Sony cazzia a caso

Mi spiace dover scrivere questo articolo, perchè per me è facile immedesimarmi nel “giocatore qualunque” (essendolo io in prima persona), a cui spesso girano i coglioni per torti subiti.

Ecco perchè sono vicino col cuore e con la mente ad un ragazzo più vecchio di me che conosco e che ha subito una specie d’affronto per cui scommetto non ha nessuna colpa, se non quella di essere un bravo giocatore, invidiato dalla poderosa massa di bimbiminkia che frequenta il nostro “amato” PlayStation Network.

Questa è la situazione.
Non farò nomi, nè nick come da sua richiesta, anche a scopo di tutela del giocatore in questione…
Chiameremo l’ex-ragazzo (:trollface:) Annibale, sia di nome, sia di nick.

Annibale ha 36 anni e poco tempo libero da dedicare ai videogames, a livello che non ne compra più di 2-3 all’anno… ma con quei 2 o 3 ci dà dentro parecchio.
A quella veneranda età è difficile non guardare mai il passato con un pizzico di nostalgia.
Quando ne ha l’occasione, e l’occasione si fa ghiotta, non disdegna l’acquisto di giochi puramente retrò.
E’ questo il caso di Street Fighter 4, titolo che gli riportò alla memoria non solo i vecchi titoli da coin-op, ma pure la bravura con cui era in grado di affrontarli.

Giocaci un mese, due, tre, dopo un po’ di mesi nelle classifiche italiane giunge a livelli a dir poco eccellenti.
Ma durante questi mesi?
Macinando vittorie, la sua casella di messaggi privati si riempiva di “Figlio di puttana”, “Sei una merda”, “tua mamma succhia i cazzi dei negri”, eccetera.

A cui lui non dava giustamente peso.

Il problema nasce qualche giorno fa, quando non all’interno della propria casella di messaggi privati su PS3, ma al suo indirizzo di posta elettronica, giunge questa mail:

Gentile (----Annibale----),

Ti stiamo contattando riguardo il tuo account PLAYSTATION®Network. Il 09/01/2012, abbiamo notato che la tua attività online in XMB Messaging ha contravvenuto seriamente i termini e le condizioni di PLAYSTATION®Network per i seguenti motivi: Incitazione all'odio. Di conseguenza il tuo account PLAYSTATION®Network è stato sospeso per 7 giorni. Questa sospensione temporanea terminerà il 16/1/2012. Per favore, tieni conto che ulteriori contravvenzioni dei termini e condizioni di utilizzo potrebbero portare ad una sospensione più lunga o permanente del tuo account. Ti chiediamo di utilizzare questo tempo per rivalutare il tuo comportamento online, così da essere più riguardoso nei confronti degli altri utenti del PLAYSTATION®Network quanto ti unirai nuovamente a noi online. Speriamo tu possa apprezzare i nostri doveri nei confronti della community e il diritto degli altri utenti di non essere soggetti a comportamenti scorretti e fastidiosi. Cordiali saluti The Community Team Sony Computer Entertainment Europe

Et voilà.
Ban di 7 giorni.

Perchè?

Perchè il povero Annibale, colpevole di aver battuto due volte di fila uno sfidante e dopo aver ricevuto di conseguenza 5 messaggi di insulti verso la propria madre, si è rotto il cazzo e ha mandato a cagare il deficiente in questione.

Pena? Ban.

Ma Cristo, ‘ste cose non le digerisco.
Uno per mesi si becca degli improperi e sta zitto. Risponde una volta e viene bannato.

Ma come cazzo funziona questo tipo di “servizio di vigilanza” sui comportamenti scorretti online?
Nel titolo parlo di Sony perchè si addice all’esempio, ma allo stesso modo tiro dentro nella domanda anche Microsoft, probabilmente colpevole dello stesso tipo di reato.

Perchè bannare la gente se poi non vengono bannati gli istigatori?
Funziona tutto “alla cazzo”?

Prova a cercare ancora!

viper5

Zelda Breath Of The West – Zelda sviluppato in Occidente

Se Viperfritz non va a Zelda, allora Zelda andrà a Viperfritz. Questo è un pò ...

