TheGameFathers Extra 01: Scuderia GameFathers

Cover Special -  AleVVR

The Gamefathers Extra #01

La prima puntata Extra di The Gamefathers è una sorta di compendio alla puntata 33. Un approfondimento, un’intervista ai creatori di Assetto Corsa per scuriosare a 360 gradi su tutto quello che sta dietro la creazione di un gioco così acclamato, da parte di una casa indipendente.
I retroscena delle licenze, gli episodi dietro le quinte, ed alcuni consigli utili per chi vuole imbracciare un volante o la tastiera del programmatore.

 

Questa la scaletta:

[01:40] Cos’è Assetto Corsa

[08:15] Il passato di Kunos Simulazioni: Netkar

[34:03] Perché non ci sono simulazioni su console?

[51:50] Ma cosa usare per guidare? Joypad, Volante?

[1:09:40] L’ On-Line ed i Farenz che si appostano lungo la pista per spetasciarti

[1:28:45] La scelta di Steam per distribuire i videogame

[1:48:32] Non si vive di solo pane e Videogiochi?

 

Tracklist:

  1. “La Ballata di Bo e Duke” – Sigla TV
  2. “You Know My Name” – Chris Cornell
  3. “Supercar” – Sigla TV
  4. “I Want It All” – Queen
  5. “Heart In A Cage” – The STrokes

 

Scarrega da iTunes se vuoi trombare tutto il 2014: 

Scarrega direttamente se non ti interessa trumbà:

Prova a cercare ancora!

thegamefatherspills03

The GameFathers Pills #03 – Third Pill

E ci siamo ragazzi. È il momento della terza pillolina di The GameFathers. Vi avevo ...

48 Più commentati

  1. Hey Padrini!!! Dopo TheGameFathers e TheGameFathersLive adesso anche TheGameFathersExtra!!! E chi vi ferma più?!?
    P.S. Non so se vi può interessare ma date un’occhiata al sito “soundcloud . com”. Forse può risultare utile per l’integrazione dell’audio direttamente nell’articolo.
    Un saluto.

  2. ottimo non vedo l’ora di sentire questo podcast la precedente intervista mi era sembrata davvero interessante spero ci siano entrambi i meccanici della scuderia Kunos questo giro :P

  3. Basta auto cazzo!!! ;) questo non è più l’angolo di Farenz ma il garage di Farenz!

    • * di prepotenza
      A maggior ragione tenendo conto che i giochi simulativi, se sono videogiochi (ed è da dimostrare che i simulativi lo siano), lo sono giusto per un soffio.

      • neanche io sono appassionato di simulazioni ma trovo giusto dare visibilità a questi ragazzi per il coraggio e l’impegno che stanno mettendo nell’impresa :)

        • Allora parliamo anche di Mandela che c’ha messo tanto impegno e il coraggio di giocare ai simulativi! xD
          E’ interessante parlare di una sh indie italiana, siamo d’accordo, ma dopo 6 ore un po’ te li smussi i marroni.

          • Ultimamente si parla così tanto di giochi masculi che persino alla moglie di Farenz è cresciuta la barba.

          • Non a caso abbiamo deciso di fare una “puntata extra”, dove extra sta per “comprendiamo che certi approfondimenti possono non interessare tutto il pubblico videoludico, pertanto non facciamo un intervistone di 2 ore in puntata, per non togliere tutti gli altri argomenti “classici” o “generalisti”, ma registriamo un abstract a parte, da mettere come extra per chi invece è appassionato, e le 4 chiacchiere sull’argomento gli sono andate a finire in un dente, facciamo l’intervista su temi più specifici”.

            Un extra gratuito, che non ha tolto spazio e risorse alle puntate ordinarie.

            Direi che se è gratuito, e non toglie spazio al resto, si potrebbe apprezzare lo sforzo.

          • Come ho già detto nei commenti di puntata standard, secondo me aver la possibilità di intervistare chi i giochi li crea è sempre una grande occasione, indipendentemente dal tipo di gioco di cui si va a parlare, tanto più se il gruppo è italiano.

            Anch’io non sono giocatore masculo e non spruzzo per giochi simulativi, però conoscere i retroscena, le idee alla base, gli ostacoli trovati durante la realizzazione, è sempre interessante.

            Che aggiungere si scarica e si ascolta.

