Voglio spendere di più

Oggi parleremo di un fenomeno che sto notando in questi giorni a parer mio leggermente senza senso.
Qua sull’Angolo abbiamo discusso mille e mille volte del prezzo dei videogiochi, di quanto ognuno di noi lo possa considerare troppo alto, troppo basso (chi direbbe mai ciò?), chi giusto.

Si fanno spesso differenze tra le versioni su disco, le versioni digitali, le offerte nelle catene, la convenienza degli acquisti online.

Esiste però un argomento “parallelo” a quello del costo dei videogiochi e mi è venuto in mente di affrontarlo dopo che diversi amici (ma anche alcuni ragazzi via mail) mi han chiesto consiglio riguardo una domanda che in questi giorni sembra attanagliare moltissimi videogiocatori.

posso giocare a Bioshock Infinite senza aver giocato i capitoli precedenti?

La risposta è solo una: “sì”.

Bioshock Infinite nonostante riprenda (pure troppo, per certi versi) le meccaniche dei capitoli precedenti è completamente slegato dai due capitoli iniziali ambientati a Rapture. Potrete quindi affrontare la vostra Columbia senza aver timore di non capire qualcosa della trama…. (e questa frase, per chi mi conosce, ha molti significati).

Vista la frequenza di chi mi poneva questa domanda, mi sono automaticamente posto una domanda io.

Cos’è che può spingere una persona a voler comprare a prezzo pieno (o quasi) un gioco uscito una decina di giorni fa, quando può facilmente procurarsi una copia del primo Bioshock a meno di un terzo del costo di Infinite?
Anche perchè non stiamo parlando di una saga in cui il primo capitolo risale a 15 anni fa su console ormai introvabili…

Certo, uno può essere interessato direttamente ad Infinite a causa degli infiniti (ah-ha) video che si vedono in rete in questi giorni e  per colpa delle recensioni/videorecensioni enormemente colpite dal titolo, tuttavia mi viene il dubbio che la gente abbia la memoria corta.

Vi ricordate quando nel lontano 2007 uscì Bioshock? Ricordate l’impatto che ebbe su noi videogiocatori e sulla critica mondiale?
Una situazione molto simile a quella di oggi con Infinite, tuttavia oggi manca il fattore originalità.

Sia chiaro, Infinite mi è piaciuto moltissimo e sicuramente è uno dei giochi migliori che abbia giocato in questa prima parte dell’anno, ho amato Columbia almeno quanto Rapture, tuttavia non riesco a comprendere questa volontà di bypassare uno dei giochi più belli di questa generazione (specialmente per l’epoca), passando direttamente al suo terzo episodio.

Fatemi capire voi, maledetti indecisi!

Prova a cercare ancora!

viper5

Zelda Breath Of The West – Zelda sviluppato in Occidente

Se Viperfritz non va a Zelda, allora Zelda andrà a Viperfritz. Questo è un pò ...

166 Più commentati

  1. su gamestop online a soli 19 euro c’è l’edizione bioshock rapture che contiene i primi 2 capitoli + dlc, completamente in italiano per ps3.

  2. Il primo capitolo di Bioshock non è certo la quintessenza del survival-horror, anche lui ha i suoi difetti tecnici o di gameplay, ma sarebbe da giocare (o provare, almeno) in ogni occasione, non solo all’uscita del nuovo capitolo perchè la moda corrente detta “leggi”.
    …Se non altro per l’immensa validità della trama, che ha “preso l’acqua” (ah – ah – ah) di una fonte piuttosto intricata e filosofica ^^

    Lo stesso discorso vale per tutte le altri grandi saghe, tipo Portal.

    • Mi sfugge quando il primo Bioshock è diventato un survival horror..

    • Ma ancora con sto survival-horror ?!? E’ il secondo commento che leggo in questo articolo di questa maniera, fatevene una ragione per la miseria, è un fottuto FPS: FIRST PERSON SHOOTER.
      Cavolo prima di scrivere informatevi…

      • Io lo definirei più FPA : first person adventure ;)

        • Si certo è un FPA alla Metroid Prime in cui spari tutto il tempo e c’hai un arsenale di armi limitato dai proiettili e dalle armi che trovi in giro… L’esplorazione dove starebbe poi ? Riflettete prima di parlare…

          • L’esplorazione dove starebbe? In tutto il gioco direi… ovvio che è abbastanza lineare ma ci sono altre cose da fare oltre che sparare, quindi non lo definirei FPS, ma FPA, poi ognuno la vede come vuole.

