse in un post solo avrebbero fatto impallare tutto l’Angolo!

            “Il prezzo assegnato ai giochi usati è standard”. Ma assegnato da chi? Cioè, non è che esiste un’organizzazione sovranazionale che fa le valutazioni, ogni catena fa le sue. Se il commesso GS ti dice che il gioco vale 10 è perché a schermo gli compare 10, perché quella è la valutazione di GS. Che altre catene abbiano valutazioni diverse è più che normale.

            “Se porti l’usato te lo valuta meno del dovuto (per policy aziendale)”. Eh? Ma dovuto da chi? Nessuna catena “deve” un bel niente, ti viene detta la valutazione, se l’accetti bene sennò amici come prima. Ribadisco, ‘sta cosa della “banca dati comune” è semplicemente assurda.

            Quindi, qui le cose sono due: o questo commesso nutre un particolare rancore verso GS e ti ha detto un sacco di minchiate… oppure sei tu che non hai capito un cazzo di quello che ti ha detto!

          • @D.Drake
            Non voglio discutere troppo i punti legati al fattore economico perché effettivamente parlo senza dati alla mano, ma lavorare in quest’azienda mi ha dato possibilità di capire come funziona per un gruppo che opera in tutto il mondo il mondo degli affari e le politiche aziendali. Io non sono d’accordo su nulla di quello che viene detto, ma sarà che ho un punto di vista diverso.

            Quello che invece contesto sono le critiche mosse nei confronti con chi ci lavora ed il rapporto con i clienti. Non è vero che per l’azienda in sé il singolo non conta. Posso dirti che i commessi in sé non possono fare nulla che non sia previsto dalla politica aziendale, ma contattando il servizio clienti cercano sempre di trovare il modo di sistemare la cosa per tenersi buono il cliente. Certo, le richieste più assurde (tipo cambi senza scontrino) ovviamente non te le fanno neanche a morire (e che cos’è, abbiamo scritto “sali e tabacchi” in fronte).

            Per quello che riguarda il personale, veramente io vorrei che mi diceste dove abitate ed in quali GameStop siete andati per trovarvi così male. Io ho 3-4 negozi di riferimento, non mi sono mai trovato male, con certe persone ho stretto anche delle amicizie ed è proprio perché mi sono trovato bene con il personale che ho deciso di lavorare per quell’azienda. Non so che dire, non credo che nel resto d’Italia siano tutti dei cani come sostenete, io ho sempre trovato gente che lavorava con passione e sapeva cosa stava vendendo. Poi bisogna anche capire che ruolo hanno in negozio perché quelli assunti temporaneamente come certi natalini non si preoccupano troppo, tanto poi dopo due mesi è già scaduto il contratto. Comunque boh, presentatemeli, sono curioso.

          • Non so proprio come fate a difendere il gamestop quando è odiato da tutto il mondo.

          • Invece io non so perché non riesci ad esimerti da certi commenti.

          • ahahah non hai niente di meglio da dire ex-ladro. Pensa a farti un esame di coscienza per ogni volta che hai chiesto a qualche ragazzino o genitore di fare la garanzia o qualche altra puttanata approfittando della sua ignoranza. Vergogna!

          • Il “prezzo standard assegnato ai giochi usati” è una cosa assurda, quanto i prezzi a cui vengono rivenduti.

            Son curioso anch’io di sapere chi stabilisce questo “prezzo standard”.

          • @ D.Drake
            Ah, un’altra cosa. I prezzi del gioco NUOVO, specie se recente, sono generalmente concordati con il distributore. Non scendo nei dettagli della questione perché è tardi e non ho voglia di scrivere, ma sappi solo che se il gioco nuovo X costa Y allora non è che GameStop vuole ingrassarsi e basta perché, come dicevo, del nuovo alla fine il guadagno è una minima parte rispetto alla vendita dell’usato. Per quanto riguarda il prezzo dell’usato è un’altra storia, è chiaro però che molto spesso c’è un rapporto stretto fra prezzo del nuovo e prezzo dell’usato.

