I voti sono morti

voti

Non ho bisogno quasi mai di pacche sulle spalle, anche se ammetto che facciano piacere.
Anche quando sei tu a dartele da solo.
Chi in genere esordisce in un dialogo col sottoscritto con frasi come “Te l’avevo detto”, fà aumentare in me la voglia di prendere il mio interlocutore a scarpate nel cuore.
Ma… ve l’avevo detto.
Chiamatemi preveggente, chiamatemi portasfiga, ma esattamente come predissi molti anni fa la facilmente immaginabile morte dei cavi di controller e periferiche, o il disastro totale dal punto di vista delle vendite di console o videogiochi specifici, da quanto tempo ribadisco (soprattutto in The GameFathers) che le recensioni istituzionali corredate da voti numerici… sono morte?
Morte e sepolte.

Non a caso la notizia di pochi giorni fa, che vede il passaggio di eurogamer.net ad una valutazione dei videogiochi senza voti numerici, non mi stupisce affatto.
Tutti noi sappiamo che i voti servono. O forse è meglio servivano?
Princiapalmente per due ragioni:

1. Sono visivamente e psicologicamente molto esplicativi: uno arriva sulla pagina della recensione di AC Unity, vede un 8,5 e pensa “ah ma allora è un buon titolo”. Tac. Rapidi, facili da capire. Immediati.
2. Sono fonti di diatribe, liti, war che portano inevitabilmente ad un aumento considerevole dal punto di vista del traffico sul sito in questione.

Ma nel 2015 si ha davvero così bisogno dei voti numerici?
Secondo me no, e sono convinto di ciò più o meno dal 1995.
Cosa significa 8,5? cosa significa 6?
Cosa significa paragonare un gioco da 8 e un gioco da 9?
Un gioco da 8,3 è decisamente più brutto di un gioco da 8,6?

Personalmente ho trovato sempre ridicole queste situazioni, specialmente perché partendo dal presupposto che non si sa chi stia dando la votazione, non si sa nemmeno con che metro giudichi il titolo. Ma la gente cosa vuole? E’ davvero pronta ad abbandonare il voto a fine pagina?
Come dicevo prima, il videogiocatore sente davvero la necessità di vedere una cifra affibbiata da una persona che si professa capace di giudicare un gioco oggettivamente?
Forse sì, forse i più giovani, accaniti guerriglieri del “il tuo gioco è cacca perché ha un voto più basso del mio”.

Non lo so.
Secondo me c’è molto da lavorare…
Ed in parte in molti lo stanno già facendo.
Non è un caso se negli ultimi anni il modo di ricercare recensioni/pareri da parte dei videogiocatori sia approdato ANCHE su youtube o sui blog, probabilmente perché la gente ha bisogno di associare una faccia, una persona reale, dietro il parere dato all’ultimo Call of Duty. E non è nemmeno un caso che a rincorsa i siti istituzionali si stiano avvicinando sempre di più alla piattaforma YouTube, proprio per mostrare alla loro utenza da chi sia composta la redazione e per far vedere la faccia che sta dietro l’8 dato a Far Cry 4.

Fatto sta che Eurogamer secondo me sarà solo uno dei siti che non cederà più alla tentazione del 7,3.

Chi sarà il prossimo?

farenz

Prova a cercare ancora!

thegamefatherspills03

The GameFathers Pills #03 – Third Pill

E ci siamo ragazzi. È il momento della terza pillolina di The GameFathers. Vi avevo ...

103 Più commentati

  1. Sarebbe bello se TUTTI lo facessero, così serve a poco perché, comunque il voto, che lo si creda o meno (che lo si voglia o meno) si porta addosso una pesante forma di condizionamento cui il giocatore è assoggettato. Se io mi trovo a malgiudicare un gioco che ha preso 9 mi chiedo se non sia io quello che sta sbagliando, come dire che comunque, qualche cosa di bello ci dovrà pur essere in quel titolo, solo perché qualcun altro (esperto per giunta!) ce l’ha visto.

    Non esiste la LIBERA critica perché tutti (e per tutti intendo davvero tutti) siamo intrisi di preconcetti e esperienze pregresse e totalmente soggettive che condizionano la nostra visione sulle cose, e che, in vece della soggettività di cui prima, non possono in alcun modo essere utili se non al solo soggetto che le esprime.

    Ciò detto il voto è dunque l’inutile orpello d’un inutile atto (la critica in sé).