          • Il fatto è che l’ora e mezza abbondante “extra”, di un programma di ore, in cui di riffa o di raffa quello è stato l’argomento principale, probabilmente per il futuro potrebbe essere più comodo (vuole essere solo un consiglio) avere una separazione più marcata anche con tutta la puntata su argomento simulazione e l’extra su argomenti senza questa componente (che poi è uno dei motivi per cui da sempre si chiede a gran voce una divisione del podcast nei pezzi che compongono la scaletta piuttosto che il filone gigante, senza che ci sia mai stata una risposta diversa da “eh ma sempre a chiedere questa cosa! Lol!”, tipo una spiegazione del perchè sia una richiesta così idiota).
            Bada bene che non si sta mettendo minimamente in dubbio che tu possa trasmettere quello che vuoi in quanto è la tua trasmissione, spero che questo sia chiaro, ma si tratta di semplice feedback di quella parte d’utenza che avverte una certa pralinatura delle parti molli davanti ad una dose così massiccia di questi argomenti.

          • Al di là delle battute vi possiamo solo ringraziare per tutti contenuti che producete con tanta passione.

      • @Sabnock anch’io ho sempre avuto la sensazione che i simulativi, se sono videogiochi, lo sono per un soffio.

    • Però non ce la possiamo manco prendere con il sempre attivo Viper che sforna video, podcast e articoli a ritmi frenetici ma semmai con gli altri dell’angolo che sono inferiori a livelli produttivo :-)

  4. francamente da non amante dei racing (stò piacevolemnte giocando a need for speed rivals nonostante in molti ne lamentino grandi difetti) pensavo di saltare piè pari questa puntata però, come posso non ascoltare :
    [1:09:40] L’ On-Line ed i Farenz che si appostano lungo la pista per spetasciarti

    e anche un altro paio di punti decisamente interessanti……. maledetto Viperfritz, anche stasera niente film

  5. Viper lascia perdere le critiche di certe persone che propongono certi metodi “fascisti”, io ho apprezzato la puntata, così come mi sono annoiato quando si parlava di animal crossing, ma non per questo vorrei censurare animal crossing dall’angolo, basta solo non rompere le palle agli altri e fruire dei contenuti che interessano senza fare i nerd estremisti che se sentono le parole “sport” o “motori” svengono.

    • concordo in pieno anche se a me queste cose fanno scendere le palle ragion percui SEMPLICMENTE non lo scarico,non capisco perche la gente si lamenta…..

      cmq
      lasciate festeggiare il caro viper e lasciatelo crogiolarsi in questa invasione di giochi masculi i quali non ci saranno per molto tempo vedendo un po le uscite future *trollface*

    • Metodi fascisti… trovo sinceramente più fascista ed insopportabile l’ennesimo nessuno che lancia un “mi piace” in combo con “testa sotto la sabbia” se qualcuno ha il coraggio di dire qualcosa di diverso da una leccata di culo, questo anche senza contare che il mi piace da parte dell’avatar della ferrari è il corrispettivo di chiedere all’oste se il vino sia buono.
      Anche se in effetti non credo ci sia niente da regime totalitario quanto il voler discutere idee pericolose come un podcast diffuso anche in parti e magari pure come video a immagine ferma su youtube…sono idee che aumentando la copertura mediatica a costo zero del podcast, non possono che esserne a detrimento, no?
      Ed è addirittura leninista avere l’audacia di chiedere se (forse) non sia meglio, in casi simili, avere anche la puntata più grossa che parli di questo argomento, relegando nella più piccola quello che potrebbe interessare il giocatore comune, così da avere una differenziazione migliore degli argomenti e di conseguenza fare qualcosa che sia più comodo per l’utilizzatore finale (che è il fine ultimo di prodotti come questo).

      Ah se ti stessi chiedendo come mai ci sia tutto questo totalitarismo nell’aria, perchè sia importante una discussione su temi simili, puoi trovare la tua risposta nel pensiero medio dell’utente insoddisfatto(e in quello pigro) ovvero il “semplicemente non lo scarico” che probabilmente non valorizza il lavoro enorme fatto.
      Ecco perchè questi anarchici si permettono quantomeno di chiedere se sia conveniente affrontare argomenti che se va bene toccano una piccola parte d’utenza e il come veicolare le informazioni.
      Ecco perchè il feedback, di ogni tipo sia, è importante.

      Mi spiace profondamente che gente come te sia incapace di realizzare che è peggiore una posizione tipo “vabbè a sto giro vuol dire che salto e non lo scarico” lanciata lì a cazzo di bue, piuttosto che un “guardiamoci in faccia con onestà”.

      • Adesso mi sembra davvero che tu stia esagerando. Davvero.

