Non siamo ancora pronti…

stupid-people

… per tutta questa liberta’.

La next generation videoludica e’ partita da poco, PS4 per il momento sono negli USA e la One worldwide, e con essa sono partiti i primi servizi di cui le due compagnie vanno tanto fieri, i servizi di sharing.

Servizi interessanti per il sottoscritto, per vari motivi, il primo e’ che non sono invasivi, se vuoi condividere lo fai se no stacchi tutto, da una parte abbiamo PS4 con il suo tastino sharing posizionato direttamente sul pad, dall’altra un kinect che fa partire il tutto ad ogni tuo comando, la differenza sostanziale per il momento potrebbe essere il fatto che sulla console Sony e’ gia attivo Twitch con il suo streaming in tempo reale, servizio che arrivera’ col tempo anche su One che per il momento e’ “limitata” da un sistema di upload clip di una qualita’ video discutibile ma con una discreta personalizzazione.

Come dicevo la cosa importante e’ che il tutto non sia obbligatorio percio’ stara’ a noi decidere se usare queste features che per il momento, almeno personalmente, non sto disdegnando.

Ma la domanda a questo punto e’ “siamo pronti per questo genere di servizi”?

La risposta e’ nel titolo… No.

Non siamo pronti perche’ la gente non e’ in grado di usare un semplice servizio innocente senza cercare di diventare una “star da dieci minuti” sfruttandolo nel modo piu’ sbagliato possibile creando spesso conseguenze negative anche per gli utenti “corretti”.

Come non ricordarsi quello successo col 3dS?
La portatile Nintendo aveva un servizio di messaggistica particolare e poco sorvegliato che in Giappone e’ stato usato per abbordare minorenni  finche’ Nintendo stessa ha deciso di bloccarlo definitivamente, cosi che, per colpa di vecchi pervertiti e di una linea esageratamente dura della compagnia, nessuno al mondo puo’ piu’ usufruire di questa funzione.

Ora la storia si ripete, partiamo con ordine.

Dopo poche ore dal dayone della console Microsoft sono partiti i primo ban giornalieri per alcuni utenti, l’accusa? L’aver divulgato sia all’interno della rete della console che nei comuni network clip di gioco tappezzate da bestemmie di ogni genere sfruttando l’accoppiata Upload studio – Skype.
Questi utenti hanno riportato di aver avuto un ban giornaliero dal gold e da Skype per blasfemia.

In questi giorni ho letto vari commenti di utenti indispettiti dalla scelta della compagnia con due motivazioni su tutte… “siamo sempre sotto controllo, questa cosa e’ una merda” e “come? se a me scappa una bestemmia mentre gioco vengo bannato? siamo matti?”

Io vorrei rispondere a questa gente partendo dalla seconda motivazione per poi arrivare progressivamente alla prima.
Non avete capito una cosa, questi utenti non bestemmiavano a caldo durante la partita, questi hanno registrato le partite e, con calma e a freddo, hanno ricoperto il tutto di bestemmioni perche’ cosi fa figo.
Io sono il primo che durante le partite, spesso online, perdo il controllo e la parolina puo’ scappare, percio’ di sicuro non posso criticare nessuno a cui succede lo stesso, pero’ non mi mettero’ mai a “montare” video del genere, in primis perche’ e’ da bimbo minchia laureato in michiaggine, secondo perche’ ho quella cosa chiamata rispetto… il mio video puo’ essere visualizzato da tutti, bambini inclusi, non voglio essere un bacchettone ma per me rispettare le scelte e le ideologie altrui e’ importante, se ad uno da fastidio sentire certe parole non vedo perche’ debba sentirle a suo malgrado.
Ecco perche’ sono favorevole a questi controlli da parte delle compagnie, perche’ senza questi controlli la gente non ce la puo’ fare.

Quest’ultima frase e’ ancora piu’ azzeccata per quello successo un paio di giorni fa con PS4 e Twitch.