169 Più commentati

  1. Il che dimostra l’inutilità del ban…
    Visto che su ps3 è facile avere più di un account,immagino che chi insulta usi un account secondario per farlo.
    Quindi a che serve segnalare??
    Gli bannano un’account e lui se ne fa un’altro in 2 minuti…

  2. purtroppo come nella vita reale se uno si difende passa dalla parte del torto, quindi sto tizio doveva segnalare lui a sony per il ban le minacce ricevute.
    Meditiamo che tutti hanno diritto di giocare come noi o di esprimere la propria oppinione ma i maleducati sono dappertutto oramai…

  3. Farenz io sono stato bannato per lo stesso motivo, insultare qualcuno è sbagliato sempre e comunque e secondo me il modo di ragionare “all’italiana” del tipo:”ma bon dai si è tenuto buono per tanto tempo chiudiamo un occhio” evidentemente sony non li tollera, e il tuo caro amico annibale invece di insultare di rimando, poteva, come faccio ora io, andare sul messaggio sulla xmb, cliccare start e denucnciarlo, che è quello che è stato fatto a lui, se lo faceva invece di insultare di rimando lo metteva beatamente in culo a quello che lo ha aggredito verbalmente.

  4. Secondo me Annibale invece di “abbassarsi ai loro livelli” doveva segnalarli,offendendoli di rimando era normale che se segnalato sarebbe andato incontro a rischi…

  5. Perchè non avete mai sentito la gente su Xbox (visto che li la segnalazione del profilo esiste da molto più tempo) fa rage quit e manda cattive recensioni dei giocatori e/o segnalazioni?
    Solo che per ricevere un ban tipo questo di solito ti devono arrivare 30 segnalazioni…

  6. capita anche a me molto spesso sul live della 360, sia su fifa che su bf3. Io trovo gli insulti oltremodo divertenti e mi limito a rispondere con risate o frasi pungenti, giusto per provocare ancora di più, senza insultare.
    I miei preferiti però sono quelli che ti invitano in party per insultarti a voce :D
    Segnalo sempre, ma non sono sicuro che mamma microsoft faccia qualcosa.. d’altra parte sul live sono “tutti” utenti paganti, non credo abbiano un guadagno a bannare ogni bm che manda insulti…

  7. Scusate, non c’entra niente con l’articolo ma non so dove chiederlo, perché sulla chat mi dice che sono stato “imbavagliato”? (Ho l’omino verde con in basso a destra una specie di cerchietto rosso simile ad un divieto).

  8. magari annibbale ha incitato odio facendo il lamer, anche se tecnicamente non sarebbe punibile nemmeno in questo caso lol

  9. I Serpenti Non Vivono In Alaska

    in una parola? SCANDALOSO!

    per dirla alla farenz:
    psn…mavaffan***o!!!!

  10. Forse invece di punire le più persone che insultavano hanno preferito punirne solo una perché più “facile”… D:

  11. Bisognerebbe capire cosa ha scritto Annibale e cosa ha subito. Magari vado contro tendenza, capisco Farenz, che difende un suo amico, ma per questa situazione credo che la ragione non l’abbia nessuno (nemmeno lo staff del PSN)
    Di norma questo tipo di critiche vengono fatte dai miliardi di pischelli, che popolano internet e da quel centinaio di pazzi/repressi/idioti adulti, che di divertono ad insultare sul web. Da un maggiorenne mi aspetto un “Non ragioniam di lor, ma guarda e passa.” o magari un ragionamento al di sopra di queste stupide volgarità e offese. Al posto di offendere a sua volta (o subire mesi di letame linguistico) doveva far presente allo staff, che a dirla tutta ha la colpa di bannare senza una giusta analisi. Se fossi nello staff mi porrei (e indagherei) delle domande prima di decidere.

    • Si, ma se uno viola il regolamento, viola il regolamento e basta. Non conta chi ha cominciato per prima: non esistono scusanti né attenuanti nella gestione di un servizio online (ma, d’altronde, anche nella realtà se una persona risponde a un torto con un torto è tenuta a dare conto delle proprie azioni davanti alla giustizia).