        • Ti prego di spiegarmi il perchè, senza risparmio di particolari, visto che non c’è cosa più riprovevole che avere l’arroganza di bollare fascisti dei commenti che non si hanno letto o capito (come se qualcuno stesse imponendo qualcosa con la forza o ne avesse il potere), mentre al contempo si ha l’utilità generale e propositiva di un mi piace di Facebook, senza manco poi magari sentirsi il podcast, ma per partito preso.
          Non so come ragioni tu, ma trovo ragionevole che se uno non sia d’accordo con qualcosa che venga detto, provi a spiegarsi magari spendendo due parole in più, a maggior ragione se il suo interlocutore si stia spiegando con dovizia di dettagli, non certo di supportare uscite ignoranti del genere non sulla base di contenuto o logica, ma sulla base di mera tifoseria come se qui il discorso fosse Viva ViperFritz vs Abbasso Viperfrits, dimostrando quindi di non averci capito granchè.

          • c’è poi vedi certi commenti che bo…

          • Forse hai un po’ esagerato quando hai citato, ironicamente, il leninismo, l’anarchia e compagnia bella? Sai qual’è la differenza tra l’essere ironici e l’essere seri? Invero è molto sottile, e non è facile essere ironici, io per esempio non sono molto bravo. Ma tu sei ancora meno bravo di me. Perché dal tuo commento non traspare nessuna ironia, ma solo arroganza. Sicuramente volevi usare quei termini in modo ironico, ma, beh, non ci sei riuscito.
            Poi non c’è assolutamente bisogno ogni volta di tirare fuori un papiro con termini alquanto fuori contesto, non che io non li capisca, però mi sembra abbastanza idiota, senza offesa, scrivere di leninismo qui, sull’Angolo…
            Poi, scusa, tu dici che dire:”tanto non lo scarico se non mi interessa” non ha senso. Avrebbe invece senso spezzare una puntata in ventisette parti diverse e magari mandarle per mail a ciascun discepolo. Se non si è capito, sono ironico.
            È proprio nel dire:”Questa puntata tratta argomenti a me non congeniali” che viene giustificato il fatto di non ascoltarla! Esempio, al giocatore X piace Action man, ma nel podcast si parla di barbie. Cosa fa? Lo ascolta tutto comunque oppure no? Sicuramente, siccome l’argomento lo disgusta, lo ascolterà controvoglia, e sicuramente non valorizzerà il lavoro di chi c’è dietro, ma anzi, è molto più probabile che faccia tutto il contrario, ovvero che lo demolisca!

          • Sul fatto di dare del fascista ha esagerato e pure sbagliato su questo non ci piove pero se non ti interessano le macchine come del resto a me perce fare polemica non lo scarichi fine.

          • Ho citato leninismo e anarchia dandoli ironicamente a commenti come i miei, non credo di essere l’unico a trovarlo particolarmente differente dal dare direttamente del fascista ad altri, non credi? Con tutto il bene da quello che scrivi apparentemente non hai neanche capito a cosa mi stia riferendo (a scanso di equivoci non ce l’ho ne con Farenz nè con Viper).
            Dal mio commento traspare un certo grado di fastidio nel vedere commenti come quello che sto tirando in ballo (ovviamente il commento del ferrarista che da del fascista random, metto i sottotitoli che almeno è chiaro – questo è sarcasmo non ironia -) che si permettono di insultare il mucchio senza entrare nello specifico, a moh di supporto a prescindere.
            Non ho detto che non abbia senso il “non lo scarico”, leggi meglio, ho detto che è un commento peggiore di chi se non altro ti spiega cosa non sia di suo gradimento e come migliorarlo. Si chiama feedback. E, no, non si tratta di spezzare in 27 files ma di avere più modalità di fruizione per venire in contro all’utenza che appunto è il tuo goal ultimo, se vuoi essere seguito (da qui il discorso di file unico, file spezzato e perchè no video di youtube con solo audio e immagine fissa cosa che ti costa 0 una volta che hai sviluppato l’audio del podcast).
            Quindi più che ironia mal riposta converrebbe leggere quello che viene scritto, non immaginarlo.

          • Quello che non capisco, è il fare tutta questa polemica…un po’ sterile a mio avviso.
            Ultimamente mi sembra che questo fenomeno sia in costante aumento, per tutto e molte volte senza motivo.

            Il minimo che si potrebbe fare, visto che Viper, Farenz e tutti gli altri dedicano tempo personale a condividere con noi parte della loro passione e dei loro interessi, sia almeno quello di ringraziare.
            Dopodiché, se non interessa, ci sono miliardi di altri siti dove approdare.