Un uomo Americano dall’eta’ non identificata ha deciso di fare uno streaming in diretta molto particolare, attivato Playroom su PS4 e utilizzando la possibilita’ di stream Twitch ha deciso di inscenare uno spogliarello con la moglie ubriaca in coma sul divano, iniziando mostrandone le mutandine, scoprendogli poi i seni per poi giungere col lasciarla totalmente nuda davanti a giovani spettatori provvisti di fazzolettini a volonta’.

Anche in questo caso il ban e’ stato immediato e Twitch si e’ visto costretto a rilasciare una politica sui video un po’ piu’ ristrettiva… fino a prima se il video era “innocente” nessuno ti cagava, ora se il video NON PARLERA’ DI VIDEOGIOCHI si rischia il ban e il tutto verra’ cancellato… sia ben inteso, il video non deve per forza essere di gameplay, bastera’ che il tema sia videoludico, percio’ le chiacchierate tra amici su un divano in stile live dell’angolo sono ammesse.

Il punto focale e’ che le compagnie in questione dopo una manciata di giorni dal rilascio han dovuto riprogrammare i loro piani perche’ la gente non riesce proprio ad usare i mezzi dati loro a disposizione in modo consono e per quello per cui son stati concepiti.

Ora la palla passa a voi e vi pongo una domanda diretta, una domanda a cui spero rispondiate con sincerita’…

Supponendo che siam tutti d’accordo che l’essere monitorati e valutati continuamente e’ fastidioso, secondo voi, siamo pronti ad autogestirci autonomamente? Dopo un primo periodo di goliardia bimbominkiosa i servizi si sistemerebbero da soli oppure una volta aperta una fessura, senza nessuno che la ricucia, si vada pian piano a creare una voragine incolmabile?

firma lodoss

Prova a cercare ancora!

xbox-game-pass-x019

Il Game Pass è il cancro dei videogiochi?

Beh? Mi sembra di aver scritto l’altro ieri l’ultimo articolo ed invece… Mi è nata ...

49 Più commentati

  1. “malgrado”? Non credo che il video di parta in automatico, quindi quando pigi il tasto play lo fai a tuo rischio e pericolo. Secondo me sono loro che devono saper trattare con questo tipo di persone, perché il mondo è percentualmente più ricco di “stupidi”. Anche su You Tube puoi caricare un porno, ovvio che poi ti cattano subito, non è che ti levano la possibilità di farlo. Sarà sbatta per loro, ma se dai una libertà e poi la togli sei coglione, piuttosto non darla a priori (cosa che comunque non è preferibile). E come hai detto tu ci vanno di mezzo tutti.

    Quello che voglio dire in sintesi è che loro stessi dovevano aspettarsi un tale comportamento e quindi pensare di conseguenza, prepararsi al peggio e tenere il dito sul tasto “delete”.

    • alla fine e’ quel che han fatto, il video PS4 e’ stato cancellato subito e la diretta tolta, i bestemmiatori bannati e cosi via… cmq sui video della One basta che ci passi sopra col cursore e parte in automatico