      • C’è modo e modo. Se violi il regolamento, perchè sei stato istigato o obbligato hai delle attenuanti, e la pena dovrebbe essere rielaborata. La legge è così.

        • Certo, e poi l’altro potrebbe fare ricorso in appello, dai ti sembra una cosa fattibile in un servizio online? Il regolamento vieta insulti, ha insultato, sta fuori sette giorni… manco gli avessero bruciato la console.

          • Non ho mai parlato di tribunali o di appelli, ma di leggi e qualità. Appunto perchè il regolamento vieta gli insulti, dovrebbe essere applicata al meglio. No, la console non gli è stata bruciata, è stato solo insultato. Ma se facessimo tutti questo ragionamento, su internet ci sarebbero bestemmie, volgarità o peggio. Ed io sinceramente non apprezzo la volgarità e l’offesa gratuita.

          • Ed è proprio per questo che chi ricorre a insulti viene bannato e basta, che l’abbia fatto per difendere il suo “onore” o meno. Non ti accorgi che ti stai contraddicendo da solo? Cioè non vuoi volgarità, però sei favorevole a rispondere a insulti con insulti… e allora in cosa si sarebbe diversi dal primo che ci ha offesi?

          • Scusami se ti do’ del “ragazzo che non legge e inventa”, ma io non ho mai scritto che chi difende per onore non deve essere bannato. E non ho detto di rispondere ad insulti con insulti. Giusto che Annibale sia bannato, ma è giusto che anche l’istigatore sia bannato, dato che ha insultato a sua volta. Poi la pena può anche essere uguale, se si crede di perdere tempo ad analizzare il tutto.

            Yumemiru potresti farmi il favore di leggere bene quello che scrivo e poi commentare, le discussioni fanno sempre bene, ma se rispondo a cose che non scrivo non ci capisco più nulla. Se non conosci qualche termine tipo “attenuato” te lo posso spiegare, non significa che non hai il castigo, significa che hai un castigo più mitigato.

          • Ragazzo lo dici a qualcun altro, grazie :D. E poi dove avrei scritto che tu avresti scritto che chi insulta per difendere non dev’essere bannato @_@? Io ribadivo solo il concetto, mi pare. Ma poi, che ne sai che l’istigatore non sia stato bannato?
            Scusami, pensavo che richiedendo un trattamento diverso in caso di risposta a offesa si giustificasse parzialmente il gesto: la volgarità resta non gradita, ma in alcuni casi è necessaria(e in ciò vedevo una contraddizione). Ho interpretato male.
            Comunque sette giorni di ban non mi sembrano una pena severa, sempre che per “attenuato” tu non intenda uno scappellotto.

          • In base a quello che ho letto, credo che l’istigatore (anche se ha insultato per ben 5 messaggi) l’abbia fatta franca.
            Io avrei tipo bannato Annibale 7 giorni (se sapevo che ha 36 anni anche 14, perchè secondo me doveva far fint di nulla o rispondere senza offendere, data l’età) mentre l’istigatore un mesetto, contando che per 5 volte ha offeso.

            Si sono esagerato e potete chiamarmi carogna.

          • A meno che non lo conoscano in real o che qualcuno lo abbia in friend list, mi pare difficile scoprire se l’istigatore sia stato bannato o meno (sta sicuro che se continua con quel comportamento, qualcuno che lo segnala lo trova prima o poi)

    • Tieni conto delle migliaia di segnalazioni che ricevono i moderatori ogni giorno. Sebbene siano pagati, sarebbe il caos totale indagare più a fondo anche solo nell’1% dei casi.
      Un servizio di moderazione può essere garantito solo tramite la più completa imparzialità: i moderatori non sono giudici ma esecutori che, di fronte ad una prova schiacciante, sono tenuti a bannare senza esitazione.

      Per i reclami non ho idea di come funzioni, tuttavia basta un po di buonsenso per evitare di arrivare al punto in cui è arrivato Annibale.