            @ hollow_undead
            Ammutolisciti che fai più bella figura.

          • @diaboliko90
            Su questa parte annuisco, perchè io non ne so niente quindi se mi dici che è cosi tu che ci hai lavorato ci credo. Però un gioco dopo uscito chi lo decide quanto rapidamente scade il prezzo, sia di vendita sia di riacquisto, questo credo sia gs a farlo e molte volte vedo giochi “nuovi” non deprezzarsi per niente e invece il riacquisto di questi giochi deprezzarsi molto più rapidamente. E questo non è giustificabile perchè se è un titolo ottimo ci sta che si deprezza lentamente ma allora anche io che lo rido dovrei vedermelo valutato bene, mentre se fa schifo ci sta che mi viene valutato poco ma dovrebbe anche deprezzarsi. Un mio amico ridiede indietro la copia di nfs the run dopo un po dall’acquisto quando il gioco ancora costava quasi 70 euro, e gli venne valutato 16.90 e rivenduto verso i 60.
            Sulla parte del rapporto tra usato e nuovo, si posso anche capirlo.

          • Personalmente mi sono sempre trovato bene al GS. A Piacenza ce ne sono due, sono andato anche l’altro giorno a prendere il regalo per un mio amico. Ho sempre trovato commessi e commesse gentili e disponibili, e soprattutto con pazienza, in particolare quando avevo chiesto un gioco che il sito dava ma che loro non sapevano di avere, ed alla fine dopo averlo cervato l’hanno trovato.
            Io ho comprato da GS, OpenGames, MW, BB, Feltrinelli, zavvi, play.com, shopto, amazon e chi più ne ha più ne metta. Seguo sempre l’offerta, e non è detto che i negozi online abbiano offerte migliori di quelli fisici. Mi ricordo RDR preso a 40€ nuovo al D1 alla feltrinelli, o la limited usata di res 4 per PS2 a 19 euro al GS. Io non ho nulla contro nessuna catena, semplicemente compro dove al momento mi conviene di più.
            Non capisco tutto questo astio verso GS, anzi, mi sembra infantile, se ti lamenti di aver dato dentro un gioco a poco non sono loro ladri ma tu ignorante, non vedo che altro ci sia da dire. come si può prima dare dentro un gioco e poi lamentarsi? A me fa solo ridere questa cosa

  24. Azz, io abito a Treviso, neanche 2 ore di macchina…
    Spero che mettano pure qua un negozio, abbiamo già due Gamestop, ma sinceramente coi prezzi che hanno col cavolo che compro :|

  25. Ragazzi, non vergognatevi e ditecelo che avete letto l’articolo sull’Angolo, non fatevelo chiedere!
    Andatene fieri di essere discepoli di Farenz! ;)

    • Uhm…
      ditecelo…
      ditecelo!
      DITECELO
      DITECELO!!!!
      MA CHE CAZZO???
      Di certo non vado fiero di condividere la mia “lingua” (non pensate male…) con una persona che la stupra con un PS3 Fat…
      Oh God… Why?

      • Succedere quando si scrivono post di fretta. Vedo che gli errori non sfuggono mai agli occhi vigili del web.

      • io non ho capito che problema hai con la parole “ditecelo”… a guardare in giro non sembra essere scorretta…

        • Ditelo, questo sconosciuto…

          • ditecelo e ditelo sono 2 parole che hanno significati diversi…
            dite-ce-lo: dite, imperativo plurale; ci, particella postfissa che significa “a noi”;lo, particella postfissa che significa quello, ciò… quindi dtecelo significa dite a noi ciò
            dite-lo: come sopra ma senza particella ce, quindi ditelo significa dite ciò, non riferito ad una persona precisa…
            due significati diversi, da usare in contesti diversi, continuo a non capire il problema…

