Vita da cacciatore

13839419374_99e3acec5d_b

Monster Hunter è un titolo che ha indubbiamente trascinato le vendite in Giappone del Nintendo 3ds, grazie alla sua formula decisamente assuefacente, basata sul completamento di missioni di caccia e sulla conseguente raccolta di materiali necessari per potenziare armi ed equipaggiamento.

Dato l’incredibile successo, Monster Hunter è stato, quindi, la musa ispiratrice di numerosi altri titoli che hanno sostanzialmente adottato la medesime meccaniche del loro capostipite.

Questi “cloni” hanno visto la luce principalmente su Playstation Vita, console che ha particolarmente sofferto l’assenza di uno gioco come Monster Hunter nel proprio parco titoli.

Il tentativo da parte di Sony di offrire ai propri utenti una valida alternativa all’hunting game di casa Capcom ha portato, dunque, alla nascita di diversi giochi quali Soul Sacrifice, Toukiden e God Eater, tutti accomunati dal medesimo sistema basato sulla caccia al mostro, raccolta dei materiali e potenziamento dell’equipaggiamento.

Proprio su questa linea d’onda è stato realizzato Freedom Wars, action game sviluppato da Japan Studio in collaborazione con Shift.

Il gioco, però, offre qualcosa di più rispetto ai concorrenti, cioè una valida componente narrativa, che, da una parte, permette al giocatore di prendere progressivamente confidenza col sistema di gioco e, dall’altra, aggiunge varietà al susseguirsi delle missioni.

I personaggi sono, infatti, ben caratterizzati e la trama è ben strutturata, anche se non mancano i classici stereotipi, quali l’amnesia del protagonista, di cui vi parlavo nello scorso articolo.

Tutto sommato Freedom Wars, nonostante il sistema di controllo non proprio intuitivo e qualche sbilanciamento nella difficoltà, è un titolo discreto che mi sento di consigliare sia agli appassionati del genere, sia a chi affronta per la prima volta questa tipologia di giochi.

A dispetto di tutto ciò, Freedom Wars è purtroppo un titolo che non lascia il segno ed è assolutamente inutile per una console come Playstation Vita.

Non è inutile giocarci, non fraintendetemi, e non è nemmeno inutile per chi ama i giochi in stile Monster Hunter, ma è inutile per le vendite di Playstation Vita al di fuori del Giappone e questo aspetto è ben più grave se si pensa che questo gioco è probabilmente una delle ultime IP first party realizzate da Sony per la propria console portatile.

A mio parere, Sony ha preso atto del fatto che Playstation Vita vende esclusivamente in patria e che i giochi che vanno per la maggiore in Giappone sono per l’appunto gli hunting games. Quindi perché rischiare con una nuova IP, che possa risollevare le vendite di Vita in Europa o in America? Meglio cavalcare l’onda del successo e proporre l’ennesimo hunting game su una console piena di hunting games, così da trarre il massimo profitto (col minino sforzo, aggiungerei, perché dopo qualche ora di gioco si ha veramente la sensazione che Japan Studio e Shift siano andate al risparmio, riciclando skin, ambientazioni e modelli poligonali).

E difatti così è successo: Freedom Wars ha venduto tantissimo in Giappone e poco nel resto mondo, tanto da passare completamente inosservato in occidente. Il titolo non è stato, dunque, la killer app o il system seller di cui Playstation Vita aveva bisogno e probabilmente Sony era ben consapevole del fatto che le cose sarebbero andate esattamente in questo modo.

Questo discorso non è affatto nuovo e l’abbiamo già affrontato con Nintendo, alla quale abbiamo spesso rimproverato di proporre per WiiU giochi del medesimo genere, i platform 2d, nonostante l’offerta fosse più che soddisfacente.

C’è tuttavia una grande differenza tra Nintendo e Sony e cioè che, a parità di base installata, Nintendo ha cercato quantomeno di supportare la propria console con numerose esclusive first party, mentre Sony ha dato sempre più l’impressione di voler tagliare i rami secchi e di concentrare le proprie forze ed i propri investimenti esclusivamente sulla console casalinga.

La prova lampante di questa politica è il seguito di Tearaway che è stato annunciato per PS4 anziché per Vita, nonostante il primo capitolo fosse stato realizzato ed ottimizzato proprio per quest’ultima console. Oltre a questo, abbiamo visto la totale assenza di annunci di giochi first party per PsVita all’E3 2015.