      Non è da escludere che qualche segnalazione l’avesse fatta. La reazione trattata nell’articolo deriva quasi sicuramente dalla frustrazione dovuta ai continui insulti da parte di persone diverse, nonostante la pazienza e la probabile costanza nel segnalare i commenti offensivi da parte di A.

      Semplicemente, i cretini in giro per la rete sono troppi, ci sarà sempre qualcun altro pronto a offenderti, per quante segnalazioni tu faccia.
      Questo alla lunga diventa frustrante.

      • Infatti.
        Io non mi sento di dar contro ad Annibale. Magari è successo in una giornata in cui era già nervoso per gli affari suoi, del resto le giornate storte capitano a tutti. Gli sono girate e ha risposto.
        Questo non vuol dire che i moderatori abbiano sbagliato. Hanno fatto il loro lavoro e l’hanno fatto pure bene. E’ il mondo a essere sbagliato…
        Una delle ragioni per cui odio il gioco online è la presenza di bimbiminchia. Io poi evito di giocare con ragazzini a prescindere, ma online non si può controllare l’età dei giocatori. E anche se si potesse, non cambierebbe poi molto, visto che idioti simili si trovano pure fra persone più grandi.

      • Appunto perchè sono pagati dovrebbero fare il lavoro al meglio. Voglio vedere se un meccanico (pagato) vi fa un lavoro col culo e siete contenti. Possono arrivare anche un miliardo di email, ma devono essere controllate a dovere, magari con qualche tempo in più, almeno la qualità migliora.

        • Ripeto, i moderatori devono bannare in base ai fatti, non alle ipotesi. Se per ogni utente dovessero controllare tutti i messaggi non potrebbero garantire il ban immediato.

          Capisco che possa sembrare ingiusto, ma Annibale era perfettamente al corrente di come funziona il servizio di moderazione (mesi e mesi di insulti e non si informa su come funzionano le segnalazioni? Non ci credo).

          Io pago il meccanico per riparare un guasto, non per farsi gli affari miei, è questo il concetto. Anche se il paragone è un po azzardato.

        • Ti posso dire che lavoro come supporter (e quindi, anche ban/block dei giocatori) per dei giochi browser game (molto popolati da bimbominchia, purtroppo, sono una piaga di internet). Quando mi arrivano segnalazioni di insulti, io leggo il messaggio che è stato segnalato. Contiene insulti? Bene, avverto il giocatore che ha insultato di darsi una calmata (lo blocco solo se gli insulti sono davvero esagerati, oppure se minaccia o roba del genere. Non so come funziona per i moderatori di Sony). Secondo te, un moderatore dovrebbe andare a cercare per ogni singolo giocatore che segnala se anche lui ha fatto carognate? E come? Se mi arriva una segnalazione da parte di qualcuno che un giocatore si è comportato male inviandogli insulti, va punito (nel mio caso, quasi sempre prima avvertito) per dargli una calmata.
          Vorrei vedere se ad un meccanico gli dici che hai un guasto al motore e lui te lo risolve, ma poi gli dici che avrebbe dovuto controllare tutto il resto dell’auto senza però non averglielo nemmeno accennato. Si, paragoni a caso, ma è per rendere l’idea.

          • Invece il paragone è adatto, sto richiedendo un servizio e pretendo di essere seguito e garantito al meglio. Un lavoro è pur sempre un lavoro, il meccanico, come il moderatore, se esegue male un lavoro deve essere ripreso o subirne le conseguenze. Se porto al meccanico una macchina, che non va (sfido chiunque, non meccanico, ad affermare che la macchina che non parte non va per il motore), e questa ha una serie di piccoli problemi, ma il meccanico mi ripara solo uno di questi problemi senza indagare se c’è dell’altro, mi ha prestato un servizio di merda. Se un mod non indaga almeno un minimo, sta facendo un lavoro di merda. Che senso ha, mi arriva un email, e senza critica banno il malcapitato, senza magari vedere l’altra faccia della medaglia.
            Giustissimo non deve bannare in base alle ipotesi, infatti dovrebbe informarsi al meglio. Il mio esempio è calzante, perchè chiunque è andato dal meccanico, pagando e volendo un servizio serio e di qualità, ma poche volte lo si ottiene. Se non si capisce mi dispiace, sono altre le argomentazioni per supportare una tesi il non capire è dettato da altri problemi. Io nel mio lavoro, se ricevo qualche lamentela, perchè il mio lavoro è incompleto (perchè il trattamento subito da Annibale è incompleto) e se non ho le prove che ho fatto il mio dovere il mio capo mi cazzia o peggio.
            E si un moderatore dovrebbe cercare ogni singolo giocatore, inasprendo le pene. Dato che ho esperienza (veramente nel piccolo, moderando un piccolo forum), so che l’insulto è ormai comune in internet, e che sono sempre i soliti. Se preferite questo comportamento, contenti voi.

