Xenoblade Chronicles X

1449135139_xenoblade_chronicles_x_01

Dopo aver visto il trailer di Xenoblade Chronicles X durante un Nintendo direct di qualche anno fa, mi sono fiondato da Gamestop a comprare un WiiU, felicissimo per l’annuncio!

Ora che finalmente sono riuscito a mettere le mani su questo gioco e completarne la main quest, grazie alla pausa natalizia, posso condividere con voi le mie impressioni sul titolo, acclamato da molti come il miglior rpg del 2015. Sarà vero?

Parto subito con un primo avvertimento: Xenoblade Chronicles X è totalmente imperniato sull’esplorazione, forse anche in modo più marcato rispetto al predecessore. Maggiore è l’area esplorata, maggiori sono i vantaggi conseguenti. Si raccolgono oggetti utili per completare istantaneamente alcune quest secondarie, si possono scoprire nuove aree alle quali accedere istantaneamente col teletrasporto e si individuano le zone esatte in cui reclutare alcuni membri del party, o accettare quest.

In questo caso il pad del WiiU è di estrema utilità, perché ogni elemento scoperto viene segnalato con un’apposita icona sullo schermo, che rende più facile localizzare i comprimari e le missioni di intesa, alcune delle quali necessarie per la progressione della trama.

Quest’ultimo aspetto non è di poco conto ed anzi rende obbligatorio un secondo avvertimento: Xenoblade Chronicles X non è story driven. Nel senso che le missioni principali non si susseguono automaticamente una dietro l’altra, ma devono essere selezionate in un apposito hub e richiedono il completamento di alcuni prerequisiti prima di essere accettate, quali l’aver esplorato una certa percentuale di un continente, oppure aver completato alcune missioni di intesa.

Questo aspetto è probabilmente uno dei più controversi di tutto il gioco. Perché il completamento dei prerequisiti necessari per proseguire con la main quest può diventare più difficoltoso di quanto sembri. Il gioco infatti si limita ad indicare il nome della subquest necessaria e nient’altro. Spetterà al giocatore scandagliare l’intera città per trovare il luogo esatto della missione d’intesa, la quale a sua volta può richiedere il completamento di ulteriori prerequisiti o la necessaria presenza di specifici membri del party, che magari non hanno mai fatto parte del team ed hanno, quindi, un livello ed un equipaggiamento molto basso.

A questi aspetti, che non sono necessariamente negativi, si aggiungono invece difetti belli e buoni, quali il testo dei menu e dei dialoghi scandalosamente piccolo e l’assenza di un indicatore di direzione per  le quest di raccolta, che costringe a collezionare oggetti alla cieca, nella speranza di trovare quello richiesto dalla missione.

Xenoblade Chronicles X, nonostante queste pecche, eccelle per la profondità del sistema di combattimento e dell’esplorazione.

Esattamente come nel prequel, le battaglie sono spettacolari, sia a piedi che a bordo degli Skell, e richiedono il giusto abbinamento di tecniche e abilità per affrontare i nemici più impegnativi. Non è possibile controllare direttamente gli altri membri del party, ma il personaggio principale dispone di 16 classi di combattimento ognuna delle quali permette di spaziare tra svariate tipologie di armi e di arti. Oltre a questo, è possibile potenziare l’equipaggiamento, creare armi nuove ed ingrandire e migliorare i negozi in modo da poter disporre di armature potentissime e di Skell di alto livello, necessari per affrontare alcuni nemici altrimenti imbattibili.

Il pianeta Mira è meraviglioso, complesso e ricco di aree nascoste, alcune delle quali perlustrabili solo tramite gli Skell. La world map è vastissima (molto più grande di Skyrim per capirci) e tutta liberamente esplorabile. Tuttavia, vagare per i continenti del pianeta richiede una certa attenzione, perché la fauna ostile è stata organizzata in modo tale ogni luogo contenga delle insidie e delle minacce improvvise che spesso costringono alla ritirata.

Da ultimo, vi confesso che, nonostante le critiche che si leggono in rete, la trama è veramente stupenda e raggiunge il culmine nel finale. Quindi il mio consiglio è di portare a termine la missione principale prima di  giudicare l’aspetto narrativo. Le quest di intesa permettono poi di approfondire il background dei componenti del party e sono quindi veramente piacevoli da svolgere.