            A mia volta faccio il blogger nei ritagli di tempo e apprezzo anche quelle che possono essere le critiche costruttive, ma mi pare che qui ogni tanto si esageri e che la situazione venga esacerbata…mi sbaglierò…

          • C’è anche la tendenza ad esagerare la situazione, visto che in questo topic di polemica se ne è vista unicamente in questo subdiscorso, in cui c’è uno che insulta deliberatamente e al posto di essere riprenderso per l’insulto gli si da addirittura il benestare.
            Sul podcast c’è stato unicamente feedback sia esso positivo che “ancora ste macchine”, che è quello che normalmente ci si aspetta dal feedback, senza esacerbazioni di sorta o chissà che altro.

          • Ma perché devi scaricarlo e ascoltarlo comunque anche se non ti interessa? Solo per poter dare un tuo feedback? Mi sembra tanto una boiata… Mi sembra ovvio che il feedback non sarà positivo! E non vale neanche dire che almeno così, con questo tuo feedback, aiuti il podcast a migliorarsi, perché non è così.
            Più che altro, secondo me, quindi prendila come una mia idea, mettere il podcast audio su youtube con sfondo una schermata statica non ha senso. Non ha senso perché se è un mezzo audio, perché devo metterlo su youtube? Perché perdere anche solo quei 5 minuti per mettere lo sfondo e caricarlo su youtube? Tanto alla fine ascolteresti la stessa cosa… Non mi puoi nemmeno portare come protesta il fatto che magari alcuni non hanno modo di ascoltare il podcast, perché nel 2013 ormai tutti hanno un pc e un lettore mp3 su cui caricare il podcast…

          • Se non mi interessasse a prescindere, non saremmo qua a discutere.
            Ergo il fatto di segnalare che tipo di argomenti possano piacere e quali no, mi sembra un atteggiamento dovuto nel rispetto del lavoro svolto, e sicuramente migliore di dire di sì a tutto con un sorriso sulle labbra, mentre in realtà lo si evita come la peste.
            Guarda, non ha molto senso quello che dici, probabilmente perchè non ti rendi conto che più modi hai per sfruttare lo stesso materiale, venendo in contro al pubblico (che è pigro e facilmente annoiabile), meglio è; oramai tutti hanno un pc e un lettore mp3, ma non è assolutamente detto che abbiamo la voglia o l’interesse di scaricarsi il malloppazzo del podcast o che lo conoscano, come risolvere? Copertura anche su youtube (video ad immagine fissa con le tag sui vari articoli della scaletta), divisione del file in file più piccoli (tanto la scaletta ce l’hai già, sai già dove tagliare) oltre al canonico file gigante, mi sembrano le prime proposte che vengano alla mente per accontentare un po’ tutti, non certo scienza missilistica…

          • Io trovo un atteggiamento fascista, o se preferisci stalinista ( tanto sono due facce della stessa medaglia), il voler escludere argomenti da questo sito perché non interessano ad un gruppo di persone. Ripeto che l’angolo, che è solo uno dei tanti pianeti dell’universo di internet, ci offre dei contenuti che noi decidiamo se visionare/ascoltare o no.
            Il feedback non si esprime insultando un gusto, come quello per i simulatori (definendoli videogiochi borderline etc.), ma piuttosto si esprime criticando o plaudendo al metodo con cui un contenuto è proposto e in questo caso credo risulti evidente l’impegno e la serietà riposti nell’intervista che oltretutto non ha come solo argomento le simulazioni, ma ci offre anche un nuovo punto di vista.
            Poi ognuno è libero di non ascoltare questo podcast, ma ultimamente sento troppe “critiche” sparate in aria da persone le quali pretendono che si parli solo di argomenti a cui loro sono interessate bollando tutto il resto come “giochi per casualoni” o “giochi che non vengono giocati dai veri gamer” e altro ancora.
            Inoltre ogni tanto sarebbe anche utile informarsi su argomenti che a pelle non ci interessano, potrebbe essere la volta buona per aprire i propri orizzonti e imparare qualcosa di nuovo.