          • Ma se un moderatore non riceve segnalazioni, delle prove, come fa ad indagare? Non mi puoi paragonare il lavoro su un forum al lavoro di una moderazione come questa.
            Un moderatore come me riceve una segnalazione, dove ti arriva il messaggio incriminato. Lo leggi, vedi cosa c’è scritto, se ci sono insulti o è solo una segnalazione a caso (in questo caso, si cestina e basta) ed agisci di conseguenza. Se fossi stato il moderatore di Sony e mi fosse arrivato come segnalazione il messaggio di Annibale, avrei agito nel medesimo modo. Come fa un moderatore a pensare “ah no aspetta, meglio vedere se non è stato prima istigato, magari questo poveretto non c’entra nulla ed ha insultato di conseguenza”, ma ti pare possibile una cosa simile? Un moderatore che per ogni singola segnalazione deve andare ad indagare se, perchè, quando, dove, come è avvenuto quell’insulto? Ma sei serio?
            E poi come? Deve entrare negli account di ogni singolo giocatore e controllare la loro messageria a fondo? Che poi un moderatore non è un giudice, è un esecutore.
            Anche se Annibale fosse stato istigato da terzi, avrebbe comunque meritato la stessa punizione come chi lo ha istigato, o facciamo il discorso da bambini del “gne gne, lui ha iniziato per primo!!11!!1”. Non sta in piedi.
            Perchè mai il trattamento ricevuto da Annibale sarebbe incompleto? Ha per caso inviato lui stesso delle segnalazioni contro chi lo ha insultato? Ma non mi pare. Che sono i mdoeratori, degli indovini?

          • Un moderatore, o meglio, un membro dello staff (noi continuiamo a chiamarli moderatori, ma effettivamente tu lo sai cosa può fare un moderatore Sony? O se è paragonabile a un moderatore? Sai cosa posso fare i moderatori dei vari forum, ma per il resto non credo, io almeno non lo so) può sotto accettazione di terzi indagare al meglio e affondo a certe questioni, vedendo cronologie e via dicendo. Vi ricordo che vige le legge della Privacy e sono tenuti a tenerla.
            Non ho paragonato il lavoro su un forum con una “moderazione come questa” ho solo detto che nel mio piccolo, le mele marce sono sempre le stesse e l’insulto su internet è diventato ormai cosa quotidiana.
            Non ho detto che Annibale non si è meritato quello che ha avuto anzi (leggere non è un optional, se si vuole discutere).
            Non commento la frasi “o facciamo il discorso da bambini del “gne gne, lui ha iniziato per primo!!11!!1″o “i moderatori sono degli indovini”, perchè sono sciocchezze.
            Sul fatto il trattamento di Annibale era incompleto, hai ragione il suo trattamento è stato completo; il trattamento in generale sulla situazione non è stato completo.
            Io sono convinto, che non controllare o indagare sia un lavoro molto più semplice e sbrigativo. Basteranno 5 minuti a bannare un persona in questo modo, comodo no? Giusto? Lascio a vuoi la risposta.