Con questo articolo però non voglio polemizzare sul fatto che su Playstation Vita non ci siano giochi, perché questo è assolutamente falso. Vita può, infatti, contare su centinaia di ottimi titoli prodotti da sviluppatori indipendenti e da terze parti.

Il mio discorso riguarda esclusivamente il supporto First Party, che a mio parere si è limitato a proporre porting (a volte pessimi) di giochi già usciti per Ps3/4 e pochi titoli di qualità.

Freedom Wars mi è, dunque, sembrato una scelta non azzeccata, quantomeno per il mercato occidentale, se non addirittura uno spreco di risorse, soprattutto se si pensa ai numerosi brand che Sony avrebbe potuto portare sulla propria console portatile.

pabe2-e1435146966640

Prova a cercare ancora!

thegamefatherspills03

The GameFathers Pills #03 – Third Pill

E ci siamo ragazzi. È il momento della terza pillolina di The GameFathers. Vi avevo ...

21 Più commentati

  1. Io ho trovato soul sacrifice bellissimo, tanto da giocarci tutti i giorni per mesi , questo grazie ad una storia bellissima , personaggi ben caratterizzati ed una componente on-line perfettamente gestita.
    Così come ho amato graviti rush , secondo me Sony ha lasciato ingiustamente morire vita in quanto (cit del gatto in una Live) “è una Ferrari Senza benzina” , credo che se Sony la sponsorizzasse e la supporterebbe di più le sue vendite possono risollevarsi tranquillamente.
    Quantomeno fatela diventare un accessorio ps4 almeno la riaccendo,dato che ci gioca solo la mia ragazza per smart as…

  2. Il seguito di Tearaway? Ma Tearaway Unfolded non è una trasposizione del primo (con qualche aggiunta) su PS4?

    • si in teoria dovrebbe essere il primo solo riproposto,adattato ed espanso per ps4 con l aggiunta della companion app che ha detta dei media molecule(gli sviluppatori) aggiungerà molto al gioco.
      Bah si vedrà, a me tearaway su vita non è dispiaciuto troppo,diciamo che era figo poter usare tutte quelle features di vita che praticamente pochissimi altri giochi supportavano.
      quindi secondo me sarà figo poter utilizzare tutte le features di ps4 con l aggiunta di una companion app (che spero rilascino anche per vita ma dubito).

    • Tearaway per Ps4 non è un seguito di Tearaway Psvita, credo si sia sbagliato.

      Quindi niente “prova lampante” xD!!

    • Non è un semplice porting, viene esteso tutto l’ambiente di gioco ed i comandi cambiano completamente e vengono aggiunte feature completamente inedite. Ma non è questo il punto, la questione è che sono comunque risorse che avrei preferito venissero investite per un seguito su Psvita… tutto ovviamente imho.

  3. sono un paio di mesi che gioco a Freedom wars è sono molto soddisfatto, ma sono dovuto andarlo proprio a scovare nello Store per i fatti miei altrimenti “nisba”. qua in Europa la psvita è stata abbandonata soprattutto sotto un punto di vista di marketing, sono convinto che con qualche spot in più avrebbero venduto molto meglio e il supporto sarebbe arrivato.

  4. PS Vita è una console ormai morta (ah!).

    E’ stata definita “Legacy console” dalla stessa Sony prima dell’ultimo E3. L’unico Paese dove ancora ha vendite decenti è il Giappone, per cui il rilascio di un gioco simile ha perfettamente senso, secondo me, se consideriamo il mercato a livello mondiale e non solo occidentale.

    Ormai da tempo il VERO motivo per avere una PSVita è costituito dalla possibilità di rispolverare capolavori del passato (PS1/PS2) e godersi i giochi del Plus, meglio ancora se già si possiede una PS3/PS4. In questo campo la console eccelle, ma non credo fossero questi i progetti di Sony dall’inizio.

    Comunque: avete notato che di nuovi handheld non se ne parla? Correte a comprare una PSVita e un 3DS che saranno le ultime console portatili per almeno un po’ di tempo!