    • Innanzitutto sono lieto finalmente di far parte di questa comunità e poter scambiare opinioni sul nostro amato mondo dei videogiochi.
      Parto con il dire che grazie all’articolo di lodoss ho reperito informazioni che mi erano sconosciute,sicuramente occorre dire che internet è un “mondo nel mondo” e come tale include sia gente che ne usufruisce in maniera positiva sia gente che per idiozia celebrale lo uso nel peggior modo che possa esistere.
      Personalmente mi permetto di dissentire parzialmente quello detto da lodoss in quanto io la vedo una possibilità interessante in quanto ci permetterebbe di essere ancor di piu’ “coinvolti” con il resto dei videogiocatori e confrontare le nostre esperienze “ingame” è sicuramete un allettante novità.
      Per la mia esperienza personale che tuttavia non conosce tutte le scabrosità dette nell’articolo principale,uso molto il WII U per condividere sia i miei screenshot in tempo reale sia per pubblicare i miei disegni, molto spesso ridicoli ma mai certo perversi,in quanto mi sentirei una cacca umana a condividere disegni erotici o perversi in uno spazio dedicato anche ai giovanissimi!
      Detto questo ho riscontrato comunque un grande controllo da Nintendo e credo cge la grande N sia stata bravissima a implementare questo servizio social su WII U,magari reduce dai “casini” passati e a mio modestissimo parere credo che sia la maestra nel dare servizi “social” al giocatore.
      Tuttavia devo aggiungere che ogni novità va accolta a braccia aperte perchè, soprattutto nel mondo videoludico tutto è in frenetica evoluzione,questo ovviamente rimanda al fatto che le grandi case di intrattenimento videoludico debbano necessariamente monitorare tutto quello che accade per scongiurare il rischio ben evidenziato da lodoss di incappare in un “BORDELLO VIDEOLUDICO”

  2. il bello è che le console sono uscite da pochissimo.
    se non facessero controlli probabilmente fra qualche mese non ci sarebbe più quasi nessuno che sfrutta in questa maniera il servizio, passato il primo momento di sfogo…
    però una compagnia non può certo stare a guardare… i controlli sono normali, ci sono su facebook, ci sono stati su instagram (ai tempi degli hashtag “instaporn”) e ci sono su youtube. Controllare quello che uno pubblica è d’obbligo, perchè se lo pubblichi non rimane in casa tua, ma nei loro server, quindi in “casa loro” e lì devi seguire le loro regole, non ci vedo niente di male.
    Diversamente sarebbe se controllassero quello che tu hai dentro la tua console, nel tuo hd, allora il discorso sarebbe diverso…

  3. d’accordo pienamente con lodoss anche perchè se compri una console per giocare devi faare video che giochi o comunque inerenti alla materia….. non so se possono farlo ma io gli avrei cancellato l’abbonamento al plus o al gold così la prossima volta prima i mettere un video non inerente ai videogiochi ci pensano se ogni volta devono pagare 50€ o 60€ per una cavolata

  4. LA DOMANDA SORGE SPONTANEA:
    se una gentile signorina mostra le tette su ps4/xboxone in cambio di ricariche dell’account ms/sony e mentre lo fa parla del gioco che vuole acquistare, il contenuto è bannabile????

  5. Nel mondo è pieno di ritardati e falliti di tutti i tipi, essendo questa una novità su console è normale che qualche minorato e bimbo minchia disagiato faccia cazzate.

    Col tempo questo problema credo andrà via via ad essere sempre meno frequente perchè sarà un po’ calato l’interesse della “novità”.
    Comunque il pugno di ferro con controlli e ban deve sempre esserci, perchè l’utenza media oggi come oggi è ancora troppo immatura.

  6. bhà… non vedo perchè fare di “tutte l’erbai cosa un fascio”
    Bisogna punire chi non rispetta le regole, e non castrare il servizio!

  7. Mi vien in mente solo una parola, idioti, non c’é altro modo di definire gente cosí, perché se non si riesce ad avere un po’ di etica e di autocontrollo (oserei anche di educazione) come si può pretendere di non essere controllati? Ed ecco che secondo me rovinano un servizio per fare in modo di tenere a bada quella mandria di idioti nel mondo.
    Grazie a degli imbecilli ora un servizio che poteva offrire tanto di più sarà castrato, non che ci sia nulla di grave alla fine si parlerà di giochi ma avere un dispositivo che poteva avere più valenze di intrattenimento non era male, anzi.
    Bene detto questo mi congedo

  8. Direi che hanno fatto entrambe bene perché proprio come hai detto tu Lodoss se lasci correre una volta si crea un precedente e quindi il primo idiota di turno si sentirebbe leggittimato a fare video offensivi o spinti perché nella sua mente bacata gira l’idea :” A ma se l’ha fatto lui e non è successo niente posso farlo anchio così me la rido”. Quindi credo proprio che la tua citata autogestione resterà un’ utopia, perché si sa la mamma degli idioti è sempre incinta. ..

