Vorrei incontrarti fra cent’anni

Sanremo 1996.
Ron e Tosca vincono il festival con una canzone dalle dubbie qualità ma soprattutto rubando, in tutti i sensi, il primo posto ad Elio e le Storie Tese, giunti quell’anno sul palco della manifestazione con “La terra dei cachi”.

Una mail di un ragazzo di nome Matteo ed il titolo di questa canzone – pietosa – di Ron mi hanno dato il pretesto per scrivere questo articolo.
L’argomento potremmo riassumerlo con “I classici di domani”.

Matteo mi ha fatto fare un ragionamento che, come capita spesso, voglio catapultare su di voi: nella sua mail citava molti classici di una 30ina di anni fa.

Pacman, Space Invaders, Asteroids, ecc.

Ma tra 30 anni, quali videogiochi di questa generazione verranno ricordati?
Esistono giochi che secondo voi verranno ricordati e presi ancora ad esempio?

mmm… ci ho pensato su un po’ prima di rispondere.
Oggi si vedono ancora mille ri-edizioni di pacman, tutte molto valide, sempre più gratificanti dal punto di vista grafico, ma il gioco è lo stesso identico di 30 anni fa. Pacman fu qualcosa di geniale, con un gameplay perfetto, cambiarlo sarebbe una vera e propria bestemmia.

Se penso al futuro, secondo me sicuramente ricorderemo titoli di questa generazione, ma ammetto che un po’ rimango perplesso.

Ricorderemo perle come Heavy Rain o Lost Odyssey, con un’incredibile profondità di narrazione, ricorderemo sicuramente questa generazione come la prima ad aver diffuso in maniera uber-massiva l’online su console.
Al tempo stesso però questa generazione sarà nella storia per giochi come Uncharted 2, per la sua grafica spaccamascella (…..) e per i record di vendite di Call of duty e di tutto ciò di nutellesco che ci gira attorno.

Tuttavia…
Difficilmente credo che tra 30 anni mi capiterà fra le mani un nuovo Assassin’s Creed o un Uncharted 28.
Più che altro perchè pur piacendomi, non credo saranno titoli che (sottolineo) dal punto di vista del gameplay, segneranno la storia dei videogiochi.

Non come Mario o Sonic, almeno.

Prova a cercare ancora!

viper5

Zelda Breath Of The West – Zelda sviluppato in Occidente

Se Viperfritz non va a Zelda, allora Zelda andrà a Viperfritz. Questo è un pò ...

101 Più commentati

  1. probabilmente come farenz che non si aspetta di trovarsi un uncharted 28 io per quanto penso che questa serie abbia segnato la storia del videogaming non vedremo di certo un half life 28………..a pensarci bene avremmo gia culo a vedere il 3 T_T

Lascia un commento