    • magari su portatili Sony ti potrei anche dare ragione , su quelli Nintendo dubito fortemente , figa è uscito da manco un anno il New 3ds ne faranno una dozzina di restyle : il new 3ds XL , il new 2ds , il Mew Two New Pikachu 3ds

      • Il New 3DS è esso stesso un restyling, non una console nuova. I pochi giochi che ha in “esclusiva” potrebbero tranquillamente girare sul 3DS normale ma sono bloccati per questioni di marketing. Il New 3DS XL esiste già. Un New 2DS, anche se uscisse, sarebbe un restyling del 2DS normale e così via.
        Non ci saranno altre console portatili, a meno che non esca un cellulare Nintendo o qualcosa del genere. Triste ma è così.
        Io sostengo addirittura che potrebbero non esserci nuove console casalinghe, almeno nel senso tradizionale del termine.

        • se fossi in Nintendo non lascerei un vuoto sul mercato delle console portatili , visto che è leader del settore , per mettermi nel marasma degli smartphone dove c’è una concorrenza mostruosa.
          In passato hanno pure provato a fare un cellulare console ed è stato un fail tremendo! il Nokia Ngage… :<
          non so chi è stato a diffondere questa idea che siamo all'ultima generazione di console ma non è la prima volta che la leggo , ma dal mio punto di vista ho le idee molto chiare : se effettivamente quello che dici si concretizasse smetterei di videogiocare!i miei gusti ormai sono formati , costringermi a cambiarli ora dopo quasi 30 anni che vivo di pane e console la vedrei come una forzatura insostenibile.

          • Siamo all’ultima generazione di console *così come le conosciamo ora*. Cioè scatolotto più o meno potente che fa girare giochi in locale. In futuro i giochi potrebbero essere offerti in streaming, oppure potrebbero girare sul tuo cellulare e streamati alla TV, oppure sul PC e streamati al visore3D e così via. Spostare il guadagno dall’hardware a un servizio sarebbe un vantaggio notevole per Sony e co. e tutto sembra portare in quella direzione.

            Senza Nintendo il “mercato delle console portatili” non esiste proprio, quindi è difficile lasciarci un vuoto. Le console portatili dei gggiovani di oggi sono cellulari e tablet non GameBoy come 15 anni fa. Se Nintendo vuole restare nel settore dovrà sfornare una console con ANCHE funzioni di cellulare, che possa prendere il posto del cellulare che COMUNQUE ci portiamo dietro.

            I cellulari hanno ucciso diverse categorie di prodotti (fotocamere point&click, lettori mp3), non vedo come gli handheld possano sopravvivere.

          • @uakiki
            no non penso proprio che il concetto di console fissa possa finire…
            lo scatolato è ancora molto importante ed è l’unico modo e speranza di far giocare molti utenti sia per l’usato sia per il collezionismo fetish dell’avere il pezzo di plastica.

            che un giorno avremo il digitale conveniente su console OK… ma lo scatolato e il concetto di console fissa è una cosa che ci porteremo ancora per molti anni…

            giocare in streaming oggi è ancora un privilegio di pochi.

          • @FreeEdition84
            Ai fetish del collezionismo venderanno scatole con dentro il codice per scaricare il gioco (già lo fanno eh? non è fantascienza).
            Per quanto riguarda l’usato esso è visto dalle grandi case come il Male assoluto, in quanto toglie guadagni a loro e li regala ai vari Gamestop, per cui figurati se faranno qualcosa per promuovere il mercato dell’usato.
            Il digitale conveniente sulla TV di casa ci sarà fra un paio di mesetti con Steam Link (c’è già ora, solo che devi smanettare un po’ di più).
            Il ciclo vitale dell’attuale generazione finirà nel 2020. Credi davvero che presenteranno un avveniristico dispositivo costituito da un PC downgradato e un lettore ottico?

          • @uakiki
            Ho fiducia nell’utenza che non mandi a puttane lo scatolato su console.

            Per mandare a puttane lo scatolato a livello di massa su console è la Sony/MS che deve fare prezzi da barboni nello store. Cosa molto improbabile…
            per mandare a puttane lo scatolato su console devi dire addio alle collection, alle steelbook e alle special edition… quindi la vedo molto improbabile.
            sia per il pezzo di plastica colorato, sia per il pezzo di plastica della figura/statua.

            quindi ho anche fiducia che lo scatolato possa vivere per sempre, e che l’utenza aggrappata al fetish continua a giocare GRAZIE al fatto che il videogioco sia in collector edition/scatolato/steelbook edition.

            Molti non comprano i giochi se sono solo in digitale, molti non comprano i giochi se non hanno il platino, molti non comprano il gioco se non c’è la collector/steelbook.
            non può finire lo scatolato, uccidi un sacco d’utenza, e perdi un sacco di soldi.
            Lo scatolato su console e l’usato su console è un male necessario
            proprio come la pirateria su PC.