  9. Sanzioni pesanti, ban di minimo una settimana, se lo rifai 14 giorni filati, la terza? Fermo 30 giorni, poi vedi come gli passa la voglia di bestemmiare. Con la collaborazione di tutti basta qualche segnalazione per far risaltare il video agli occhi dei moderatori come succede su Youtube, Facebook etc.

  10. Risposta: No.

    A parte gli scherzi ci sono motivi profondi che portano ogni essere umano a non sapersi autogestire se non avesse un controllo. Un esempio che mi è stato fatto su quanto può influire anche solo la sensazione dell'”essere osservati” riguardava il semplice gesto di buttare una carta per terra mentre passeggiamo per strada (parlando di persone dalle dimensioni encefaliche nella norma); lo stesso gesto viene scoraggiato proprio a fronte del sentirci osservati (se siamo in mezzo ad altra gente).

    Trovo che un ambiente come internet crea la brutta illusione di poter dire e fare ciò che si vuole e se si aggiunge un’incomprensione di quello che vuol dire “limitare la propria libertà” già nei confronti della vita quotidiana, la situazione di persone che abuserebbero di queste “libertà” non può far altro che aumentare.

    Riservandomi sempre di tenere gli occhi ben aperti sulle modalità e l’intensità del controllo da parte della compagnia, trovo non solo giusto, ma piuttosto lodevole che determinate situazioni siano state affrontate e arginate in tempi rapidi. Credo che la possibilità di sbattersene totalmente , sia MS che Sony, l’avrebbero potuta trovare, al contrario sono state attente a come veniva gestito il servizio.

  11. E se quei due si siano ubriacati appositamente per fare lo stip via ps4?

    Comunque, gli stronzi esistono e non ci sarà mai un periodo giusto per immettere certe funzioni. Parliamoci seriamente, tutto ciò di cui si è parlato è sempre successo da quando c’è internet…adesso si sono semplicemente incrementate le piattaforme su cui fare le malefatte e fatta la legge, creato l’inganno.

    Io, personalmente, sono sempre stata contro ste componentistiche fin da quando ne ho sentito parlare ed è stato uno dei motivi per cui ho storto il naso alle prime avvisaglie di next social gen.

    Mi eclisso.

  12. C’è chi millanta libertà di espressione, io rispondo che la libertà personale non viene toccata.
    Bisogna capire che “a casa di qualcun altro”, che può essere casa-Twitch o casa-Youtube si seguono le regole di chi ospita.
    La libertà di fare ciò che si vuole in casa d’altri va meritata non è automatica.

  13. Io invece penso di sì. Per me la razza umana è pronta a questa generazione e ai servizi che offre, anzi è già pronta da anni, almeno da quando gli smartphone sono diventati accessibili a tutti.

    I problemi seri sono 2: certi soggetti (pochi se contiamo il numero di console social vendute) non riescono a percepire la gravità di determinate azioni o, percependola, agiscono semplicemente da idioti. Ma questo è un problema della società in cui viviamo che può essere esteso a praticamente tutte le realtà.
    Il secondo è che M$, Sony non hanno inserito una guardia preventiva utile a limitare e sedare fin da subito attività estreme e nocive per la comunità.

    Insomma, come sempre prevenire è meglio di curare e il tempo e soldi per finanziare un sistema di tutela preventiva non mancavano di certo.

    Discorso a parte per quanto riguarda Nintendo: secondo me hanno usato la scusa dei messaggi su Postbox per spegnere un servizio che a metà dicembre sarebbe diventato obsoleto con l’ingresso di Miiverse anche nella piattaforma portatile. Hanno colto due piccioni con una fava: chiudere un servizio che costa e guidare l’intero popolo 3ds al nuovo e unico servizio di messaggistica targato N.