In definitiva Xenblade Chronicles X è un gioco molto bello ed un must buy per gli amanti degli rpg anche di stampo occidentale, ai quali questo titolo si ispira. Tuttavia, l’organizzazione delle quest e la complessità dei menu di gioco impediscono a questo capitolo di raggiungere l’eccellenza del  predecessore, che rimane indiscutibilmente il miglior jrpg della scorsa generazione.

pabe2-e1435146966640

Prova a cercare ancora!

Watch-Dogs-2-1

I giovani non sono così

Non ci siamo. No, no e no. Che disastro amici, che disastro. Pochi giorni fa ...

13 Più commentati

  1. Mi confermi i dubbi che sono stati ormai riscontrati dalla maggior parte dei giocatori, ossia l’esplorazione e le quest che cono molto più diluite con la trama. Devo ancora provarlo ma nonostante queste scelte di design spero di apprezzarlo come il precedente

  2. Complimenti per la recensione Paolo, avevo proprio bisogno di un “parere angolare” su questo gioco.
    Detto questo purtroppo, non mi sono tolti i dubbi che mi assillano….potrei iniziarlo e non staccarmici più, o mollarlo dalla frustrazione….
    Ho “rischiavo” con Dragon Quest Heroes, ma mi sta piacendo un casino e lo trovo davvero molto molto bello, ma avevo già deciso di prendere la Play 4 per ben altri giochi.
    Non ho una Wii U, anche se sono intenzionato a comprarla, qualcuno mi sà dire dove la posso trovare nuova a basso costo??
    Amazon spara 300 euro…non li spendo questi soldi per una console sulla via del tramonto ormai.

  3. Mah, per quanto riguarda l’indicazione dei collezionabili è meglio che non ci sia, sarebbe troppo facile.
    Spero che le tue considerazioni sulla trama le riscontri anche io, perché, per ora (capitolo 7 completato) la storia non mi sta entusiasmando, almeno non tanto quanto il primo Xenoblade.
    P.s. Gli Skell sono davvero troppo belli XD

  4. Concordo su tutto, gran bella analisi. Aggiungerei solo che inizialmente è molto facile che il giocatore si perda un po’, dato che il gioco “lo abbandona” a sé stesso vista la mancanza di tutorial di qualsiasi tipo. Per poter affrontare questo titolo è imperativo mettere in conto di passare un po’ di tempo sul manuale digitale, altrimenti molti elementi del gioco non saranno mai chiari.
    A parte questo, l’ho trovato davvero molto bello e coinvolgente sia per la fase di esplorazione, sia per la trama. Ho letto di un po’ di gente che si è lamentata perché la trama sarebbe abbastanza breve: personalmente, non ho avvertito niente del genere, tra le ore passate ad esplorare e a quelle impiegate per completare le missioni secondarie e d’intesa.

  5. Io ce l’ho dal day one.. per ora 65 ore di gioco… a parte la storia principale per il resto è SPETTACOLARE, i combattimenti a piedi e con gli skell sono al limite della perfezione, grafica che spinge al massimo l’hardware della wiiu, una delle ost più belle nella storia dei videogame… insomma a mio avviso è un gioco da 9.5/10(al primo Xenoblade do 10 perchè in effetti era migliore sotto alcuni punti di vista(storia principale e caratterizzazione dei personaggi)).

  6. Ce l’ho li’ parcheggiato sulla mia Wii U. Devo prima finire Pillars Of Eternity su PC e poi comincero’ sto giocone… devo ammettere che mi fa un po’ paura… spero mi piaccia.

  7. Ho comprato la wiiu solo per questo gioco, diciamo che dal suo day one sto giocando solo a quello XD

  8. ciao a tutti, questo è il mio primo commento sull’angolo anche se vi seguo da tantissimo tempo.
    Il gioco è stupendo ma oltre a non riuscire a leggere le scritte sullo schermo non riesco a trovare(infatti immagino che non ci siano) le impostazioni per abbassare la musica che è si molto bella ma a volte copre i dialoghi!

  9. Ho finito xenoblade 2 giorni fa e trovo davvero interessante come quelli che Paolo ha elencati come difetti io li abbia vissuti come pregi di una produzione comunque non priva di sbavature.
    Aspetto di discuterne personalmente alla prima live/podcast/

Lascia un commento