Trofeo Mon Amour

Fin dalla notte dei tempi, e come già ampiamente dimostrato in diversi post, l’uomo ha sempre cercato di ottenere certi riconoscimenti per il proprio operato. Medaglie, coppe, vari cimeli condividono lo stesso identico scopo, perpetuare il proprio risultato a perenne ricordo e memoria. Il settore del videogioco, data la sua sempre più importante diffusione, non poteva tirarsi indietro.

C’era un tempo quando le memory card diventavano le nostre personali bacheche dove conservare in eterno il salvataggio del gioco finito, caricato e ricaricato fino allo sfinimento per rivedere il filmato finale. Addirittura vi erano alcune riviste che proponevano veri e propri contest a chi spediva per primo una fotografia della schermata di completamento.

Poi fu la volta degli Achievements. Microsoft intuì per prima che i giocatori avrebbero apprezzato un sistema in grado di mostrare a tutto il mondo le proprie gesta, e così nacquero i primi obiettivi. Con essi venne introdotto il Gamerscore, un punteggio globale dato dalla somma dei punti guadagnati con i giochi, un vero e proprio indicatore aritmetico del nerdismo.

Qualche anno dopo era poi la volta dell’ammiraglia Sony e i suoi Trofei, il cui funzionamento è talmente identico a quello dei precedenti che mi sembra superfluo approfondire ulteriormente.

Ad ogni modo gli achievements furono un’idea rivoluzionaria e totalmente azzeccata, tanto da convincere gli sviluppatori a continuare ad introdurne sempre di nuovi con i vari componenti scaricabili aggiuntivi, arrivando a raggiungere finalmente un importantissimo scopo: prolungare a oltranza la longevità di un titolo.

Eh si perché finalmente tramite gli Obiettivi il giocatore poteva trovare il senso stesso del nerdare duro su un videogioco, il poter raggiungere tutte quelle coppette che vanno a rinfoltire la nostra rastrelliera di Plàtini. Quale migliore stimolo per farci riprendere in mano un gioco che sembrava già averci dato tutto?

Io se avessi tempo starei anche giornate intere a caccia di achievements e trofei, peccato che così non sia.. voi come vi vedete? Giocatori della domenica o collezionisti di coppe?

Scrivete, scrivete, scrivete! (cit. Giorgio Mastrota, Bim bum bam)

matyas

Prova a cercare ancora!

viper5

Zelda Breath Of The West – Zelda sviluppato in Occidente

Se Viperfritz non va a Zelda, allora Zelda andrà a Viperfritz. Questo è un pò ...

Lascia un commento