  14. Non credo ci sia molto da stupirsi, sapevano già dall’inizio che stavano sdoganando questo genere di comportamenti, solo come sempre non erano preparati a dovere, come lo sapeva youtube che però investe in filtri e tecnologie per rimuovere ad esempio video porno per quantomeno essere all’altezza, tuttavia in qualche modo si ricade ancora nel caso 3ds in cui apparentemente ci si stupisce per qualcosa di talmente ovvio da chiederci cos’avessero avuto in mente in fase di progettazione.
    Certo, sono servizi “nuovi” in ambito videoludico, peccato che ci siano degli standard già presenti (non essendo servizi nuovi per internet) e come sempre occorre constatare che si rivoglia inventare da zero la ruota, piuttosto che fornire qualcosa di contemporaneo.

    Rischiare il ban o la cancellazione in caso un video non parli di videogiochi è in ogni caso una pagliacciata veramente deleteria, visto che potrei tranquillamente voler sfruttare ciò che ho comprato per fare videoblog su altri argomenti e con soluzioni drastiche è raro ottenere buoni risultati (o mantenere clientela).

  15. il controllo ci deve essere, certo se uno è intelligente non mette in rete certe cose; però tempo fà sono stato bannato da vimeo per incitamento alla violenza con un mio video di gameplay di graw 2, da quel giorno vista anche la mia latente adsl 4 mb se va bene ho deciso di non uplodare più nulla.

  16. da buon veneto le bestemmie mi infastidiscono solo se nn sono originali, articolate, o ‘gravi’.
    Come già detto molte volte in questo e altri forum : ‘molta gente (troppa) ha a disposizione tecnologie che non merita’, ma devo pure aggiungere: ‘ma chi vi obbliga a guardare i video de sta gente?????’
    Lodoss dice ‘se ad uno da fastidio sentire certe parole non vedo perche’ debba sentirle a suo malgrado’….infatti…esiste il tasto stop da usare…o meglio ancora il play da NON usare.
    PS: se hai visto il video dello ‘strip’ dovresti come me nutrire seri dubbi sulla involontarietà della miss

  17. I coglioni non mancano mai, ti do perfettamente ragione.
    Piccola nota però: nonostante non me ne freghi più di tanto poiché non faccio e probabilmente non farò parte della next-gen, se fossi un possessore di PS4/One sarei MOLTO più contento se ciò che trovo su Twitch parlasse solo di videogiochi. In fondo per tutte le altre stronzate e stronzatine abbondano i vari social network, ma cazzo, se guardassi qualcosa streammato da una consolle mi aspetterei che riguardasse il gaming. Questo ovviamente non giustifica le oscenità che hanno portato a questa politica, però ripeto, se fossi un next-gen-naro penserei che non tutto il male viene per nuocere….

  18. Mi sa’ che l’ “ancora” nel titolo sia di troppo, visto che certe persone non cesseranno MAI di esistere.

  19. In un mondo ideale i servizi verrebbero usati in modo corretto e non ci sarebbero problemi.
    In un mondo giusto chi sbaglia e fa cazzate viene punito subito per tutelare la restante utenza.
    Siccome non viviamo in un mondo ideale e tantomeno giusto il controllo ci deve essere e pure feroce,
    la punizione deve essere veloce ed implacabile ma fatta con un minimo di cervello.
    Un conto sono comportamenti osceni e non tollerabili (se vi chiedete dove sta il confine tra il tollerabile e non basta chiedersi se fareste assistere alla scena un bambino) un altro piccole infrazioni veniali.
    Personalmente sono per punire l’abuso e l’idiozia.