          • Outer non so se ti rendi conto, ma sul PSN non “vivi” solo tu, Annibale e qualcun altro…
            Ti rendi conto che ci sono milioni di account e altrettante segnalazioni?
            Cioè ma stiamo scherzando? Se uno dovrebbe indagare chi ha iniziato su ogni segnalazione passano mesi e mesi … Quindi non è un questione di comodità :P
            E poi, su! Annibale ha 36 anni, dovrebbe avere una certa maturità, quindi sapeva le conseguenze del gesto.
            Onestamente quando qualcuno sul web mi insulta non lo cago neanche di striscio. Alla fin fine quest’articolo mi sembra più un pianto di un bambino.

          • Iscrivendosi al PSN ha accettato dei termini che vietano categoricamente gli insulti fra giocatori, non c’è molto altro da discutere né altre norme a cui appellarsi. I moderatori sono pagati per rispondere alle segnalazioni e far rispettare alla lettera il regolamento, non per fare gli investigatori o i magistrati. Tra l’altro, ora, non so se Street Fighter prevede la chat vocale, ma il tipo poteva anche rispondere di essere stato a sua volta provocato verbalmente, e allora sarebbe stata la sua parola contro quella di Annibale, e via così per ogni singola segnalazione di ogni minuto, di ogni ora, di ogni giorno, di ogni anno. Per questo per i servizi online si creano regolamenti senza appello, per tutto il resto ci si può rivolgere alla giustizia ordinaria.

          • Guarda, mi sembri con i paraocchi, oramai questa discussione sembra quasi inutile.
            Io ti parlo di come il mio lavoro funziona (a grandi linee, perchè non mi occupo solo del supporto nel mio lavoro) e credo che i moderatori di Sony abbiano più o meno lo stesso andazzo (e seguono delle direttive dai piani alti, come me, non hanno una libertà qualsiasi nell’essere moderatore).
            Del tuo “perchè sono sciocchezze” ti rispondo con un tuo stesso commento : “C’è modo e modo. Se violi il regolamento, perchè sei stato istigato o obbligato hai delle attenuanti, e la pena dovrebbe essere rielaborata. La legge è così.” Io ti dico che se insulti perchè sei stato insulti la pena non cambia, c’è anche modo e modo di agire, insultare perchè insulti resta ugualmente sbagliato. A quella tua frase ho risposto con “o facciamo il discorso da bambini del “gne gne, lui ha iniziato per primo!!11!!1″. Che sia stato istigato o meno, ha insultato, si becca la pena come chiunque altro che insulta.
            Su “i moderatori sono degli indovini?” è vero, se mi arriva una segnalazione io mi baso su quella segnalazione, non posso mettermi a fare seghe mentali.
            Lo so bene che l’insulto oramai è cosa quotidiana, ho da combattere troll e bimbominchia ogni giorno, so di cosa parlo.E le mele marce non son sempre le stesse : magari in un forum li puoi inquadrare, ma un forum non ha di certo la stessa quantità di giocatori di un gioco. Per non parlare poi del fatto che sembra che tu ti basi sui pregiudizi per agire, sempre sul discorso del “le mele marce son sempre le stesse”. Comunque, io mi occupo anche dei forum dei suddetti giochi, un lavoro a 360 gradi per così dire, e ti posso dire con sicurezza che, almeno per quanto capita a me, forum e gioco a livello di segnalazioni ed insulti sono su di un altro pianeta.
            “Io sono convinto, che non controllare o indagare sia un lavoro molto più semplice e sbrigativo. Basteranno 5 minuti a bannare un persona in questo modo, comodo no? Giusto?”
            Mi sembra che tu non abbia davvero idea di come funziona questo lavoro. Mettiamo il caso che arrivano 100 segnalazioni di insulti al giorno. Tu ti metti a controllare tutto l’andazzo dei messaggi dei giocatori (nel mio caso, dovresti proprio forzatamente entrare nell’account del giocatore, invadendo la sua privacy, per controllare la sua messageria, sempre se non la ha cancellata…). A fine giornata, invece di aver risolto 100 segnalazioni, ne hai risolte 20. E le altre 80 rimangono impunite. E mettiamo il caso che non c’era nessuna sega mentale da farsi, e che le segnalazioni erano nel giusto, corrette e senza istigazione. 20 giocatori puniti, 80 impuniti, liberi ancora di fare quel che gli pare. Complimenti.
            Il mezzo che ha il giocatore per difendersi è segnalare. Annibale doveva segnalare e basta, quelli che lo avevano insultato a quest’ora erano al fresco. Invece Annibale ha insultato (non sto dicendo che non lo possa capire, a volte se sei esasperato manco ragioni) ed è passato dalla parte del torto. E lo stronzo di turno lo ha segnalato per ripicca.
            Non sono qui a dire che il modo in cui funziona la moderazione sia giusto o sbagliato, o peggio ancora non sono qui a fartelo piacere. Funziona così, ed i moderatori non ne hanno colpa.