  5. Soul Sacrifice e’ splendido. Non ho ancora giocato Freedom Wars ma dire che non ci sia valida componente narrativa e’ sbagliato.

    Anzi, con il trucco del libro e il livello del doppiaggio (lo sto giocando in inglese) sono riusciti a rappresentare la componente narrativa in maniera innovativa e convincente.

    Per me Soul Sacrifice e’ un gioco che ogni possessore di vita dovrebbe avere, e uno dei giochi piu’ divertenti (e difficili) a cui ho giocato ultimamente…. sara’ per quel Soul nel titolo… :)

  6. Non esiste Nessun seguito di Tearaway. Quello che esce per Ps4 e’ lo stesso gioco della Vita con qualche aggiunta in piu’….

  7. E comunque morta o no, la vita e’ una console grandiosa, a livello hardware e’ una perla. La libreria di titoli, tra indie e aaa, e’ molto peculiare, un paradiso per gli amanti dei jrpg. Ma un po’ tutti i generi sono coperti (invece il 3ds…..).

    IO che per lavoro viaggio molto la uso il 95% delle volte. il restante 5% e’ diviso tra 3ds e smartphone, con lo smartphone che ultimamente mi da’ piu’ soddisfazioni.

    Sto veramento avendo una crisi di rigetto verso il colorato e bambinesco mondo di Nintendo… non ne posso piu’ di fiorellini e piattaforme rese in 2d….

  8. Queste copie di monster hunter le detesto dal profondo. Non perchè sono un fan di mh, ma perchè ognuna di queste copie sembra risolvere uno dei problemi del titolo che copia (alcuni sono più fluidi, alcuni hanno bisogno di meno farming senseless, alcuni hanno una narrazione) ma lascia tutti gli altri intatti o ne aggiunge di altri. Ma dico io, se devi copiare mh avvantaggiati del fatto che sei libero dai canoni della serie e cerca di risolvere i problemi che ha quella serie. Detto questo, a essere onesti mh4u ha venduto parecchio anche in occidente, monster hunter, con mia somma gioia è ormai un titolo che ha sfondato anche nei mercati occidentali. Quindi magari sony ha sperato che uno dei cloni facesse altrettanto. Per il resto non ho niente da dire, il lasciarsi sfuggire l’esclusività di monster hunter continuo tutt’ora a dire che sia stata una delle mosse più sbagliate (o più geniali dal punto di vista di nintendo) che sony abbia mai fatto in tutta la sua carriera. Psp, una console dalle 1000 limitazioni, distrutta dalla pirateria e con 10’000 problemi, è stata tenuta su da monster hunter, metal gear e god of war. Ci fossero stati i monster hunter del 3ds su psvita, e avessero sfruttato le sue incredibili capacità hardware (rispetto a quel tostapane che è il 3ds si intende), ora magari staremmo parlando di un futuro diverso per questa console. Così come è ora, è una console morta, sony ha fatto gli stessi identici errori che con psp, sperando che gli andasse bene anche questa volta, con ancora meno esclusive e titoli di richiamo che la scorsa volta. Il risultato era scontato.

  9. Federico Caccetta

    Ad oggi mi chiedo ancora perche sony si sia liberata del esclusiva di MH,un gioco del genere a mio parere sarebbe stato una killer app su ps3 e lo sarebbe su ps4 anche perche il gioco giocato con un normale controller passa dall’essere frustrante ad essere appagante in piu gli ambienti e i mostri sarebbero mozzafiato con una grafica da ps4,riguardo al discorso psvita penso che l’eccesiva vicinanza con l’uscita di ps4 sia stata un errore perche giustamente si da precedenza a ps4 e quindi pian piano la portatile è stata abbandonata se poi aggiungiamo che la portatile nintendo sia dotata di una marea di eslusive allettanti il flop di psvita era prevedibile

  10. Freedom Wars è stato sviluppato dagli stessi ragazzi di God Eater. Gods Eater Burst uscito per PSP in Occidente ha venduto, nonostante questo God Eater 2 non ha mai visto un rilascio fuori dal Giappone e in molti incluso me sperano di un adattamento in inglese di God Eater Resurrection (remake di Burst con la storia che si collega al 2) e God Eater 2 Rage Burst (per quest’ultimo è già partita una traduzione fanmade). Invece ci ritroviamo una nuova IP passata in sordina.

Lascia un commento