  20. Io non posso far altro che quotare ogni tua parola. Certo, trovo sbagliato eliminare totalmente un servizio punendo anche chi lo utilizza correttamente, ma tuttavia i controlli e le punizioni mirate a chi sbaglia ci devono essere. E tengo a precisare che “controllo” e “spia” sono due cose diverse

  21. ma io mi chiedo…… vuoi far spogliare tua moglie e scoparla e caricare il video??? fallo cazzo….. ma fallo in siti dedicati che esistono da anni!!!! bah, farlo attraverso una console è proprio triste eh…..

  22. non saremo mai pronti finchè internet ci garantirà l’anonimato.
    perché online mi insultano e ai lan party no?
    perché sui forum fanno i gradassi e alle fiere si spostano appena chiedi permesso?
    se sei ben identificato, dal vivo, l’educazione regna sovrana! (sono brutto, alto 2 metri e peso 120kg).

    se tu comprassi una nuova console da 500 euro ed avessi a disposizione un unico account,
    faresti il cazzone e ti faresti bannare a vita? ci penseresti bene.

    sia ben chiaro che non voglio un regime in cui tutto sia controllo, dico solo che i bimbiminkia in giro su internet e console sono il prezzo da pagare per l’attuale “libertà di comunicazione”

  23. Purtroppo l’educazione per molti e’ solamente una strana parola. Felice dei ban, forse agendo come i genitori non hanno agito ci sarà più “sensibilità” da parte di certe persone. Poi non e’ che sono contro il tirar porchi e madonne, a lavoro tra operai ne tiro di ben incresciosi, ma e’ molto importante rispettare le idee altrui e, ripeto, sembrano tutti discorsi tratti da ere perdute o semplicemente incomprensibili..

    Evviva la responsabilita’!

  24. Semplicemente, hanno fatto bene. Se nel video c’è una sola bestemmia, che può capitare a tutti, non vedo il motivo di bannare se pur comunque sia una cosa offensiva, ma chi farcisce di proposito i video di parolacce e bestemmie non solo è un bel pirla, ma è anche immaturo.

  25. No. Non siamo pronti. E mai lo saremo.

  26. Bhe non so molto delle console next gen perchè non ne possiedo una però per il fatto che siamo diciamo visionati e se qualcosa non va giù è giusto che si banni per mantenere l’ordine ( vedi per esempio con il fatto delle bestemmie) magari dovrebbero bannare in base a quello che uno dice perchè si…è giusto il ban quando si esagera in quanto aiuta a non farti commettere lo stesso errore in un futuro. Per esempio se si accorgono che uno bestemmia per il semplice fatto di farlo perchè fa figo ok ban ma gente che tipo come me che dopo un pò che non riesce a fare una cosa in un videogioco oppure durante una partita online uno perde le staffe qualche parola ogni tanto ci sta anche però magari monitorare il tutto con un avviso di almeno 2-3 volte e al terzo avviso scatta il ban. Per il resto…sono solo persone deficienti che credono di usare i servizi di sharing per il semplice fatto che credono di poter fare tutto quello che vogliono quando invece un servizio del genere sarebbe ottimo per quei videogiocatori che vogliono dedicarsi a completare i propri giochi al 100% e magari ogni tanto con qualche aiutino in + se proprio non ci riescono…peccato non si possa fare perchè c’è gente deficiente come questa ( scusate i termini ma ci volevano)