    • in parte dissento, perchè si il tuo modo di vedere la cosa ci può stare ma dall’altra parte si potrebbero impostare in modo diverso ma prima una premessa: io personalmente i voti di tante testate non gli ho mai considerati perchè non davano una guida in stile 5= schifo ma 6 = per tutti o robe del genere.
      Detto questo un’altra cosa che non ho mai visto è stata la seguente: esce Crysis ed è il “mostro” di grafica che nessuno si aspettava, bene allora lui è l’esponente massimo della grafica e merita il 10, tutto ciò che esce dopo di lui dovrebbe avere un voto (in questo caso sulla grafica) in base alla valutazione di crysis.
      Segui questo ragionamento per il restante delle categorie (gameplay, meccaniche, audio ecc).
      Ormai è passato un anno dalla nuova “next gen” e teoricamente nuovi standard dovrebbero essere nati, raggiungendo e superando i precedenti, sta di fatto che come dice Farenz le testate stanno facendo morire queste catalogazioni proprio per non avere tempeste di merda nella sezione commenti.

  2. 2 appunti: Primo, se dovessimo affidarci alle recensioni di una qualsiasi piattaforma di informazione videoludica, lo dovremmo fare non in base ad un numero, ma al contenuto scritto della recensione, possibilmente in modo critico per evidenziare possibili vaccate.
    Secondo, il voto numerico non ha senso di esistere senza una scala di misure: 6 non vuol dire un cazzo a meno che tu dica chilometri, litri o newton.

  3. Piccola premessa: figlio degli anni 80, venuto su a suon di zeta e kappa (per chi non le conoscesse, storiche riviste di videogaming per pc, con ogni mese mucchi di recensioni e voti da 1 a 10, nel caso di kappa da 1 a 100).

    Da quando ho smesso di comprare riviste cartacee, da ben prima della fine di giochi per il mio computer (altra rivista del settore), ho smesso di provare interesse per il voto in sè e per sè. Perché? Perché, forse superbamente, ritengo d’aver acquisito con l’esperienza una sorta di palato fine, diciamo così… Usualmente mi basta guardare pochi dettagli di un titolo per capire se – per me – possono essere validi acquisti o no. A volte mi basta anche solo il titolo vero e proprio a fungermi (più spesso) da deterrente…
    Non potrei quindi che non essere d’accordo con quanto scritto da Farenz.

    C’è un ma… Forse una persona un po’ più inesperta ha necessità del voto per, nella migliore delle ipotesi sane, avere un minimo indirizzo, in attesa di poter formare uno spirito critico…
    Questo senza nulla togliere a tutti i difetti che può esprimere una valutazione ad un videogame, ovviamente.

  4. ciao ragazzi, ciao farenz…
    premetto che il mio parere vale come il 2 di coppe quando la briscola è a mazze però mi sento di esprimere la mia.
    Ho 27 anni compro i giochi che voglio da quando ne ho 15/16, ho sempre dato un occhiata alle recensioni con e senza il classico “numerino”. non gli ho mai dato tanta fiducia perchè mi e capitato spesso che un gioco a cui è stato affibbiato un 6 per me valeva qualcosa in più, sicuramente non era il giocone dell’anno ma qualcosa in piu del 6 valeva. Secondo me i numeri dovrebbero cessare di esistere PERO’ penso che almeno una sintesi finale dovrebbe esserci. Purtroppo nel mondo in cui viviamo si pensa che i game siano solo per bambini, vedi uno mattina ecc, quindi siccome i bimbi non si andranno mai a leggere una recensione di due pagine (gorse pochi) oppure i genitori (quei pochi) che leggono per comprare il gioco al proprio pargolo non hanno il tempo di farlo penso che almeno una sintesi/conclusioni dovrebbe esserci. Nei tempi che corrono non tutti hanno la possibilità di spendere 60/70 euro al day one e forse quel numerino o sintesi finale possono servire per il videogiocatore a capire se prendere il game al day one oppure aspettare un abbassamento di prezzo come dice il nostro caro farenz (anche io ultimamente faccio cosi). Molte volte ci si affida a queste recensioni perchè non si ha la possibilità di provare il gioco prima dell’acquisto (mancanza di una demo o di un amico che lo possiede) .
    ciao ragazzi e scusate il mio parere forse stupido.

