Rapporto qualità-prezzo

Era già da qualche giorno che avevo intenzione di scrivere questo articolo.

Tutto nacque un paio di settimane fa quando trovai all’ipercoop il famoso cestone di giochi 360 e PSP a 5 euro.

I titoli ovviamente non erano “freschissimi”, tuttavia alcuni di qualità. Vecchia qualità.

E da qui nasce l’argomento che vorrei porre alla vostra attenzione.

Riassumerò il tutto con un esempio.
Tra i titoli che ho aquistato era presente anche Gun per 360, pagato ovviamente 5 euro.

Si tratta di un tps western (con una discreta libertà d’azione) VERAMENTE datato… se non sbaglio uscì quasi in contemporanea con il lancio della console.

L’ho giocato e finito e nonostante tutte le caranze tecniche/grafiche che ovviamente ci possiamo immaginare tutti, l’ho trovato un gioco estramamente divertente.
In poche parole, un vero affare.

La frase che mentalmente continuava a passarmi per la testa era

“E poi… per 5 euro….”

Ecco ora vorrei chiedervi: quanto incide secondo voi il valore di un gioco e come viene influenzato il giudizio su di esso in base al costo dello stesso?

Mi spiego meglio: prendere l’ultimo Prince of Persia – Le sabbie dimenticate.
Molto spesso mi avete chiesto cosa ne pensassi. La mia risposta è sempre stata “per quanto mi sia piaciuto parecchio, non lo reputo assolutamente un gioco da 70 euro, in primis a causa delle scarississimissima longevità”.

Ecco, indipendentemente da quest’ultimo esempio, voi date mai un giudizio ad un gioco in base a quanto l’avete pagato?

Come sarebbe possibile instaurare una politica dei prezzi in base all’effettiva qualità dei vari titoli?

A voi la parola.

Prova a cercare ancora!

viper5

Zelda Breath Of The West – Zelda sviluppato in Occidente

Se Viperfritz non va a Zelda, allora Zelda andrà a Viperfritz. Questo è un pò ...

Lascia un commento