          • “I moderatori sono pagati per rispondere alle segnalazioni e far rispettare alla lettera il regolamento, non per fare gli investigatori o i magistrati.”
            Grazie Yumemiru (e anche master91), anche per tutto il resto del commento :P

          • Allora se sono pagati per far rispettare alla lettera il regolamento è giusto che lo facciano, però valutando l’insieme. Un insulto è pur sempre un insulto, anche se non dichiarato.
            Non credo che i mod lavorino o abbiano le tue stesse capacità, non paragonarti a loro. Ripeto quello che ho scritto prima, non ho mai detto che una persona non debba essere punita, ho detto che è giusto che sia punita, ma è giustissimo che anche altri siano puniti.
            Non credo che se avessero controllato, oltre che Annibale, la persona che ha mandato la segnalazione avrebbero perso molto più tempo.
            Capisco che vogliate difendere la figura dei poveri moderatori, probabilmente vi daranno una caramella alla fine delle discussioni. Io non lo reputo giusto. Non do’ la colpa completa ai moderatori (come ho detto e stra detto), dato che non conosco tutte le varie sfaccettature, problematiche e capacità dei membri/giocatori/problemi.
            Reycom mi stai dicendo numeri a caso, puoi dirmi tutto quello che vuoi, ma se non sai quanti giocatori ci sono, membri dello staff sony, organizzazione, poteri, numero di ban al giorno, tempo per eseguire ban, le tue (come le mie del resto) sono tutte supposizioni. Però io almeno non dò numeri, e non dò la parvenza di dire la verità.
            Scusami ma paragonando il tuo lavoro a quello della Sony mi fa un po’ sorridere.

            Forse per farvi capire meglio posso dirvi una frase che condivido poco, ma è più semplice da capire: e’ il sistema che sbaglia, ed il sistema porta il singolo allo sbaglio.

          • Mah, secondo me vi state scaldando per niente.

            Il Psn non è un forum, dove i moderatori possono anche prendersi il tempo per analizzare più approfonditamente un flame e spartire equamente i periodi di ban.

            I “mod” del Psn devono bannare chi insulta, e ho pure il sospetto che non siano autorizzati ad entrare nel profilo di un utente per esaminare i messaggi, o comunque a leggerli dagli archivi. Ma ammetto di non essere informato in merito.

          • Anzi, già che ci sono chiariamoci un attimo: quando si riceve un insulto tramite messaggio si può segnalare il messaggio o solo l’utente?

          • Giubba sinceramente non mi sto scaldando credo neanche Reycom stiamo solo discutendo, magari in modo acceso, ma credo in modo più che maturo.
            Per le tue domande non so risponderti.

          • Si, siamo tutti figli di moderatori e meccanici, sai, i tuoi nemici naturali ;P.

            “e’ il sistema che sbaglia, ed il sistema porta il singolo allo sbaglio”
            Sfido che non la condividi, sa tanto di frase usata per giustificare la criminalità. (Io preferisco ricordare Socrate in questi casi :D)
            E comunque il sistema non ha sbagliato in questo caso: dà la possibilità di denunciare e blacklistare, se poi uno decide di fare a modo su, se ne assume consapevolmente responsabilità e conseguenze.