  5. credo che faccia molto comodo a molti utenti il numerino a fine pagina dopo scrolli infiniti del mouse.

    il numerino magari può essere anche visto di buon occhio per le SH e i PR. non lo metto in dubbio.

    e posso capire e capisco il fatto che molti ragazzi e giovincelli non abbiano la pazienza di star li a leggere migliaia di caratteri di recensione (difatti ho notato che molti siti adesso fanno le recensioni in video).

    del numerino di voto poi bisogna capire che è il voto del recensore ovvero di UNA persona.
    e non della redazione/testata.
    quindi è tutto molto relativo.

    trovo che forse l’abbandono del numerino di voto sia una perdita di views per varie testate/redazioni,
    perche molto probabilmente è per il numerino che la maggior parte degl’utenti è li.

    e sono anche le testate/redazioni a divulgare anche loro i numerini delle altre testate/redazioni.
    dicendo questo ha dato 8 quello ha dato 7 quello ha dato 5.7.

    non lo so se sia un incremento di qualità togliere il numerino dal voto dei videogiochi
    ma sicuramente qualcosa migliorerà ovvero meno critiche e meno shitstorm nel criticare il peso del numero.

    personalmente dei voti non m’interessano più e li trovo devianti
    proprio come sono i trailer in computer grafica del lancio dei giochi…

    purtroppo mi tocca a spoilerarmi un pezzo di gioco prima di comprarlo.
    che sia su Twitch che sia su Youtube.

    ma è un “piccolo prezzo” che sono disposto a pagare piuttosto di essere deviato in un acquisto che me ne potrei pentire.
    l’ultima cosa che voglio è comprare qualcosa che poi abbandono dopo il 1° o il 2° capitolo.

    difatti con la beta Battlefield HardLine non avrò bisogno di guardarmi gameplay per capire se è un titolo da acquistare anche più in la nel tempo.

    magari è proprio questo il punto che non danno più demo come una volta proprio per far girare l’economia del recensore, del pr, dello youtube o streamer e tutto l’ambaradam che c’è dietro.

    se tutti i giochi avessero una demo/beta/alpha personalmente non avrei più bisogno di vedermi gameplay

  6. ciao ragazzi, ciao farenz…
    premetto che il mio parere vale come il 2 di coppe quando la briscola è a mazze però mi sento di esprimere la mia.
    Ho 27 anni compro i giochi che voglio da quando ne ho 15/16, ho sempre dato un occhiata alle recensioni con e senza il classico “numerino”. non gli ho mai dato tanta fiducia perchè mi e capitato spesso che un gioco a cui è stato affibbiato un 6 per me valeva qualcosa in più, sicuramente non era il giocone dell’anno ma qualcosa in piu del 6 valeva. Secondo me i numeri dovrebbero cessare di esistere PERO’ penso che almeno una sintesi finale dovrebbe esserci. Purtroppo nel mondo in cui viviamo si pensa che i game siano solo per bambini, vedi uno mattina ecc, quindi siccome i bimbi non si andranno mai a leggere una recensione di due pagine (gorse pochi) oppure i genitori (quei pochi) che leggono per comprare il gioco al proprio pargolo non hanno il tempo di farlo penso che almeno una sintesi/conclusioni dovrebbe esserci. Nei tempi che corrono non tutti hanno la possibilità di spendere 60/70 euro al day one e forse quel numerino o sintesi finale possono servire per il videogiocatore a capire se prendere il game al day one oppure aspettare un abbassamento di prezzo come dice il nostro caro farenz (anche io ultimamente faccio cosi). Molte volte ci si affida a queste recensioni perchè non si ha la possibilità di provare il gioco prima dell’acquisto (mancanza di una demo o di un amico che lo possiede) .
    ciao ragazzi e scusate il mio parere forse stupido.