          • @ masinka: Sei praticamente teleguidato e le aree sono predefinite e tu mi parli di esplorazione ? Da questo punto di vista i primi erano molto più “esplorativi”. Non vedo comunque oltretutto una così massiccia dose di enigmi da reputarlo oltretutto un Adventure, anche perché nel 90% dei casi passi il tempo a sparare. Non è questione di punti di vista, Bioshock Infinite rispetto a primi due è essenzialmente un fps puro, poi se vedi elementi che ti possono far pensare ad un altro genere ci può stare, ma stiamo pur sempre parlando di un fps per la miseria.

          • Vatti a cercare tutti i diari e poi capirai perchè esplorazione.

          • @ Ekros: Guarda il gioco l’ho finito e credo che le fasi in cui ho esplorato ogni ambiente per trovare monete, cassaforti, codici, potenziamenti pareggino le fasi FPS, poi è chiaro che se uno lo gioca veloce e va da un punto A a un punto B seguendo solo la trama senza, appunto, esplorare le zone “segrete”, è facile reputarlo un FPS. Ma per me non lo è, non solo perlomeno…

      • Ho giocato Bioshock a Difficile e poi a Sopravvissuto pregando per le munizioni e i kit di Evee. Il senso di impotenza mi si è ripresentato molte volte in un ambiente sanguinario, folle e, a tratti, spaventoso. Un’ambiente purtroppo non buio, ma posso solo in virtù di questo non avere il diritto di definirlo Survival Horror? Se no dimmi su cosa e dove devo informarmi perchè non l’ho capito ;)

        • E’ un fps prima di tutto, se poi dal tuo punto di vista presenta delle tematiche che ti fanno ricordare un survival/horror per quanto imho forzate visto che si rifanno ad una cultura steampunk ci può stare, ma che sia un genere diverso dall’fps proprio no. Sarebbe come dire che The Legend of Zelda è un rpg o un jrpg.

          • Sì per questo ho detto che non è la quintessenza di questo genere. Non ho specificato FPS perchè credo sia un dato di fatto visto il gameplay che propone. Ho considerato la “sopravvivenza” semplicemente un valore aggiunto ^^

          • @ rabbyra: Allora scusami, avevo inteso male il tuo commento.

  3. Solo un idiota farebbe questo tipo di domande.
    Prima di tutto esiste Wikipedia, poi amazon.

  4. Sinceramente la città tra le nuvole è tutto quello che serve per convincere all’acquisto
    Parlando seriamente, Columbia è un piacere da attraversare durante le varie fasi del gioco, però trovo che la “magia” che si sente all’inizio quando si compiono i primi passi sparisca in fretta rispetto alla mitica Atlantide (lol) dei primi 2 capitoli, preferisco le abientazioni (e le musiche) dei primi 2 capitoli.
    Somewhere, beyond the sea…

  5. Parole sante, perché bisogna snobbare capolavori che si trovano a poco?

  6. “Sei un nabbo ed un poveraccio se non ti puoi permettere l’ultimo titolo appena uscito a 90€, anche se non hai giocato quello prima” (che magari è uguale e costa 20€..)
    Questo non è un ragionamento su Bioshock, ma in generale, il giocatore (generalmente definito casual) moderno non si informa minimamente su ciò che esisteva prima del suo ingresso nel mondo dei videogiochi (in genere questo stadio dura almeno 1 anno..) e prende solo i titoli di cui vede le pubblicità o che gli vengono consigliati da amici(come lui)/recensori(che danno sempre 9 ai soliti titoli..)/venditori(i quali ovviamente ti faranno comprare il titolo nuovo, sai com’è “è più meglio perché è appena uscito”..)
    Gli unici che si informano (ma sempre troppo poco..) lo fanno chiedendo un parere alle persone ritenute famose (come in questo caso..) semplicemente chiedendo se possono giocare l’ultimo (che hanno praticamente già tra le mani..) senza dover fare la “fatica” di cercare il capitolo precedente (che con le informazioni corrette si dovrebbe sapere che ogni anno su XBOXLive sia il primo Bioshock che il secondo sono venduti in forma digitale a 9,90 e 19,90..)