          • Confondi il fatto di segnalare il gradimento di qualcosa con il fatto di usare la forza per imporre un cambiamento, provando in sostanza a delegittimare una posizione differente dalla tua con l’insulto al posto di spiegare perchè non vada bene. Ovvero si ricorre alla buona vecchia disonestà intellettuale.
            Il feedback è qualcosa di importante quale che sia la sua sfaccettatura di ogni tipo e, sì, si esprime anche domandandosi (e sarebbe bello anche avere risposta alla domanda posta) se effettivamente il genere simulativo sia annoverabile tra quelli videoludici, e nel momento in cui lo sia, quanto possa essere effettivo un programma di ore su di esso, essendo la nicchia della nicchia.
            Mi domando nel bilancio generale che peso possa avere il mio commento sulla pesantezza in relazione a quanto venga effettivamente seguita e commentata, e se ci sia gente che davvero creda che sia meglio starsene zitti, inserendo la testa nell’apposita fessura di sabbia, pensando realmente che sia meglio battersi le balle di una questione piuttosto che provare a discuterla.
            Poi ognuno è libero di avere il livello di critica che vuole, anche pari a zero se non fa scrematura (certo è un sempre un peccato vedere che anni di giochi non gli hanno fornito gusto e spirito critico, a maggior ragione quando questo modo di fare è il fulcro dei problemi in ambito videoludico), ma di certo non può prendere di essere preso sul serio, uscendosene con ovvietà o sciocchezze, nè che il resto del mondo condivida il suo modo di fare. Bada bene che questa frase non è un attacco a nessuno in particolare, se non a chi non è d’accordo su di un punto di vista e al posto di spiegare le proprie ragioni oppure perchè le altrui non siano valide, ricorre alla solita ottima disonestà intelletuale per poter rispondere in ogni caso.
            Producendo inevitabilmente le righe di vuoto e gli insulti che sto appunto contestando.

          • Non credo sia necessario farti notare QUANTO tu stia esagerando. Sotto qualsiasi punto di vista. Non occorre motivare. Il sabnock show sta diventando monotono.

          • Credo invece sia necessario motivare, non essendo poi così palese cosa ci sia di sbagliato nel rispondere ad un’offesa reiterata e non ripresa dalla moderazione, ma anzi applaudita.

  6. premetto che l’ultimo gioco di auto che ho finito è stato barnout3..però cioè siete esagerati, per una volta che i padrini ci offrono un’approfondimento su un genere VIDEOLUDICO, solo perchè interessa alla minor parte degli angolisti, tutti a sbuffare. ragazzi non costa nulla non ascoltarlo se non vi interessa.
    personalmente, mi interessa parecchio la parte su quello che stà dietro la realizzazione di un videogioco, che sia il genere che più detesto o il mio genere preferito.

  7. Sono un incapace nei giochi di guida ma apprezzo l’approfondimento sulla
    creazione di un videogioco.

  8. Io non gioco a nessun racing che non abbia mario nel roster dei piloti, ma apprezzo la puntata…

  9. A me personalmente non piacciono i giochi di guida, giusto un Forza ogni tanto, e per questo non ho trovato avvincenti le puntate in questione, però secondo me bisogna sempre fare molta attenzione nel definire cosa è videogioco e cosa non lo è, cosa è un videogiocatore e cosa non lo è, altrimenti si corre il rischio di delimitare talmente tanto un’area da racchiudere unicamente se stessi.
    Altrettanta attenzione andrebbe fatta nel pretendere da chi produce dei contenuti (gratuiti o a pagamento), che tali contenuti ci rispecchino a pieno, a me non dispiace dissentire da quello che propongono i padrini, se quello che propongono il più delle volte mi diverte, mi informa e mi fa compagnia.

  10. Chiedo scusa per l’ot…La live sarà questa settimana o la prossima? :)

  11. Una domandina off topic, se possibile: come mai in un podcast definito “mascolino” o “masculo” c’è “lo voglio tutto” dei Queen come colonna sonora? Quantomeno ironica come scelta XD

  12. è senza dubbio un extra interessante, come lo è stata la discussione con il tizio di Assetto Corsa nella puntata 33…peccato che poi tutta la seconda parte era una roba registrata addirittura prima dell’uscita dell’xbox one il 22 novembre, ci son rimasto “male” nel senso che avrei voluto sentire qualcosa di nuovo/attuale

  13. AngryCausalGamer88

    bellissima puntata!! Viper professionale come non mai! A me i racing non mi attirano ma tutto quello detto è stato interessante! Complimentoni!

  14. Oh ma che palle sti commenti, detto sinceramente. Del podcast su assetto corsa non può fregarmene di meno indi per cui semplicemente non lo scarico, detto questo è ancora più palloso leggere queste sterili polemiche che vanno a scomodare storia e filosofia per trattare ciò che è semplicemente una passione ed un divertimento. Mamma mia, o non si ha proprio nulla di meglio da fare nella vita che polemizzare persino su una stupidaggine come questa, oppure bisogna rivedere un attimo la scala dei valori e delle priorità! Apprezzate gli sforzi di Farenz & Co., e se non vi interessa l’argomento basta semplicemente bypassare! Detto questo meno pippe mentali e videogiocate di più (o di meno se poi porta a risultati come questi!) :D
    Peace and Love!

Lascia un commento