  7. Io non ho mai dato importanza al numero ma bensì vado a leggere la recensione per vedere cosa mi potrebbe piacere o no di un determinato gioco. Poi ormai tra youtuber che ne parlano dei giochi , i siti trasmettono live su twitch ecc dove parlano e fanno vedere gameplay sono quasi inutili le recensioni scritte oltre che i numeri xk vedere un gameplay e tantissimo. Se non sbaglio cmq al posto dei numeri ora mettono i bolliti i tipo la televisione verde gioco consigliato rosso non consigliato e giallo è tipo meglio aspettare

  8. Io la mia idea su un titolo me la faccio leggendo le notizie varie, guardando le anteprime (In alcuni casi evito anche quelle perché voglio la “sorpresa”) e ascolto magari i pareri di chi l’ha provato. Non credo che il voto sia essenziale però credo possa dare delle line guida a chi sta leggendo la recensione, però non credo che il voto sia oggettivo per tutti, mi spiego meglio: personalmente io quando gioco un titolo oltre ad essere influenzato dalla trama, dal gameplay e da tutti gli altri componenti che compongono un VG sono anche condizionato dal mio “stato d’animo” ad esempio quando giocai a Deus Ex: Human Revolution lo giocai in un momento un po movimentato della mia vita e giocare a quel titolo mi faceva letteralmente cagare e lo portai a termine con estrema fatica e poca voglia, però la stessa cosa non si presento giorni dopo con un altro titolo (di cui ora non ricordo il nome) che portai a termine senza fatica, successe lo stesso con Red Dead Redemption quando lo possedevo su 360 lo abbandonai poche ore dopo mentre quando l’ho ripreso mesi fa su PS3 non riuscivo più a distaccarmene tanto da diventare uno dei miei titoli preferiti. Magari succede solo a me e probabilmente se rigiocassi adesso a Deus Ex ne apprezzerei di più i vari aspetti o forse no, ma sono certo che un giudizio imparziale su un titolo può essere condizionato da tutto e anche se i VG sono un modo per “evadere dalla realtà e staccarsi dai problemi” l’influenza dello stato d0’animo potrebbe influire parecchio. Due settimane fa ho finito Fallout: NV con una fatica immonda ed io ho adorato Fallout 3 ci ho speso più ore li che a socializzare con la figa. Detto questo credo che i siti possano tenere i voti anche solo per dare una linea guida di chi non ha “voglia” di leggere la recensione, io se un titolo mi interessa mi leggo la recensione e il voto lo considero solo marginale, ho giocato recentemente a Duke Nukem: Forever e mi sono divertito di più che giocare appunto a Deus Ex oppure a Darksiders II. Non esiste giudizio imparziale soprattutto nei videogiochi.

  9. Cmq in riferimento a sopra un ragazzo che scriveva compro a scatola chiusa giochi li provo e poi elenchi titoli come bloodborne, the witcher 3 i souls precedenti … Scusa se te lo dico ma grazie al cazzo sono titoli ottimi e come andare a colpo sicuro si sa che non saranno giochi di merda magari non belli come i precedenti ma validi. È come se dico prendo fifa senza leggere le recensioni e grazie so cosa mi aspetta più o meno

  10. Concordo, un numero non può esprimere l’anima di un gioco.
    Un 8 dato da un sito per qualcuno potrebbe essere un 10,
    per altri un 4 se non piace il titolo in questione.
    E certi recensori sono davvero inaffidabili.
    Altri invece sono pagati.

  11. si ma…..

    …se a quelli come te Farenz, a cui le recensioni non interessano per principio, non vedo cosa cambi il fatto che venga tolto il numero. Spiego meglio. Se pinco pallo fa una recensione è da questa scaturiscono evidenti difetti nel gioco, sempre a suo giudizio naturalmente, è logico che a fine articolo troveremo un numeretto basso. Quindi io la vedo più come una perdita ai fini della completezza della recensione, sopratutto per i tanti che il voto lo utilizzano come primo indicatore di qualità di un gioco. Poi il fatto che anche io preferisco provarlo un gioco per giudicarlo non cambia il discorso, visto che dalle altre risposte è emerso che tanti leggono ancora le recensioni.

  12. Solo perchè Eurogamer (solo la sede UK tral’altro, le altre sedi hanno avuto carta bianca) ha rinunciato ai voti, questo non significa che lo faranno anche gli altri.
    Tral’altro dire che Eurogamer ha abbandonato il sistema a votazioni è una mezza cazzata, perchè le votazioni ancora ci sono, solo che non sono i classici “dall’1 al 10”, ma sono: “Fa schifo – E’ decente – E’ stupendo”.
    Naturalmente non c’è proprio scritto così, ma il significato è quello.
    Solo i siti più famosi e conosciuti al mondo possono permetterselo e saranno forse 3-4.
    Tutti gli altri manterranno sicuramente i voti, almeno per i prossimi anni.
    Come già hanno spiegato vari esponenti del settore: “l’utente entra sul forum, vede il voto e decide. Nella maggior parte dei casi, nessuno vuole spendere 10 minuti a leggersi una pallosa recensione scritta”.
    Per alleviare la rottura di palle, nacquero le videorecensioni, ma da allora i voti non sono mai stati abbandonati.
    Ora stanno nascendo anche le audiorecensioni, ma ancora non hanno preso piede.
    La maggior parte degli utenti se vede che un sito abbandona il sistema a votazioni, passa ad un altro, perchè non vuole perdere tempo.