  27. sinceramente parlando, non nascondo che alle prime volte delle cazzate simili le farei anch’io come queste, però passato il momento”ahahahah che spasso fare i coglioni” lascerei perdere tutto e mi dedicherei ai giochi, riguardo i controlli, quelli è giusto che ci siano,l’importante è che vengano fatti in modo corretto, ovvero faccio un esempio:un tizio fa una cosa simile una volta, 1 giorno di ban della console in tutto per un giorno,ripeto solo a lui, alla seconda volta 3 giorni,sempre solo lui, e se è coglione forte e continua alla 5 volta ban perenne della console e dell’account, così da evitare che lui si compri una console e continui con lo stesso account,il tutto però per la singola persona,come fare questo? semplicemente che sia sony o microsoft,basta che prendano un po di soldi o dal plus o dal live, e pagassero di più i vari servizi affinché controllino in incognito ogni stream in onda,bastano 5 minuti per capire cosa sta succedendo, tanto se io faccio il coglione e loro mi controllano in incognito io cavolo ne so?, aggiungo un’ultima cosa, sicuramente il coglione citato sopra può tranquillamente prendere un’altra console e fare un nuovo account per ste cazzate,ma qui significa proprio che ha problemi mentali, e si la politica ipotetica descritta sopra da me la accetterei se fosse rivolta nei miei confronti.

  28. Secondo la mia opinione va tolta la libertà’ a priori, monitorare tutti i possessori di play4 e xboxone, e’ un costo che le compagnie si possono perfettamente evitare e quando vedranno che il mondo e’ pieno di persone come il marito e la spogliarellista e di bestemmiatori della domenica, in prima battuta renderanno il servizio molto ma molto più’ ristretto in seconda battuta lo chiuderanno. Non capisco nemmeno da dove gli e’ nata l’idea, ma questi tizi sono mai stati in una partita in multiplayer? si sente bestemmiare in almeno 4 lingue diverse contemporaneamente quando la chat e’ attiva. Vogliono una cosa fatta bene? ti danno la possibilità’ di registrare spezzoni di gameplay senza usare hw dedicato ed esportarli in un formato comune alche’ tu ci puoi fare quello che ti pare e inserirlo nel social network che ti pare, in questo modo se ne possono lavare le mani del contenuto finale.

  29. Non avendo le nuove console Next-Gen mi è difficile dare dei parere su questi nuovi servizi ma credo che non arriveremo ai limiti di Chatroulette XD

    Qualcosa mi dice che quando Youtube a aperto i battenti si saranno presentati più “episodi” in cui qualcuno non ha caricato per “sbaglio” qualche video +18, ed adesso come è la situazione (anche se può tutt’oggi succedere) ? *normale*

    Date tempo al tempo, che le persone si “Educhino” al tipo di servizio proposto, in fondo le console sono fuori da veramente troppo poco per emettere già questi giudizi (e preoccuparsi).

  30. Proibire è sbagliato come imsegna la storia entro certi limiti ovviamente, ciononostante premesso che io non bestemmio o cerco di non farlo, ma non perchè io sià cattolico convinto oppure no, ma semplicemente perchè non mi cambia la vita nel farlo, se uno mette apposta i bestemmioni è un pirla, però è pacifico che debba essere libero di farlo, anche perchè potrebbero benissimo mettere una scritta che indica la bestemmia.

    Detto questo sfido chiunque a non dire parolacce mentre gioca, è praticamente impossibile soprattutto a titoli mooolto facili tipo NINJA GAIDEN o DARCK SOULS, dove trattenersi è impossibile

    E potrebbero fare una sezione più adulta con login obbligatorio tipo youtube ma non così esagerato (ogni volta che cerco un gameplay tipo zombie o altro me lo chiede, e si capisco che si debbano tutelare ma se hai la maggiore eta ti rompe, però tra non poter caricare un video di gioco 18+ e poterlo fare credo ne valga la pena)

    Per quanto riguarda il marito con la moglie posso solo dire che era fumato e un tantino esibizionista, ma per fare ciò ci sono altri siti, certo che se una fosse bella e mostrasse spontaneamente la quarta forse farebbe click a nastro.

    Insomma i mezzi ci sono le tecnologie pure, occorre avere il buon senso o l’intelligenza di fare in modo che quasi nessuno venga scottato o offeso magari con le cose che ho proposto sopra, quindi tù sito invece che sparare a zero pensa a tutelare chi vuole bestemmiare e chi no.

Lascia un commento