Uncharted 2: first impressions

Mi piace.

Che altro devo dire?

Hanno preso ciò che c’era di buono nel primo capitolo e l’hanno riproposto nel secondo.
I personaggi mi sembrano caratterizzati più profondamente e soprattutto credo sia il gioco che ho giocato finora con la migliore gestione delle espressioni facciali dei protagonisti.

Non ho ancora giocato online e per il momento non credo proprio lo farò.

Prima voglio finirlo offline e prego CHIUNQUE di non spoilerare con i commenti.

La fluidità è buona e la grafica pure.
Le musiche sono affascinanti e gli effetti sonori sono eccellenti.

Consigliato a chiunque.

Se devo proprio cercare il pelo nell’uovo, l’unica finezza che mi lascia un pochino perplesso è la sincronia tra le labbra ed i dialoghi che spesso non vanno di pari passo (non succede con Drake, ma con gli altri personaggi).

Tuttavia, dopo questa ottima premessa, non capisco tuttora perchè Uncharted (sia 1 che 2) vengano considerati come capolavori.

SONO OTTIMI GIOCHI, sia chiaro (per evitare fraintendimenti dai soliti malpensanti), ma sono un misto-frutta di molti altri generi triti.

Se proprio volessi provare a descrivere al meglio come la penso su uncharted, pensate alla mia flop ten dell’anno scorso. Vi ricordate quando parlavo di assassin’s creed, definendolo un’accozzaglia di generi diversi uniti in un gioco mediocre?

Ecco, Uncharted è un’accozzaglia di generi diversi racchiusi, in questo caso, in un gioco molto valido.

farenz

Prova a cercare ancora!

nNsmaEp

Goodbye, Master Race

Il tempo è giunto. Era da anni che non parlavo delle mie scelte videoludiche, ed ...

Lascia un commento