    Quindi vedi, alla fine non hai anticipato proprio nulla xD

    “morte dei cavi di controller e periferiche, o il disastro totale dal punto di vista delle vendite di console o videogiochi specifici”

    Peccato che il 90% degli utenti console usa ancora i pad col cavo e che una buona fetta di utenti (diciamo il 55%) compra le periferiche delle varie console.
    Per quanto riguarda la morte di videogiochi specifici… non ci voleva un genio a capire che RE e FF sarebbero morti da li a poco.
    Che poi morti… ancora vendono; non tantissimo, ma bene.

  13. Secondo me Farenz è tutto relativo: per me che sono pigro oppure ho poco tempo può far comodo un voto numerico a fondo pagina. Poi se il gioco mi interessa davvero leggo e nel caso appeofondisco. Ma un 6.5 dato ai giochi di ken non mi hai mai fatto desistere dall’acquisto flo al d1.

  14. il problema non è in chi da i voti ma in chi li legge:
    danno 8 a far cry 4? amen, per quanto mi riguarda è già un incentivo ad informarmi
    danno 6 ad Akiba’s trip? mi sembrava interessante ma mi mette in allarme, ne controllo il motivo
    danno 6 a The crew? mi interessa poco, lo “bollo” come poco appetibile e stop

    io non posso leggere le recensioni di tutti i giochi in uscita su tutte le piattaforme che possiedo (solo Viperfritz ci riesce), devo necessariamente scremare battezzare quei 10 giochi all’anno che andrò a comprare ed il voto è un rapido modo per “buttare nel cesso” un buon terzo dei titoli usciti e dedicare il (sempre meno) tempo rimasto a documentarmi su ciò che può essere appetibile

  15. Un altro aspetto parlando del fatto di prevedere il futuro quando dite che anche la stampa specializzata non ha più motivo di esistere ecc ecc per me sbagliate. Sono la prima fonte dove conoscere i giochi, le news, ip sconosciute. Cioè o uno ha il tempo di cercare in rete tutte le news che poi sempre su siti stranieri sono pubblicate oppure giornalmente i siti italiani ti informano su nuovi titoli poco pubblicizzati, su cosa uscirà ecc ecc almeno per il mio parere sono importanti. Poi almeno negli ultimi anni ho trovato pochissima discrepanza da una recensione su uno di questi sito da quello che effettivamente era il gioco anche perché dire una stronzata al giorno d’oggi dove ci sono moltissime persone che parlano di un gioco si verrebbe sgamato subito al contrario di prima dove compravi la rivista e ti fidavi di quella pubblicazione e basta. Comunque ci saranno anche elementi oggettivi per dare un voto ad un gioco ma alla fine resta un media che ha lo scoop di divertire a volte gioghi da 9 ritenuti da tutti capolavori mi rompevano le palle dopo pochi minuti , giochi di merda che mi facevano passare i meglio pomeriggi. Sono un media talmente soggettivo che servirebbe la recensione di ogni giocatore e ognuno troverebbe difetti e pregi diversi.

  16. Se dovessi informarmi sulla bontà di un gioco dalla recensione da uno youtuber, sarei alla canna del gas, videoludicamente parlando. Preferisco da sempre una recensione scritta e firmata, sarà una questione di abitudine, nero su bianco, 4 foto e quante più informazioni utili a farmi un’opinione sul titolo trattato.

    Poi il giudizio, il voto numerico, le stelline, quello che vi pare, la sostanza non cambia. Perché se ci si può fare la guerra per un decimale di voto, la si può fare anche per un bollino colorato, per un aggettivo o per una frase ammiccante.

    Chi si approccia ad una recensione dovrebbe però ricordare che l’ oggettività non esiste e inseguirla è inutile e deleterio.