          • Giubba, non so se per il PSN è diverso, ma per il mio tipo di moderazione mi arriva solamente il messaggio incriminato, segnato da chi è stato inviato. Il resto della eventuale conversazione non viene segnata, ma solo il messaggio segnalato.
            Outer Heaven, io non ho paragonato il mio lavoro a quello dei moderatori di Sony, sto supponendo che lo abbiamo simile (poi io non mi occupo solo di moderazione, per dire). I numeri erano per fare degli esempi, se non si fosse capito. Sicuramente le segnalazioni del PSN sono infinitamente di più di quelle che ricevo io, ed io ne ricevo parecchie….
            Che poi non credere che il mio lavoro (e per chi lavoro) sia una stronzata :P

  12. Ajò e non piangere, oh annibale. Tutti si beccano insulti ovunque, tu puoi rispondere o no. Se rispondi ne accetti le conseguenze, poi sul fatto che sia sbagliato o meno insultare è un altro discorso ma a me la cosa non sembra assolutamente ingiusta.

  13. Io credo che non possano bannare per un singolo messaggo, ma forse per diverse segnalazioni subite, messaggi segnalati anche solo per il gusto di farlo, non intendo dire che Annibale sia messo a insultare tutti.

    Comunque se non sbaglio solo dall’ultimo aggiornamento è stato introdotta la possibilità di segnalare i messaggi specificando comportamenti scorretti.

  14. Assurdo,uno diventa bravo nel fare ciò che gli piace e si becca pure gli insulti.Io parlo da amante dei picchiaduro e quando vengo sconfitto da uno più bravo di me la prima cosa che faccio è congratularmi con l’avversario e cercare di apprendere dai miei errori per migliorare.Un’ultima cosa:quello che trovo profondamente ingiusto non è tanto il ban ma la facilità con cui chiunque possa ricevere messaggi offensivi;dovrebbero inserire dei filtri perchè non sai mai chi c’è dietro allo schermo,in questo caso un giocatore di 36 anni ma capita anche che ci siano bambini di 8,9 10 anni e ricevere messaggi del genere a quell’età può turbare molto oltre a scoraggiare dal videogiocare online.

  15. Scusate l’immane off-topic:

    http://www.engadget.com/2012/01/10/sonys-kaz-hirai-no-playstation-4-at-e3/

    NESSUNA PLAYSTATION 4 AL PROSSIMO E3 … se non presentano nemmeno la nuova xbox quest’anno (o primi mesi del 2013) uscirà solo la Wii U

  16. E’ nabbo Annibale.

    E mi sento chiamato in causa,visto che Ann1b4l l’ho fatto derivare da Annibale XD

  17. ma annibale ha mai segnalato qualcuno di questi insultatori? come ha risposto al suddetto? anche perchè la sony (e la microsoft di conseguenza) non controllano tutte le miriadi di email inviate ma solo quelle segnalate dall’utenza, anche perchè sarebbe una violazione della privacy e una perdita di tempo, è ovvio che l’insultatore non aspettava altro che una risposta per segnalare annibale, dopo tutto basta un comportamento inopportuno o simili per ricevere il ban, una parolaccia e via (è scritto in ogni regolamento a partire dai forum fino ai vari psn ecc), annibale sè portato dalla parte del torto anche se aveva tutte le ragioni del mondo… non è un fatto di psn xbox live o chi per loro, gli utenti sono una marea ed è impossibile controllarli tutti. anzi si dovrebbe ritenere fortunato che non l’abbiano bannato definitivamente, forse i 7 gg sono da considerare un’avvertimento.
    oppure instiga la violenza perchè è troppo bravo e quindi si attirava l’odio altrui con svariati insulti eccecc xD

  18. io veramente non riesco a capire ma sembra che per certa gente il multiplayer sia piu importante della stessa vita… e’ normale che parta qualche insulto col microfono, ma piu volte e’ capitato anche a me che arrivassero messaggi di insulti, ma io mi chiedo… ci tenete cosi tanto a vincere in un videogame? vi pagano? se vinci ti insultano perche’ sei un camperone o un cheattone… se perdi ti insultano perche’ sei nabbo… bah, ma andare a lavorare no?

  19. E’ stato sfortunato e mi auguro che certe cose non accadano troppo spesso

Lascia un commento