    • piccola correzione, sono sempre in vendita su XBOXLive, ma, almeno una volta l’anno, vengono scontati a quelle cifre (chi guarda le offerte del Live di sicuro si sarà reso conto che Bioshock è presente ogni volta che ce n’è una..)

  7. Secondo me perché sono due giochi leggermente diversi.
    Seppur il sistema di gioco è uguale (che personalmente alla lunga l’ho trovato ripetitivo)
    La trama, gli argomenti trattati e il concept di Elizabet lo rende molto più interessante del primo bioshock.

  8. Non ho provato il gioco ma penso che facciano bene a chiudere qui la saga

  9. Purtroppo a me non piace:
    il mondo retrò meccanico in cui è ambientato tutto Bioshock e le sue meccaniche di gioco.
    Lo stesso vale per giochi come Fallout.
    Entrambi validi ma per motivi miei soggettivi, non riesco a giocarli. Bella grafica, belle trame, ma l’ambiente retrò (come pure in L.A. Noire) non mi piace proprio :(

  10. Signore Del Vuoto

    Comprato Guacamelee.
    Lo avrei pagato 60 euro, di corsa.
    E’ il gioco definitivo!

  11. Io ormai sono arrivato ad un punto “critico”, da quando gioco su PC: C’è Dishonored su Steam a 25 €, ma preferisco aspettare quest’estate, in cui credo arriverà almeno al 60%di sconto, ho comprato The Walking Dead a 10 euro ma mi son quasi sentito male, visto che mi sembravano ancora troppi. Stessa cosa accadrà al nuovo Bioschock, lo prenderò almeno al 60% di sconto.

  12. Per una mania personale, non esiste che io giochi una serie se non parto dal primo capitolo..
    A prescindere dalla trama che sia legata o meno, io DEVO partire col primo. Molti pochi i casi in cui non sia successo….

  13. ATTENZIONE per chi non ha giocato al primo capitolo di bioshock GIOCATE PRIMA A QUELLO
    ok ammetto che anch’io pensavo che bioshock poteva non essere giocato dal primo capitolo ma mi sono ricreduto… e voi vi chiederete perche ti sei ricreduto?
    ma figa ma propio per l’ambientazione
    chi ha giocato all’uno sa di cosa parlo
    nel senso che nell’uno era tutta una novita’ un mondo in cui non sapevi ne dell’esistenza e nel perche’ fosse stato creato, il senso dei plasmiti e altre cose
    il senso di essere sperduti in questo mondo se fosse giocato dall’ultimo capitolo si perderebbe in un attimo

  14. invece per la storia dei prezzi dei videogiochi e perche’ nonostante tutto si continua a comprare i giochi nuovi e non quelli vecchi la risposta e’ semplice…
    tutti noi siamo atratti come le gazze ladre alle novita’
    i giochi nuovi sono affascinanti e dall’ evoluzioni del gioco stesso, un esempio eclatante
    sono i stessi pes e i fifa, ogni anno vengono fatti sempre gli stessi giochi con qualche piccola modifica, eppure si ricomprano sempre ogni anno e non ti dico quante volte ne ho visto le prenotazioni e la fila per andarli a comprare…
    gia da queste basi si capisce’ perche’ l’ultmimo gioco arrivato sembra piu’ figo degli altri dico sembra perche’ invece non sempre e’ cosi…
    comunque ci sono giochi che si e’ costretti a fare tutta la saga ad esempio non ho mai capito perche’ mass effect inizio per plastation dal 2 che anche se ci hanno fatto un riassunto non e’ la stessa cosa, metal gear per chi non ha mai giocato al primo capitolo non so come fa… eppure nella trilogy il primo capitolo non c’e’… riproporrei halo che mi son perso i primi capitoli e vorrei giocarci (merda, merda, merda, merda)

    sapete che non ho mai giocato ad un capitolo di assasin creed…
    me lo son perso e’ non voglio rovinarmi nulla cominciando dagli ultimi capitoli,
    purtroppo e’ la croce che mi porto, perche’ per me la trama del gioco e’ il succo del gioco

  15. Io invece è da anni che mi prometto di cominciare Bioshock, ma dopo la prima ora di gioco vengo assalito dalla paura e lo abbandono.
    Non so, ma a me fa veramente paura (non ai livelli di Condemned), ma per questo non sono mai riuscito a giocarci. E ho anche il 2 ancora da scartare da eoni.
    Forse Infinite mi sembra più solare e sarei tentato di prenderlo.

Lascia un commento