          • allora bastava dire ditelo a noi…
            ditecelo è semplicemente l’ unione di, come hai detto tu, ditelo e ci, ma, in teoria, non sarebbe grammaticalmente corretto, in teoria chiaramente…

          • io ho sempre sentito dire sia ditecelo sia ditemelo, ma non credevo fosse una costruzione errata, anche perchè nonn trovo informazioni sulla sua eventuale erroneità… oppure si poteva dire “diteci che avete letto etc etc”, anche se ditecelo mi sembra dia una maggiore enfasi…

          • “Ditecelo” è assolutamente corretto…Non vedo proprio perchè “in teoria” dovrebbe essere sbagliato. Come esiste “Ditemelo”, “Diteglielo” ecc… Non c’è niente di peggio di chi si erge a Dante senza motivo e dicendo castronerie per giunta…

          • Ad essere sincero, io non ho mai sentito dire ditecelo, forse per questo che l’ho considerato errato e mi sono arrabbiato.
            E mi scuso per questa rabbia, ma ero su di giri dopo che un bimbominkia di 10 anni ha bestemmiato giocando online su pc…
            tutto ciò mi ha fatto incazzare, ho chiuso il gioco, sono venuto sull’ angolo per rilassarmi un po’, trovo un errore (per me) grammaticale (in teoria), ripenso a prima e mi incazzo ancora di più e rispondo in malo modo, ora mi sono ripreso e ho notato che tutto sommato ditecelo non è poi così errato, era solamente estraneo al mio vocabolario ;D

            Mi scuso per prima
            MasterH4ck

          • Un biglietto omaggio per il signor Ajeje.

          • ???
            Esprimiti Giubba, che volevi dire?

          • Niente! Era una citazione a “Tre uomini e una gamba”, nonché un quote ad Ajeje per l’intervento. Nulla di subdolo XD

  26. Grande Gatto, ci sono passato oggi, gran bel negozio, commessi disponibili e simpatici!!
    Ovviamente sabato ci sarò, oltre al fatto che mi prenderò UT3 per PC sempre lì :D

  27. Strano che nessuno abbia commentato una cosa del tipo
    “io vorrei un negozio in cui i giochi me li facciano provare 2 tipe come nell’immagine”
    questo negozio deve avervi attizzato un bel po… :D

  28. mi sa che ti invidio un po’.

  29. Per rispondere a Diaboliko90: non esageriamo adesso, è chiaro che in questo contesto, parlando di ladri non mi riferisco certo a delinquenti che ti rapinano, è una inutile puntualizzazione.
    I fatti sono che gamestop nelle zone in cui ho potuto controllare ha sempre prezzi di almeno 10 euro superiori ai competitor, anche all’interno dello stesso centro commerciale.
    Le valutazioni che fanno sono ridicole se paragonate al ricarico che ci mettono sopra appena riespongono il gioco sullo scaffale.
    Come consumatore io guardo quanto mi viene fatto pagare un bene, se posso risparmiare lo faccio volentieri quindi la notizia che gamestop, poverina, applichi quei prezzi per potersi permettere l’apertura di otto miliardi di negozi nel mondo mi lascia piuttosto indifferente, preferisco aspettare magari un po’ e comprare da amazon dove almeno si vede un calo di prezzo in tempi ragionevoli.
    Ah, questi sono i paradisi fiscali in cui sono siti i magazzini di amazon: http://en.wikipedia.org/wiki/Amazon.com#Fulfillment_and_warehousing
    Comunque niente da dire, se trovassi offerte buone da gamestop comprerei lì, la mia non è una questione di principio, mi limito a contare i soldi che escono dal mio portafogli….poi se il personale con cui ho avuto a che fare fosse stato meno strafottente magari i miei soldi li avrebbero anche visti in qualche occasione.
    Se a parità di prezzo dovessi scegliere, sceglierei il negoziante che mi ispira più fiducia, non certo quello che mi svaluta gli usati per rientrare sull’iva (che comunque è inclusa anche nel prezzo di tutti gli altri, mica solo gamestop).

Lascia un commento