  17. Kotaku lo fa da tempo comunque…

  18. da come la vedo io da quando c’e’ internet e c’e’ piu’ comunicazione e si interagisce con persone come ad esempio l’angolo di farenz non c’e’ piu bisogno da moooooolto tempo di dare un voto ad un videogioco
    ormai.
    l’ho gia detto in un’altro post i veri giudici siamo soltanto noi,
    si perche’ per me un videogioco va a gusti molto personali lo si vede ogni giorno di piu’
    e lo si sapeva da tempo…. ognuno ha i suoi gusti ognuno in un determinato gioco da giudizzi diversi
    e non sono mai uguali…
    chi dice che un gioco e’ una merda totale, chi dice che e’ una figata pazzesca.
    ma all’ora cosa serve recensire un gioco?
    per me serve recensirlo non piu’ che altro per dargli un voto, ma per capire se un gioco calza benissimo ai nostri gusti da gamer…
    serve per farci scoprire nuovi giochi a cui non ne sappiamo niente e su questo ringrazio anche l’angolo
    serve per darci la possibilita di non buttare soldi su un gioco o su una console che magari potremo pentirci di prendere….
    e’ questo che io cerco in una recensione e’ questo in cui mi piace aprire una discussione
    certamente la valutazione finale dipendera’ solo da noi….
    certamente ormai capiamo se un recensore dice cazzate
    certamente ormai non siamo piu’ spaesati come eravamo anni adietro
    in poche parole siamo dipendenti si ma vedere una console o un gioco in azione con vari impressioni aiuta
    e aiuta parecchio….

  19. Alla luce dei voti completamente discordanti che sta prendendo The Order (si va dal 4 al 9.5) è ancora più palese quanto le recensioni in genere, e i voti in particolare siano assolutamente inutili e per nulla rappresentativi della qualità dei giochi…

    • DISCORDANTI?
      Il 9.5 è una trollata enorme, basta leggere bene la review :)
      Se scartiamo l’unico 9.5 e i due 3 la media è di 6.2 … cioè una merda.

      Non possono essere discordanti i voti se c’è un 9.5 su 48 review (tra l’altro, ribadisco, è una trollata del sito ai fanboy Sony)

      • Mah…veramente a parte il 9.5, ci sono altre 12 review tra l’8 e il 9, ben 27 sono tra il 6 e l’8 e 11 sotto il 6, quindi nonostante la maggior parte dei voti sia tra il 6 e l’8, direi che cmq il range è troppo ampio per essere rappresentativo del gioco. Cioè praticamente lo stesso numero di riviste dice sia che il gioco è bellissimo, sia che è una merda. A chi credi? Io personalmente a nessuno, lo proverò e giudicherò di persona.

  20. Hai scritto 5 righe per spiegare in modo errato la media aritmetica?
    I voti, scartando i primi 4 e gli utlimi 4 dimostrano che il gioco è una merda.
    Poi, vuoi che non c’è altro, vuoi che il brand Sony in Italia è fortissimo nei ragazzini, vuoi che quando una butta nel cesso 60€ si sente in dovere di autoconvincersi … vuoi quello che ti pare ma questo film è una cagata.
    Lo dicono i numeri, lo dicono le review (comprese quelle che gli hanno dato 8, basta leggerle) e lo si può evincere giocandolo un pomeriggio (e quindi guardandolo tutto).
    Jonathan Blow ancora ride, leggiti i suoi commenti.
    Ma il bello è che nonostante tutto, molti ragazzini lo compreranno e daranno la possibilità ai RAD di farne un secondo film.
    Grazie a loro questo hobby sta diventando una MERDA.

    • Punto primo il gioco non ce l’ho né lo prenderò a breve quindi non devo giustificare alcuna spesa, seconda cosa, lo hai giocato per dire che è una merda, o sei uno di quelli che scambia per Chanel qualsiasi scorreggia fatta dal recensore di turno? Infine nessuno vuole difendere the Order, è solo un esempio per porre l’accento sull’utilità relativa delle recensioni, discorso che si può applicare a QUALUNQUE gioco, che sia The Order, Ryse, Destiny ecc.

  21. Io ho sempre preferito i vlog/blog di recensioni perché spesso esprimono giudizi e non votazioni numeriche riguardo i prodotti. Il voto numerico è da museo, non serve a un cavolo ed è schifosamente una valutazione soggettiva resa oggettiva dal numero matematico. W i giudizi, viva le recensioni lunghe, viva il perder tempo a discutere.

Lascia un commento